THE UNTROUBLED MIND

words by agnes martin

SELF PORTRAIT

The name Agnes Martin (1912–2004) has often been associated with minimalism, given her style founded on lines, grids and soft touches of color. Although she was one of the most influential painters in this realm, Agnes Martin is unique in her lightness, poetry and spirituality. As she herself suggested, her paintings should be seen "as though we were crossing an empty beach to look at the ocean." The text published here fully reflects her sensibility. It is a touching ode to painting that, in its profoundness, requires no visual accompaniment to be understood.



People think that painting is about color
It’s mostly composition
It’s composition that’s the whole thing
The classic image –
Two late Tang dishes, one with a flower image,
one empty – the empty form goes all the way to heaven
It is the classic form – lighter weight.
My work is anti-nature
The four-story mountain
You will not think form, space, line, contour
Just a suggestion of nature gives weight
light and heavy
light like a feather
you get light enough and you levitate
When I say it’s alive, it’s inspired
alive
Inspiration and life are equivalents and they come from
outside
Beauty is pervasive
inspiration is pervasive
We say this rose is beautiful
and when this rose is destroyed then we have lost something
so that beauty has been lost
When the rose is destroyed we grieve
but really beauty is unattached
and a clear mind sees it
The rose represents nature
but it isn’t the rose
beauty is unattached, it’s inspiration – it’s inspiration
The development of sensibility, the response to beauty
In early childhood, when the mind is untroubled, is when
inspiration is most possible
The little child just sitting in the snow.
The education of children – social development is contradictory
to aesthetic development
Nature is conquest, possession, eating, sleeping, procreation
It is not aesthetic, not the kind of inspiration I’m interested in
Nature is the wheel
When you get off the wheel you’re looking out
You stand with your back to the turmoil
You never rest with nature, it’s a hungry thing
Every animal that you meet is hungry
Not that I don’t believe in eating
but I just want to make the distinction between art and eating
This painting I like because you can get in there and rest
The satisfaction of appetite happens to be impossible
The satisfaction of appetite is frustrating
So it’s always better to be a little bit hungry
That way you contradict the necessity
Not that I’m for asceticism
but the absolute trick in life is to find rest.
If there’s life in the composition it stimulates your life moments,
your happy moments, your brain is stimulated
Saint Augustine says that milk doesn’t come from the mother
I painted a painting called Milk River
Cows don’t give milk if they don’t have grass and water
Tremendous meaning of that is that painters can’t give
anything to the observer
People get what they need from a painting
The painter need not die because of responsibility
When you have inspiration and represent inspiration
The observer makes the painting
The painter has no responsibility to stimulate his needs
It’s all an enormous process
No suffering is unnecessary
All of it is only enlightening, this is life
Asceticism is a mistake
sought out suffering is a mistake
but what comes to you free is enlightening
I used to paint mountains here in New Mexico and I thought
my mountains looked like ant hills
I saw the plains driving out of New Mexico and I thought
the plain had it
just the plane
If you draw a diagonal, that’s loose at both ends
I don’t like circles – too expanding
When I draw horizontals
you see this big plane and you have certain feelings like
you’re expanding over the plane
Anything can be painted without representation
I don’t believe in influence
unless it’s you, yourself following your own track
Why, you’d never get anywhere
I don’t believe in the eclectic
I believe in the recurrence
That this is a return to classicism
Classicism is not about people
and this work is not about the world
We called Greek classicism Idealism
Idealism sounds like something you can strive for
They didn’t strive for idealism at all
Just follow what Plato has to say
Classicists are people that look out with their back to the world
It represents something that isn’t possible in the world
More perfection than is possible in the world
It’s as unsubjective as possible.
The ideal in America is the natural man.
