WIKI DIARY pt.2

words and images by Fritz Haeg

I have been marking each day with an image and related sentence. Here are a few of the most recent....


On April 23rd, 2011,
FAVAS…

fresh favas twice de-nuded: served fresh they should be shelled from the pod and then de-skinned

…from the Roman rooftop - shelled twice and served fresh with pecorino are the classic May 1st Roman picnic dish - which we are enjoying a week early tonight.


On April 22nd, 2011,
ROMAN CATS…

can you spot all four cats making themselves at home upon this ruin of a Roman wall in Largo Argentina?

…at Largo Argentina cat sanctuary caught my attention while passing by this morning, with the feline residents posing on the tops of the Roman ruins.


On April 18th, 2011,
A VISIT TO THE MILAN STUDIO OF ACHILLE CASTIGLIONI…

courtyard windows into studio Achille Castiglioni

…yesterday morning – which I was only made aware of a few days ago thanks to an illuminating International Herald Tribune story by design journalist friend Alice Rawsthorn – turned out to be the highlight of my short time in the city overrun by crass corporate Salone Internazionale del Mobile madness  – from which my 10am tour (I was all alone since apparently the other Achille fans had partied too hard and too late at design fair events, but the 11am tour was packed) of Studio Castiglioni was an absolute refuge, into a laboratory/playroom atmosphere still thick with the curious mind that worked there from 1944 until his death in 2002, and on my way out I had the pleasure of meeting his daughter Giovanna, through whom I felt a greater sense of the spirit of the place, which the Studio Museum Castiglioni will be trying to hold on to for as long as they can.


On April 16th, 2011,
PLANT-COVERED MILANESE APARTMENTS……

the best cliff-like plant-covered Milanese apartment facade

…is the first thing I am noticing all over the city – with all manner of plant life crawling, branching, hanging down and growing up the cliff-like facades on this springy Saturday – while in town for a talk and conversation at the Domus pavilion in Zona Tortona for their Urban Futures series of events.


On April 15th, 2011,
ABBAZIA DI MONTE OLIVETO MAGGIORE…

monks eating fish in the Signorelli fresco and the monastery’s 1553 fish pond
…is the hilltop Asciano-adjacent Tuscan Benedictine monastery dating from 1313 we are visiting today, which features a very cool 1553 fish pond that would feed the monks during periods when Benedictine rule forbade consumption of meat.


On April 13th, 2011,

TUSCAN PLASTIC CROP COVERS…

shiny plastic on the Tuscan horizon

…(for strawberries?) are the cool shocking shiny surfaces wrapping parts of the rolling spring green surfaces of southern Tuscan landscapes as viewed from my very slow one car train gradually heading from Grosseto to Siena – making every little stop on the way – with each quiet sun-bathed stuccoed station seeming to feature a single bench with a solitary seated figure waiting for the next train – or just watching them go by?


On April 7th, 2011,
ISTANBUL HOTHOUSE PLANTING…

friends of the SALT Beyoglu staff help out with planting

…was a gradual process today as heavy bags of fresh Turkish forest soil, compost, worm castings, and wood shavings (to loosen and lighten the soil) slowly made their way up to our sixth floor roost in the rooftop hothouse at SALT Beyoglu to fill the large planters constructed with the reclaimed 4×4 lumber previously used for the building construction scaffolding – in the mean time we busied ourselves with a collection of seedlings and starts in their temporary housing of water bottles and gorgeous golden sunflower oil cans (collected by the sweet people at our daily lunch hang out) to be dramatically displayed on scavenged wood crate pedestals for now – and until they go into their permanent homes in the perimeter planting beds, local Istanbul gardening/farming/food folks want to take over the central space for some other experiment or activities.


On March 28th, 2011,
ROTTERDAM’S HOLLAND AMERIKA LIJN…

Holland Amerika Lijn, 1901-07

…shipping headquarters and migrant housing for the thousands of Dutch headed to New York’s Ellis Island used to occupy this stately 1901 building, which survived wartime bombing, at the tip of a peninsula in the Port of Rotterdam – now occupied by Hotel New York where I am comfortably staying for a couple of nights – is flanked by a growing crop of office and condo towers including a batch of four by OMA called De Rotterdam, in the works since 1997 and now just out of the ground a few blocks away.


