V.P. THEATRUM. A PHILOSOPHICAL CABARET IN TWO ACTS

words by meris angioletti

HERE BEFORE

Once again, we have invited a young artist to write about an artist from a preceding generation who has had a personal influence on them. Nowadays artists are often accused of not participating enough in cultural debate: this column hopes to prove such accusations wrong. For this issue of the magazine, the young artist Meris Angioletti has chosen to write about Vettor Pisani, an important figure in the panorama of 1970s and 80s italian art. Rather than writing a critical text, Meris has decided to pay homage to the recently deceased artist using his own means of expression. The result is a brief theatrical piece that transforms, and stages, the works and the imaginary of Pisani.


Characters:
R: Rose, a stripper. She wears a pink bunny outfit.
M: Marguerite, a 12-year-old blonde girl.
S: The Sphynx, an old lady with no fixed abode.
N: The lady upstairs (the nude wife).
P: The Philosopher.
C: Croce, an unmarried male pianist.
V: Male voice (Hermes)

Setting:
The living room in Croce’s flat, no. 34 Via Angelica Kauffmann, Rome.
In the middle of the set is a large, square, three-legged crystal table with four iron seats set around it and a scale model of the apartment on top.
Facing the audience on the fake wall at the back is a railing which is also made of black iron and from behind which shines a red light. Alongside the railing is a plinth with a female bust made of chocolate on it. A grand piano with a fur stool and a painted island on a river complete the scene (incidentally, one can think of the river, which the whole theater is built on, as having a tail, or better yet as being the tail of its architecture in the shape of Croce1).

ACT I

R, P and C are sat at the table. N is blindfolded and they are playing blind man’s bluff.
V: Turtle, rabbit, chicken and monkey.
C: Water.
R: Water, Water.
P: Be quiet Duchamp.
C: Earth.
V: Air. Anti-Oedipus.
P: Fire. Silence.
R: Fire.
N touches the table with the scale model. She has found the object she was looking for. She lifts the blindfold from her eyes.
N: A Table Theater. I am transparent. Transparent. To look through is to open up the knowledge between two worlds.
C: Water is transparent, to sink into the bowels of the earth, the point where the vertical axis is swallowed up.
P: No, Croce, to transcend. Air. To go beyond the horizon, the horizontal arm of the cross and to reach the ascending movement. To cut the apron strings in some way. No longer magma, but form. This is the only way to create correspondences, the encounter between the exterior and an inner symbolism.
N: Neither of these. It is magma-like fusion and mental geometry. Everything comes back, again.
C: Let’s go back to the island!
V: The spiritual place is also the workplace of art.
P: Everything that can be said, has to be said clearly; and what one cannot speak about, one must remain silent on. The must important question is still that which has never been spoken of.
V: Dreams are always accompanied by their contradictions.
C: Let’s go back to the island!
P: Wandering never ends because knowledge never ends.
An unkempt old lady enters and starts to walk across the stage.
No one seems to notice her, except N.
N: Sphynx, sit down with us. I passed by the crossroads near Piazza Madre yesterday, but I didn’t see you. I had some clothes for you.
N gets some clothes out of a bag and S takes a leopard-skin headpiece. S goes over towards the railing and lies on the ground. S becomes the guardian of the initiation and the passage.
Motionless and silently she lies, until the end of the two acts.
V: Do any of you have a dream to recall this morning?
R: That’s enough, I’ll sing you a song!
R gets up from her seat and goes towards the audience. A circle of red light follows her. As she gets up the tail on her bunny costume falls.
C: Rose, ma belle, allow me to accompany you with my jacket’s tails! This is a democratic theater, everything and everyone has a tail.
N: Miaaaaoooooow showing the audience the cat’s tail that hangs out of the back pocket of her trousers.
V: Personally I consider my fantasy (which never ends) to be the tail of my imagination, of the Ego.
C goes towards the (grand) piano and starts to play. Pieces by Satie.
R: singing in a whispery voice while she starts to strip.
The bunny oh doesn’t love Joseph Beuyssssssssssssssss sssssssssssss
And I, I, I, I, I don’t love natuuuuuuure ah
R is naked on the set and holds up a sign with 34 written on it.
Rome, Funeral Parlor, phone: 34 34 34. Call up to believe!
A rose is a rose is a rose is a rose is a rose is a rose is a rose is a rose.
Her voice gets lower until it goes silent. The lights go out.

ACT II

S is still next to the railing, immobile. The light is no longer red, but blue. R, naked, has a chain round her neck linking her to a metal track hanging from the ceiling. C is at the piano. P and N are sat around the table.