The conqueror, the one that can accumulate
The one who overcomes disadvantages, strength, courage
Whereas inspiration, classical art depends on inspiration
The Sylphides – I depend on the muses
Muses come and help me now. It exists in the mind
Before it’s represented on paper it exists in the mind
The point – it doesn’t exist in the world
The classic is cool
a classical period
it is cool because it is impersonal
the detached and impersonal
If a person goes walking in the mountains that is not detached
and impersonal, he’s just looking back
Being detached and impersonal is related to freedom
That’s the answer for inspiration
The untroubled mind
Plato says that all that exists are shadows
To a detached person the complication of the involved life
is like chaos
If you don’t like the chaos you’re a classicist
If you like it you’re a romanticist
Someone said all human emotion is an idea
Painting is not about ideas or personal emotion
When I was painting in New York I was not so clear about that
Now I’m very clear that the object is freedom
not political freedom, which is the echo
not freedom from social mores
freedom from mastery and slavery
freedom from what’s dragging you down
freedom from right and wrong
In Genesis Eve ate the apple of knowledge
of good and evil
When you give up the idea of right and wrong
you don’t get anything
What you do is get rid of everything
freedom from ideas and responsibility
If you live by inspiration then you do what comes to you
you can’t live the moral life, you have to obey destiny
you can’t live the inspired life and live the conventions
you can’t make promises
The future’s a blank page
I pretended I was looking at the blank page
I used to look in my mind for the unwritten page
if my mind was empty enough I could see it
I didn’t paint the plane
I just drew this horizontal line
Then I found out about all the other lines
But I realized what I liked was the horizontal line
Then I painted the two rectangles
correct composition
if they’re just right
You can’t get away from what you have to do
They arrive at an interior balance
like there shouldn’t need to be anything added
People see a color that’s not there
our responses are stimulated
I’m painting them for direct light
With these rectangles I didn’t know at the time exactly why
I painted those rectangles
From Isaiah, about inspiration
“Surely the people is grass”
You go down to the river
you’re just like me
an orange leaf is floating
you’re just like me
Then I drew all those rectangles
All the people were like those rectangles they are just like grass
That’s the way to freedom
If you can imagine you’re a grain of sand
you know the rock ages
If you imagine that you’re a rock
rock of ages cleft from me
let me hide myself in thee
You don’t have to worry
if you can imagine that you’re a rock
all your troubles fall away
It’s consolation
Sand is better
You’re so much smaller as a grain of sand
We are so much less
These paintings are about freedom from the cares of this world
from wordliness
Not religion
You don’t have to be religious to have inspirations
Senility is looking back with nostalgia
senility is lack of inspiration in life
Art restimulates inspirations and awakens sensibilities
that’s the function of art
A boy whenever he had a problem
he called this rock up out of the mud
he turned into a rock
he summoned a vision of quiet
The idea is independence and solitude
nothing religious in my retirement
religion from my point of view
it’s about this grass
The grass enjoyed it when the wind blew
It really enjoyed the wind leaning this way and that
So the grass thought the wind is a great comfort
besides that it blows the clouds here which make rain
In fact we owe all our self being to the wind
We should tell the wind our gratitude
perhaps if we fall down and abase ourselves
We can get more – we can avoid suffering
That’s religion
solitude and independence for a free mind
Nothing that happens in your life makes inspiration
When your eyes are open you see beauty in anything
Blake’s right about there’s no difference
between the whole thing
and one thing
Freedom from suffering
suffering is necessary for freedom from suffering
First you have to find out about what you’re suffering from
My painting is about impotence
We are ineffectual
In a big picture a blade of grass amounts to not very much
Worries fall off you when you can believe that
pride is in abeyance when you think that
One thing I’ve got a good grip on is remorse
The whole wave
it applies to life, the wave
As it was in the beginning, there was no division
and no separation
Don’t look at the stars
Then your mind goes freely – way, way beyond
Look between the rain
the drops are insular
Try to remember before you were born
The conqueror will fight with you
if there’s no one else around
I am constantly tempted to think that I can help save myself
by looking into my mind I can see what’s there
by bringing thoughts to the surface of my mind I can watch
them dissolve
I can see my ego and see its intentions
I can see that it is the same as all nature