On March 27th, 2011,
LITTLE DUTCH KIDS ON BIKES…

a typical Amsterdam parent pushing son on bike faster than he would otherwise go

…is what I am noticing around springy Amsterdam today – after an early arrival to Schiphol for a few days around the Netherlands for meetings about upcoming projects  – as parents are moving their kids around town side-by-side, one pushing the other, resulting in very fast moving children, which must be super fun for them.


On March 24th, 2011,
NAPOLI STREET FLOWERS AND STREET TRASH…

tulip stand and trash pile across the street from each other in Naples

…I see side by side here in this wild majestic city which has been suffering from waste management issues for years.


On March 23rd, 2011,
‘BELLE VERDURE’…

farmer ‘belle verdure’ with his mushrooms and meticulous garden in Praiano

…or ‘beautiful vegetables’ is the apt nick-name of the local Praiano personaggio, or character, who grows his own food in perfectly composed and tended gardens, enclosed by beautifully laid retaining walls which he built with rocks from his modest piece of land, where he also bakes bread and pizza in his own wood burning oven, makes his own wine from his own grapes, makes his own olive oil from his own trees, grows his own mushrooms, raises his own chickens, catches his own fish, cans his own fruit, and all with the great stylish panache of a real artist with a very particular aesthetic that confidently mixes the casual and trashy (styrofoam fish coolers re-purposed as garden planters and walls) with the fastidious and precious (you should see his woodpile following the sinewy curve of the land, where logs are carefully stacked and organized by size, shape, and color)  – so today we climbed a few hundred steps up the hill of Praiano to go pay a visit to this man, an exceptionally creative do-it-all character in a town full of such types (where people have always done it all, existing within the confines of difficult terrain where nothing comes in or out without great difficulty), who friends had heard of and whose handiwork they had always admired, but never met, and the time that we spent touring his place, hearing about his work, asking about his life, and learning about his ways makes me realize why I live in Italy right now.


On March 21st, 2011,

‘HOW TO IMAGINE: A NARRATIVE ON ART, AGRICULTURE AND CREATIVITY’…

my beat up old copy of How to Imagine which has followed me on so many trips unread

…is the 1984 book of musings (as recounted to and translated by Henry Martin) by Italian artist Gianfranco Baruchello (b. 1924) who in 1973 decamped to a modest piece of land north of Rome, near Formello, to begin a life of farming as art – and after years of carrying around this little book which I knew I needed to read, I finally had the chance to finish it in one sitting this weekend while appropriately nestled into a friend’s big old country villa in a tiny old village on top of a hill in the steep rolling Sabina hills of Northern Lazio overlooking the plains of Rome – and the unfolding conversational ramblings covering everything from Duchamp readymades to sheep care made for an absorbing and pleasurable read, further inspiring my future farming fantasies.


On March 18th, 2011,

MONTE TESTACCIO…

ancient Roman trash, now a pretty green hill surrounded by night clubs and bars

…is a bright green figure looming over me this morning – as I bike down to the mercato biologico at the ex-mattatoio – and my favorite extant ancient Roman monument, this colossal trash heap created from about 2 BC until 3 AD consisting of around 53 million terra cotta amphorae containers used to transport olive oil to Imperial Romans, now a seemingly geological occurrence in the landscape, a mound of wild brush in the middle of the Testaccio neighborhood of Rome.


On March 5th, 2011,
ROMAN APARTMENT BALCONIES…

balconi Romani (these are sort of Czech cubist)

…(from the Italian ‘balcone‘) are the private domestic outdoor space available to most Romans, which they try to make the most of – usually full of plants and laundry (which I am also starting to consider for my Roman rooftop homestead as we head into Spring with more sun and warmth).