I can see that it is myself and impotent like all nature
impotent in the process of dissolution of ego, of itself
I can see that its main intention is the conquest and destruction
of ego, of self
and can only go back and forth in constant battle with itself
repeating itself
It would be an endless battle if it were all up to ego
because it does not destroy and is not destroyed by itself
It is like a wave
it makes itself up, it rushes forward getting nowhere really
it crashes, withdraws and makes itself up again
pulls itself together with pride
towers with pride
rushes forward into imaginary conquest
crashes in frustration
withdraws with remorse and repentance
pulls itself together with new resolution
Individually and collectively the same
children trained in pride and patriotism
towering in national spirit
charging in conquest
Victory and defeat and frustration
withdrawing and repentance
then once more pride
the wheel of life
pride
conquest
Victory defeat frustration
remorse repentance
resolution
pride
More people at an earlier age see the conqueror in themselves
then see the way out in another process
the real defeat of ego in which we have no part
The dissolution of ego in reality as it was in the beginning
as it was before we were separate and insular
the process we call destiny
in which we are the material to be dissolved
We eat
We procreate
We die
We can see the process and recognize suffering as the defeat of
ego by the process of destiny
We can relinquish pride, conquest, remorse and resolution
inevitably as destiny unfolds
Cradled on the mountain I can rest
Solitude and freedom are the same
under every fallen leaf
Others do not really exist in solitude, I do not exist
no thinking of others even when they are there, no interruption
a mystic and a solitary person are the same
Night, shelterless, wandering
I, like the deer, looked
finding less and less
living is grazing
memory is chewing cud
wandering away from everything
giving up everything
not me anymore, any of it
retired ego, wandering
on the mountain
no more conquests, no longer an enemy to anyone
ego retired, wandering
no longer a friend, master, slave
all the opposites dead to the world and himself unresponsible
perhaps I can now really enjoy sailing
adventure in the dark
very exciting
Beast seems to be stretched out dead
He is very mild
I will not be seeking adventure but it might happen I suppose
Inspired action is destiny
our feet are in the paths of righteousness
the paths that our feet take are marked
As the river runs to the sea
and the plant grows to the sun
so do we flow and grow and exist
Ecstasy playing with Sylphides angels
As long as I look in my mind and see nothing at all
The Sylphides have the beast captured and are grooming him
very pleasant sun, that is what destiny is like
it is like grooming
The idea
the sudden realization of the destruction of innocence by ego
In solitude there is consolation
thinking of others and myself, even plants
I am immediately apprehensive
because my solitude has been interrupted
solitude, inspiration
Westward down the mountain
I am nothing absolutely
There is this other thing going on
the purification of reality
that is all that is happening
all that happens is that process
not nature, the dissolution of nature
The error is in thinking we have
a part to play in the process
As long as we think that, we are in resistance
I can see that I have nothing to do with the process
It is very pleasant
The all of all, reality, mind
the process of destiny
like the ocean full to the brim
like a dignified journey with no trouble and no goal on and on
Solitude
other than nature
smiling
Everyone is chosen and everyone knows it
including animals and plants
There is only the all of the all
everything is that
every infinitesimal thought and action is part and parcel of
a wonderful victory
“freedom on the mountain, a glimpse of victory”
We seem to be winning and losing,
but in reality there is no losing
The wiggle of a worm as important as the assassination of a
president

Text courtesy Pace Gallery, New York. The Agnes Martin Estate is represented by Pace Gallery, New York.



Il nome di Agnes Martin (1912–2004) è stato spesso associato al minimalismo, visto il suo stile fatto di linee, griglie e morbide applicazioni di colore. Sebbene sia stata una delle pittrici più influenti in questo ambito, Agnes Martin occupa un posto a sé per la sua leggerezza, poesia e spiritualità. Come lei stessa suggeriva, i suoi quadri andrebbero visti “come se stessimo attraversando una spiaggia deserta per guardare l’oceano”. Il testo che pubblichiamo riflette in pieno la sua sensibilità. Un commosso inno alla pittura che, per la sua profondità, può fare tranquillamente a meno di essa per essere capito.


La gente pensa che la pittura riguardi il colore
È soprattutto composizione
È la composizione, sta tutto lì
L’immagine classica –
Due piatti tardo Tang, uno con l’immagine di un fiore,
uno vuoto – la forma vuota arriva fino al cielo
È la forma classica – peso più leggero
La mia opera è anti-natura
La montagna a quattro piani
Non penserai a forma, spazio, linea, contorno
Solo un accenno di natura dà peso
leggero e pesante
leggero come una piuma
tu diventi abbastanza leggero da levitare
Quando dico che è vivo, intendo vivo
in modo ispirato
Ispirazione e vita si equivalgono e provengono
dall’esterno
La bellezza è penetrante
l’ispirazione è penetrante
Diciamo che questa rosa è bella
e quando questa rosa viene distrutta, allora abbiamo perso qualcosa
quella bellezza è andata perduta
Quando la rosa viene distrutta siamo addolorati
ma la vera bellezza è indipendente
e una mente calma la vede
La rosa rappresenta la natura
ma non è la rosa
la bellezza è indipendente, è ispirazione – è ispirazione
Lo sviluppo della sensibilità, la reazione alla bellezza
La prima infanzia, quando la mente è calma, è il momento in cui
l’ispirazione è più possibile
Il bambino seduto nella neve
L’educazione dei bambini – lo sviluppo sociale è in contraddizione
con lo sviluppo artistico
La natura è conquista, possesso, nutrirsi, dormire, procreazione
Non è l’estetica, il tipo di ispirazione che mi interessa
La natura è il veicolo
Ma se scendi dal veicolo sei alla ricerca
Dai le spalle al tumulto
Non c’è riposo nella natura, è un’entità affamata
Qualsiasi animale è affamato
Non che non creda nel nutrirsi
voglio solo distinguere l’arte dal nutrirsi
Amo questa pittura perché puoi entrarci e trovare pace
La soddisfazione dell’appetito è impossibile
La soddisfazione dell’appetito è frustrante
Perciò è sempre meglio essere un po’ affamati
In questo modo si contraddice la necessità
Non che sia per l’ascetismo
ma la vera astuzia nella vita è trovare pace
Se c’è vita nella composizione, questa stimola i momenti di vita,
i momenti felici, il cervello è stimolato
Sant’Agostino dice che il latte non viene dalla madre
Ho dipinto un quadro intitolato Fiume di latte
Le mucche non producono latte se non hanno erba e acqua
Il terribile significato che ne deriva è che i pittori non posso dare
nulla allo spettatore
La gente trae ciò di cui ha bisogno da un dipinto
Il bisogno del pittore non muore a causa della responsabilità
Quando hai ispirazione e rappresenti ispirazione
Lo spettatore fa il dipinto
Il pittore non ha la responsabilità di stimolare i suoi bisogni
È un processo enorme
Nessuna sofferenza è inutile
Tutto in essa è istruttivo, è la vita
L’ascetismo è un errore
la sofferenza cercata è un errore
ma quello che giunge liberamente è istruttivo
Un tempo dipingevo montagne qui nel New Mexico e pensavo
che le mie montagne sembrassero formicai
Vedevo le pianure scorrere via dal New Mexico e pensavo
Che la pianura aveva questo
Solo il piano
Se tracci una diagonale, essa sarà libera a entrambi i capi
Non mi piacciono i cerchi – troppo espansi
Quando traccio linee orizzontali
si vede questo grande piano e si prova la sensazione netta di
espandersi su quel piano
Qualsiasi cosa può essere dipinta senza rappresentazione
Non credo nell’influenza
a meno che non sia tu, tu che segui il tuo percorso
Perché, non arriverai mai da nessuna parte
Non credo nell’eclettico
Credo nella ricorrenza
Che questo sia un ritorno al classicismo
Il classicismo non riguarda le persone
e quest’opera non parla del mondo
Abbiamo chiamato idealismo il classicismo greco
idealismo suona come qualcosa per cui si può lottare
Non lottarono affatto per l’idealismo
Segui solo ciò che Platone ha da dire
I classicisti sono persone che vigilano dando le spalle al mondo
Questo rappresenta qualcosa di impossibile nel mondo
Più perfezione di quanta sia possibile nel mondo
È non-soggettivo quanto più è possibile
L’ideale in America è l’uomo naturale
Il conquistatore, colui che può accumulare
Colui che supera gli imprevisti, forza, coraggio
Mentre l’ispirazione, l’arte classica dipende dall’ispirazione
Le Silfidi – Io dipendo dalle muse
Muse, venitemi ora in soccorso. Esiste nella mente
Prima di essere rappresentato su carta esiste nella mente
Il punto – non esiste nel mondo
Il classico è leggero
un periodo classico
è leggero perché è impersonale
ciò che è distaccato e impersonale
Se qualcuno cammina su montagne che non sono distaccate
e impersonali, allora sta solo ricordando
Essere distaccati e impersonali significa libertà
Questa è la risposta all’ispirazione
La mente calma
Platone dice che tutto ciò che esiste è ombra
Per una persona distaccata la complicazione della vita coinvolta
è come caos
Se non ami il caos sei un classicista
Se lo ami sei un romantico
Qualcuno ha detto che il sentimento umano è un’idea
La pittura non riguarda le idee o il sentimento personale
Quando dipingevo a New York non avevo le idee così chiare al riguardo
Ora ho molto chiaro che lo scopo è la libertà
non la libertà politica, che ne è l’eco
non la libertà dai costumi sociali
libertà dal dominio e dalla schiavitù
libertà da ciò che trascina a fondo
libertà da ciò che è giusto e da ciò che è sbagliato
Nella Genesi Eva mangiò la mela della conoscenza
del buono e del cattivo
Rinunciando all’idea di giusto e sbagliato
non si ottiene nulla.