On March 4th, 2011,
UNDERGROUND ROMAN MOTO REPAIR…

underground Trastevere Moto

…just down the hill from me, which I pass everyday on my way through Trastevere, is cool, as is any underground activity, space, home, institution or business – literally or figuratively – and I have been fascinated by underground construction since I was little – writing my 6th grade term paper on underground and earth-sheltered homes after discovering the books of architect Malcolm Wells at my local library, and later I went on to get my own semi-underground house in L.A. where my vegetable garden is on the roof.


On March 2nd, 2011,
MAPS AND CALENDARS…

Dymaxion map locating upcoming projects and three years of my iCal calendar giving me a calming pleasant feeling in the studio

…are what surround me now and, graphically speaking, are what give me the most visual and conceptual pleasure these days (maybe because I am a hyper-organized planning-freak who enjoys nothing more than the feeling that I am figuring out my life by figuring out my calendar and plotting my moves on a map), with one wall covered by three years of my life in the form of my detailed iCal calendar print-out and on the other wall, locating my upcoming projects with red arrows on my all time favorite graphic / cartographic creation – Buckminster Fuller‘s 1946 patented Dymaxion map - which triangulates the globe into a consistently distorted flat projection where the triangles can move around so that anyone or any nation can be in the center, with every one and every nation equally distorted, unlike those olden timey maps where ‘you’ are always in the middle undistorted and every one else is peripheral and sort of misshapen.


On March 1st, 2011,
VALERIA DE FRANCISCIS…

Valeria de Franciscis as the domineering mother of Gianni Di Gregorio in Gianni e le Donne

…is the 95 year old newcomer/up-and-coming actress who plays Gianni Di Gregorio’s mother in his new film Gianni e Le Donne (a follow up to his 2008 low budget hit My Mid-August Lunch, or Pranzo di Ferragosto in which she also plays his mother) which we just saw this weekend at the cute Testaccio theater Cinema Greenwich (where we felt very youthful in an audience that was decidedly on the older side) and it was fun to watch her steal the show playing it up as one of those great old Italian borghese powerful mammas tricked out in big chunky jewelry and shimmery satiny bright pastels.

Fritz Haeg (1969) was trained as an architect, but his current work spans a range of disciplines and media including gardens, dance, performance, design, installation, ecology and architecture, most of which is commissioned and presented by art museums and institutions. His work often involves collaboration with other individuals and site specific projects that respond to particular places.







Sto cercando di attraversare la mia crisi di mezz’età nel corso di quest’anno, a Roma. Per questo conteggio, in italiano e in francese, ci si riferisce all’età di quaranta anni (crise des 40 ans), sembra quindi che io sia indietro di un anno. Dopo un lungo periodo di crescente attività, di obblighi e viaggi di lavoro, ho deciso di frenare un attimo. Lontano da Los Angeles, la città in cui sono stato negli ultimi undici anni, ho deciso di sospendere tutte le attività non urgenti per un anno, la durata della mia residenza all’Accademia Americana di Roma.


23 Aprile 2011
FAVE…

fave fresche pulite due volte: servite così dovrebbero essere sgusciate e poi sbucciate

…dalla mia terrazza romana – sgusciate due volte, e servite fresche con il pecorino, sono un classico piatto romano da picnic del 1 Maggio – che però ci stiamo godendo stasera, in anticipo di una settimana.


22 Aprile 2011
GATTI ROMANI…

riuscite a vedere tutti e quattro i gatti che stanno comodamente appoggiati a questa rovina di un muro romano a Largo Argentina?

...stamattina il santuario dei gatti ha attirato la mia attenzione mentre ci passavo davanti, con i suoi abitanti felini in cima.


18 Aprile 2011
UNA VISITA ALLO STUDIO MILANESE DI ACHILLE CASTIGLIONI...

finestre sul cortile nello studio di Achille Castiglioni

...ieri mattina – l’ho scoperto solamente qualche giorno fa grazie ad un illuminante articolo sull’International Herald Tribune scritto dalla mia amica Alice Rawsthorn, giornalista di design – ha finito per rivelarsi il momento clou della mia breve visita nella città invasa dalla stupida follia del Salone Internazionale del Mobile – rispetto alla quale, la mia visita dello Studio Castiglioni alle 10 del mattino (ero da solo dal momento che sembrava che gli altri fan di Achille avessero fatto troppo tardi la sera prima ai vari eventi della fiera, ma alle 11 la visita era pienissima) è stato un assoluto rifugio, immerso in un’atmosfera di laboratorio/stanza dei giochi in cui si avverte ancora la presenza della mente che lì vi ha lavorato dal 1944 fino al 2002, anno della sua morte, e mentre uscivo ho avuto il piacere di incontrare sua figlia Giovanna, grazie alla quale ho percepito ancora più forte lo spirito del luogo, che lo Studio Museo Castiglioni proverà a mantenere finché potrà.


16 Aprile 2011
APPARTAMENTI MILANESI RICOPERTI DI PIANTE...

la più bella facciata di un palazzo milanese in stile ‘parete di roccia ricoperta di piante’

…è la prima cosa che ho notato in tutta la città – con tutti i tipi di piante brulicanti, ramificate, pensili, che crescono sulla facciata come fosse una parete rocciosa in questo sabato primaverile – mentre mi trovavo lì per un talk e una conversazione nel palazzo di Domus in Zona Tortona, per la loro serie di eventi chiamati Urban Futures.


15 Aprile 2011
L’ABBAZIA DI MONTE OLIVETO MAGGIORE…

monaci che mangiano pesce nell’affresco di Signorelli e la vasca dei pesci del 1553

…è il monastero benedettino del 1313, situato su una collina in Toscana vicino ad Asciano, lo stiamo visitando oggi ed annovera una fantastica vasca per i pesci risalente al 1553 che, nel periodo in cui la regola benedettina vietava il consumo di carne, dava da mangiare ai monaci.


13 Aprile 2011
LE COPERTURE TOSCANE DI PLASTICA PER IL RACCOLTO…

plastica lucente nell’orizzonte toscano

…(delle fragole?) sono le superfici stra-luccicanti che in parte impacchettano le verdi terre della Toscana del Sud, mentre le osservo dal treno ad un solo vagone che mi porta pian piano da Grosseto a Siena, fermandosi ad ogni stazione che incontra sul suo percorso, ognuna di queste tranquille stazioni immerse nel sole sembra avere una sola panchina, con una figura solitaria seduta ad aspettare il treno che deve ancora arrivare, forse solo per vederlo passare?


7 Aprile 2011
LA SEMINA ALL’ISTANBUL HOTHOUSE…

amici dello staff SALT Beyoglu aiutano a piantare

…oggi è stata un’operazione graduale dato che i pesanti sacchi di terra fresca provenienti della foresta turca, il concime, i vermi e i trucioli di legno (per ammorbidire e rendere lucente la terra) hanno fatto il loro lento cammino in direzione del nostro rifugio, al sesto piano della serra sul tetto del SALT Beyoglu, per riempire i contenitori costruiti con le assi di legno che erano state usate in precedenza per il ponteggio dell’edificio; contemporaneamente, eravamo impegnati a raccogliere le piantine e i germogli cresciuti negli alloggi temporanei fatti di bottiglie di plastica e splendide latte dorate di olio di girasole (raccolte dalle adorabili persone che partecipano al nostro abituale ritrovo per il pranzo), per metterli in mostra con effetto drammatico su piedistalli realizzati con cassette di legno rimediate; finché non verranno messi nella loro dimora permanente nel terreno e i coltivatori/giardinieri/buongustai di Istanbul non reclameranno quello spazio per altre attività o esperimenti.


28 Marzo 2011
L’ HOLLAND AMERIKA LIJN A ROTTERDAM…

Holland Amerika Lijn, 1901-07
…è l’edificio statale costruito nel 1901 sopravvissuto ai bombardamenti e situato all’estremità della penisola nel porto di Rotterdam. Era originariamente occupato dagli gli uffici per le spedizioni e dagli alloggi per le migliaia di Olandesi che partivano per Ellis Island a New York – ora è occupato dall’Hotel New York dove ho comodamente soggiornato per un paio di notti – è circondato a pochi blocchi di distanza da un gruppo di grattacieli con uffici e condomini, incluso un lotto di quattro edifici disegnati da OMA e chiamati De Rotterdam, in costruzione dal 1997 e finiti solo da poco.