Ciò che bisogna fare è liberarsi di ogni cosa
libertà dalle idee e dalla responsabilità
Se si vive secondo l’ispirazione, allora si fa ciò che viene
non si può vivere secondo la vita morale, si deve obbedire al destino
non si può vivere la vita ispirata e vivere le convenzioni
non si possono fare promesse
Il futuro è una pagina bianca
Fingevo di guardare la pagina bianca
Un tempo cercavo nella mia mente la pagina bianca
se la mia mente era vuota a sufficienza potevo vederla
Non ho dipinto il piano
Ho solo tracciato questa linea orizzontale
Poi ho scoperto tutte le altre linee
Ma ho capito che ciò che amavo era la linea orizzontale
Poi ho dipinto due rettangoli
composizione corretta
se sono precisi
Non si può sfuggire a ciò che si deve fare
Arrivano a un equilibrio interiore
come se non ci fosse bisogno di aggiungere altro
La gente vede un colore che non c’è
le nostre reazioni sono stimolate
Li dipingo a causa della luce diretta
I rettangoli, all’epoca non sapevo precisamente perché
dipingessi quei rettangoli
Da Isaia, sull’ispirazione
“Certo, il popolo è come erba”
Scendi al fiume
sei proprio come me
una foglia di arancio galleggia
sei proprio come me
Allora disegnai tutti quei rettangoli
La gente era come quei rettangoli loro sono proprio come erba
Questa è la via per la libertà
Se puoi immaginare di essere un granello di sabbia
conosci l’età delle rocce
Se immagini di essere una roccia
roccia dei secoli spaccata da me
lascia che mi nasconda in te
Non preoccuparti
se riesci a immaginare di essere una roccia
tutti i tuoi problemi scompaiono
È consolazione
La sabbia è meglio
Sei molto più piccolo, se sei un granello di sabbia
Siamo molto meno
Questi dipinti parlano di libertà dalle preoccupazioni di questo mondo
dalla condizione terrena
Non di religione
Non è necessario essere religiosi per avere ispirazioni
Senilità è ricordare con nostalgia
senilità è mancanza di ispirazione nella vita
L’arte stimola nuovamente le ispirazioni e risveglia le sensibilità
ecco la funzione dell’arte
Un ragazzo, ogni volta che aveva un problema,
chiamava questa roccia fuori dal fango
si trasformava in una roccia
invocava un’immagine di calma
L’idea è indipendenza e solitudine
nulla di religioso nel mio isolamento
la religione dal mio punto di vista
riguarda quest’erba
L’erba amò il soffio del vento
Amò profondamente il soffiare del vento in questa e quella direzione
Allora l’erba pensò che il vento fosse un ottimo conforto
oltre al fatto che sospinge le nuvole che portano pioggia
Di fatto, dobbiamo tutto il nostro essere al vento
Dovremmo comunicare al vento la nostra gratitudine
forse se ci abbassiamo e ci umiliamo
Possiamo ottenere di più – possiamo evitare la sofferenza
La religione è questo
solitudine e indipendenza per una mente libera
Nulla che accada nella vita genera ispirazione
Con gli occhi aperti si scorge bellezza in ogni cosa
Blake è nel giusto quando dice che non c’è differenza
tra il tutto
e il singolo
Libertà dalla sofferenza
la sofferenza è necessaria alla libertà dalla sofferenza
Innanzitutto bisogna scoprire per che cosa si soffre
La mia pittura parla di impotenza
Siamo inutili
In un grande quadro un filo d’erba conta ben poco
Le preoccupazioni svaniscono se ci credi
l’orgoglio è sospeso se ci pensi
Una cosa su cui ho un buon controllo è il rimorso
L’intera onda
si applica alla vita, l’onda
Com’era in principio, non c’era divisione
né separazione
Non guardare le stelle
Allora la tua mente vaga libera – molto, molto oltre
Guarda nella pioggia
le gocce sono isolate
Cerca di ricordare il tempo prima della tua nascita
Il conquistatore combatterà con te
se non c’è nessun altro
Ho la costante tentazione di pensare che posso contribuire a salvarmi
guardando nella mia mente posso vedere che cosa c’è
riportando pensieri sulla superficie della mia mente posso osservarli
dissolversi
Vedo il mio Io e vedo la sua volontà
Vedo che è come il resto della natura
Vedo che è me stessa e impotente come tutta la natura
impotente nel processo di dissoluzione dell’Io, di se stesso
Vedo che la sua volontà primaria è la conquista e la distruzione
dell’Io, di sé
e non può che essere in lotta perpetua con se stesso
ripetendosi
Sarebbe una battaglia senza fine se dipendesse tutto dall’Io
perché non distrugge e non è distrutto da se stesso
È come un’onda
si genera da solo, corre in avanti senza arrivare da nessuna parte
si infrange, si ritira e si genera di nuovo
si unisce all’orgoglio
domina con l’orgoglio
corre in avanti in una conquista immaginaria
si infrange nella frustrazione
si ritira con il rimorso e il pentimento
si ricompone con rinnovata risolutezza
Da soli e insieme gli stessi
bambini addestrati all’orgoglio e al patriottismo
dominano nello spirito nazionale
spinti alla conquista
Vittoria e sconfitta e frustrazione
si ritirano e il pentimento
poi di nuovo l’orgoglio
il veicolo della vita
orgoglio
conquista
Vittoria sconfitta frustrazione
rimorso pentimento
risolutezza
orgoglio.