27 Marzo 2011
BAMBINI PICCOLI IN BICICLETTA…

un tipico genitore di Amsterdam che spinge il figlio in bici più veloce di quanto lui altrimenti potrebbe

…è ciò che vedo girando per questa Amsterdam primaverile – dopo essere arrivato presto a Schiphol per passare un po’ di giorni in Olanda per appuntamenti e progetti futuri – dato che i genitori portano i figli in giro per tutta la città, spingendosi a vicenda, col risultato che i bambini vanno velocissimi, il che deve essere molto divertente per loro.


24 Marzo 2011
FIORI E SPAZZATURA DI STRADA A NAPOLI...

bancarella di tulipani e mucchio di spazzatura l’uno di fronte all’altro in una strada di Napoli

…li vedo una accanto all’altra, in questa magnifica città selvaggia che da anni soffre di problemi di gestione dei rifiuti.


23 Marzo 2011

“BELLE VERDURE”…

il contadino “belle verdure” con i suoi funghi e il suo meticoloso giardino a Praiano

…è il nomignolo azzeccato del personaggio locale di Praiano, che cresce i suoi alimenti in orti perfettamente organizzati e curati, circondati da bellissimi muri di contenimento che ha costruito con rocce ricavate dal suo modesto pezzo di terra, dove dal suo forno a legna sforna anche pane e pizza, produce il suo vino dalla sua uva, fa l’olio d’oliva dai suoi stessi alberi, i suoi funghi, alleva i suoi polli, pesca il suo pesce, raccoglie la sua frutta, e tutto il resto, con l’eleganza di un vero artista con una particolare estetica, che unisce con sicurezza casualità e trash (vaschette per il ghiaccio a forma di pesce riproposte come vasi da giardino e come muri) con la meticolosità e attenzione (dovreste vedere la sua catasta di legno che segue la ripida curvatura della terra, in cui i tronchi sono attentamente impilati e ordinati per grandezza, forma e colore) – così oggi abbiamo fatto un centinaio di scalini sulla collina di Praiano per fare visita a quest’uomo, un personaggio tuttofare eccezionalmente creativo, in una città piena di gente di questo tipo (dove le persone hanno sempre fatto tutto, vivendo in una terra difficile, in cui niente entra o esce a meno di un grande sforzo), del quale alcuni amici avevano sentito parlare e del quale avevano sempre ammirato il lavoro manuale, ma che non avevano mai incontrato; il tempo che abbiamo passato in questo posto, ascoltandolo parlare del suo lavoro, chiedendogli della sua vita e imparando i suoi metodi, mi fa capire perché vivo in Italia in questo momento.


21 Marzo 2011

‘HOW TO IMAGINE: A NARRATIVE ON ART, AGRICULTURE AND CREATIVITY’…

la vecchia copia malconcia di “How to Imagine” che mi ha seguito in così tanti viaggi senza essere stata mai letta

…è un libro di riflessioni del 1984 (narrato e tradotto da Henry Martin) dell’artista italiano Gianfranco Baruchello (nato nel 1924) che nel 1973 è andato a vivere in un modesto terreno a nord di Roma, vicino Formello, per intraprendere una vita di agricoltura come arte – e dopo anni in cui ho portato in giro questo piccolo libro sapendo che prima o poi avrei dovuto leggerlo, finalmente questo fine settimana ho avuto l’occasione di finirlo tutto in una volta, accoccolato nella vecchia e grande villa di campagna di un amico in un piccolo antico villaggio tra le scoscese colline della Sabina che sovrastano le pianure romane nella parte Nord del Lazio – le brillanti divagazioni del libro su ogni argomento, dai readymades di Duchamp alla cura delle pecore, si sono rivelate una lettura coinvolgente e piacevole, ulteriormente ispiratrice per le mie future fantasie agricole.


18 Marzo 2011
MONTE TESTACCIO…

antico rifiuto romano, ora una graziosa collina verde circondata da night club e bar

…è la figura verde brillante che incombe su di me ogni mattina – mentre pedalo giù verso il mercato biologico all’ex-mattatoio – ed uno dei monumenti antico romani ancora esistenti che preferisco, questo colossale mucchio di spazzatura creato all’incirca tra il 2 a.C. e il 3 d.C. fatto di 53 milioni di anfore in terra cotta usate per trasportare l’olio di oliva nella Roma Imperiale, oggi appare come un elemento geologico nel panorama, una montagna di cespugli selvatici nel quartiere Testaccio di Roma.


5 Marzo 2011
BALCONI ROMANI…
balconi romani (questi qui ricordano il cubismo Ceco)

…è uno spazio domestico privato posseduto da molti romani, che provano a valorizzarlo al massimo – di solito pieno di piante e panni stesi (cosa che sto cominciando a prendere in considerazione per il mio terrazzo romano, dato che sta arrivando la primavera con più sole e più caldo).


4 Marzo 2011…
MECCANICO ROMANO SOTTERRANEO……

‘underground’ Trastevere Moto

…si trova giusto sotto la collina dove abito e ci passo davanti ogni giorno per arrivare a Trastevere, è fico, come qualsiasi attività, casa, istituzione o business underground – in senso letterale o figurativo – sono affascinato dalle costruzioni sotterranee da quando ero piccolo – ho scritto la mia tesina di prima media sulle case sotto terra e ricoperte di terra, dopo aver scoperto i libri dell’architetto Malcolm Wells nella biblioteca della scuola e più tardi sono riuscito ad avere la mia casa semi-underground ad L.A., il cui l’orto di verdure è sul tetto.


2 Marzo 2011
MAPPE E CALENDARI…

Mappa Dymaxion con indicati i progetti venturi e tre anni del calendario iCal mi conferiscono una piacevole calma

…sono le cose che in questo momento mi circondano e, graficamente parlando, sono le cose che mi danno più piacere dal punto di vista visivo e concettuale (forse perché sono un freak iper-organizzato, maniaco nel pianificare, che non ama niente di più che la sensazione di avere sotto controllo la propria vita attraverso il calendario e gli spostamenti sulla mappa). Un muro è coperto da tre anni di vita sotto forma di dettagliato calendario iCal stampato e l’altro muro è pieno di progetti venturi, contrassegnati da frecce rosse poste su quella che considero la mia creazione grafica/cartografica più bella di tutti i tempi – la mappa Dymaxion brevettata da Buckminster Fuller nel 1946 – che divide il globo in triangoli in una proiezione bidimensionale ripetutamente falsata, in cui i triangoli possono essere mossi e ricomposti in modo che ogni nazione possa essere al centro, in cui ogni triangolo e ogni nazione sono ugualmente distorti, contrariamente a quelle mappe antiche dove “tu” sei sempre nel mezzo, in modo non distorto, e tutti gli altri sono periferici e praticamente deformati.


1 Marzo 2011
VALERIA DE FRANCISCIS…

Valeria de Franciscis come interprete della mamma dispotica di Gianni Di Gregorio in Gianni e le Donne

…è l’attrice neofita novantacinquenne che recita il ruolo della madre di Gianni Di Gregorio nel suo nuovo film Gianni e le Donne (un seguito del suo fortunato anche se low-budget Pranzo di Ferragosto, nel quale fa sempre la parte della madre) che abbiamo visto questo weekend al delizioso cinema Greenwich a Testaccio (dove ci siamo sentiti molto giovani in mezzo ad un pubblico decisamente più anziano) ed è stato divertente vederla rubare la scena nel ruolo di una di quelle vecchie e vigorose mamme borghesi italiane addobbate con tanta bigiotteria e luccicanti colori pastello satinati.


Fritz Haeg (1969) ha studiato come architetto, ma il suo lavoro si muove oggi attraverso varie discipline e diversi media, tra cui il giardinaggio, la danza, la performance, il design, le installazioni, l’ecologia e l’architettura. La maggior parte dei suoi progetti è commissionata e presentata da musei ed istituzioni d’arte. Il suo lavoro prevede spesso la partecipazione di altre persone in progetti che si adattano a luoghi e situazioni particolari.

(01/17)