Molte persone a un’età più giovane vedono il conquistatore in se stesse
poi scorgono la via d’uscita in un altro processo
la vera sconfitta dell’Io in cui non abbiamo ruolo
La dissoluzione dell’Io com’era in principio
com’era prima che venissimo separati e isolati
il processo che chiamiamo destino
nel quale siamo il materiale da dissolvere
Mangiamo
Procreiamo
Moriamo
Vediamo il processo e riconosciamo la sofferenza come il processo del destino
che sconfigge l’Io
Possiamo cedere a orgoglio, conquista, rimorso e risolutezza
è inevitabile man mano che il destino si schiude
Cullata sulla montagna trovo pace
Solitudine e libertà sono la stessa cosa
sotto ogni foglia caduta
Gli altri non esistono davvero in solitudine, io non esisto
quando non penso agli altri anche quando sono lì, nessuna interruzione
una persona mistica e una solitaria sono la stessa cosa
Di notte, senza riparo, vagando
Io, osservata come un cervo,
mentre trovo sempre meno
vivere è pascolo
la memoria è ruminare
errare lontano da tutto
rinunciare a tutto
non più me stessa, in nessuna forma
Io isolato, errante
sulla montagna
non più conquiste, non più nemico di tutti
Io isolato, errante
non più amico, padrone, schiavo
tutti gli opposti dormono come sassi e l’Io non ne è responsabile
forse ora posso davvero godermi il viaggio
avventura nel buio
molto eccitante
L’animale è disteso, sembra morto
È molto mansueto
Non andrò in cerca di avventura ma immagino che possa capitarmi
L’azione ispirata è destino
i nostri piedi seguono sentieri virtuosi
i sentieri che i nostri piedi seguono sono segnati
Come il fiume corre al mare
e la pianta cresce al sole
così noi scorriamo e cresciamo ed esistiamo
L’estasi gioca con gli angeli delle Silfidi
Finché scruto nella mia mente e non vedo nulla
Le Silfidi hanno fatto catturare l’animale e lo preparano
un sole molto piacevole, a questo somiglia il destino
è come una preparazione
L’idea
l’improvvisa realizzazione della distruzione dell’innocenza da parte dell’io
Nella solitudine c’è conforto
se penso agli altri e a me stessa, anche alle piante
Divento subito apprensiva
perché la mia solitudine è stata interrotta
solitudine, ispirazione
Verso ovest lungo la montagna
Sono assolutamente nulla
C’è quest’altra cosa in corso
la purificazione della realtà
questo è tutto ciò che accade
tutto ciò che accade è il processo
non la natura, la dissoluzione della natura
L’errore risiede nel pensare che abbiamo
un ruolo da giocare nel processo
Finché la penseremo così, faremo resistenza
So di non aver nulla a che vedere con il processo
È molto piacevole
Il tutto del tutto, la realtà, la mente
il processo del destino
come l’oceano pieno fino all’orlo
come un degno viaggio senza difficoltà e senza scopo, ancora e ancora
Solitudine
altro dalla natura
sorride
Tutti sono prescelti e tutti lo sanno
compresi animali e piante
C’è solo il tutto del tutto
ogni cosa lo è
ogni infinitesimo pensiero e azione è parte integrante di
una meravigliosa vittoria
“libertà sulla montagna, uno scorcio di vittoria”
Sembriamo essere vincitori e sconfitti,
ma in realtà non esiste sconfitta
L’attorcigliarsi di un verme importante quanto l’assassinio
di un
presidente