M enters, skipping. Her hair is wet and she is holding an umbrella.
She stops in the middle of the set, and turns to the audience.
I am invisible! I am invisible!
C: Who’s this?
M: I am called Marguerite.
P: Margherita-croce. Are you German?
M: I don’t know. I’ve spent several months in a dark room thinking about one thing only, the thunderstorm in Jerusalem.
She lays the umbrella on the floor, where a pool of water starts to form, getting bigger and bigger.
P: I had a girlfriend who went by the same name. Now she’s a chocolate bust.
M: I am looking for a word. A seven-letter name beginning with G.
V: Every name is a fact of reality, no fiction whatsoever.
P: A holy name that is seven letters long. The Square G of Disgrace.
The umbrella keeps dripping on the floor, which is now completely covered in water.
V: A name is the essence of its bearer, it contains a person’s potential, it amounts to the very essence of the person named.
C: Genesis.
P: Marguerite.
M: Grace.
N: Croce.
C: Rosa.
The water level keeps rising. The items in the room start to float, the water flows off the stage and begins to invade the theater.
N: Luck.
F: Health.
N: Happiness.
Slowly the water carries the seats where the characters are sat away from the stage. R slides along the track. Only S remains immobile. Marguerite is at the center of the stage again.
M: And finally we wish you lots of Luck and Health and also Grace, Glory, Justice and Happiness – a few nice words that begin with the letter G.2
The lights go out.

End


1. Untranslatable play on words: croce in Italian means cross, the geometrical shape.
2. A line which refers to the original Italian words Grazia Gloria Giustizia and Gioia


Meris Angioletti (1977) is an artist based between Paris and Milan. Her work investigates the mechanisms of perception, memory and the psyche.




Ancora una volta abbiamo invitato un giovane artista a scrivere di un artista di una generazione precedente che ha avuto una influenza personale su di lui. Oggi gli artisti sono spesso accusati di non partecipare abbastanza al dibattito culturale e storico. Questa sezione della rivista cerca di provare che l'accusa è infondata. Su questo numero, la giovane artista Meris Angioletti ha deciso di scrivere a proposito di Vettor Pisani, una figura importante del panorama artistico italiano degli anni '70 e '80. Più che un testo critico, Meris ha deciso di rendere omaggio all'artista recentemente scomparso usando il suo stesso linguaggio. Una breve pièce teatrale in cui i lavori e l'immaginario di Pisani sono trasformati e messi in scena.


Personaggi:

R: Rose, spogliarellista. Porta un abito rosa da coniglio.
M: Marguerite, una ragazza bionda di 12 anni.
S: La Sfinge, vecchia signora senza fissa dimora.
N: La donna del piano di sopra (la sposa messa a nudo).
F: Il Filosofo.
C: Croce, uomo celibe e pianista.
V: Voce maschile (Hermes)

Luogo:

Salotto dell’appartamento di Croce in via Angelica Kauffmann 34, Roma.
Il centro della scena è occupato da un grande tavolo quadrato di cristallo con tre piedi, contornato da quattro sedie in ferro, sul quale è poggiato un plastico dell’appartamento.
Nella finta parete di fondo, frontale al pubblico, è ricavata una grata anch’essa in ferro nero, da cui penetra un fascio di luce rossa. Accanto alla grata si trova un plinto con un busto di donna in cioccolato. Completano la scenografia un pianoforte a coda con sgabello in pelliccia e il dipinto di un’isola al centro di un fiume (del resto si può considerare che anche il fiume, sul quale è costruito l’intero teatro, abbia la coda, o meglio, sia la coda della sua architettura a forma di Croce).

ATTO I

R, F e C sono seduti al tavolo. N è bendata, giocano a mosca cieca.
V: Tartaruga, coniglio, gallina e scimmia.
C: Acqua.
R: Acqua, acqua.
F: Silenzio Duchamp.
C: Terra.
V: Aria. Anti-edipo.
F: Fuoco. Silenzio.
R: Fuoco.
N tocca il tavolo con il plastico. Ha trovato l’oggetto della ricerca. Si leva la benda dagli occhi.
N: Un Teatro da Tavolo. Sono trasparente. Trasparente. Vedere attraverso è aprire la conoscenza tra due mondi.
C: Trasparente è l’acqua, sprofondare nelle viscere della terra, il punto il cui l’asse verticale è inghiottito.
F: No, Croce, trascendere. L’aria. Superare l’orizzonte, il braccio orizzontale della croce e accedere al movimento ascensionale. Abbandonare il grembo materno in un certo senso. Non più magma, ma forma. Solo così si possono creare delle corrispondenze, l’incontro tra l’esterno e una simbologia interiore.
N: Nessuno dei due. È fusione magmatica e geometria mentale. Tutto torna, di nuovo.
C: Torniamo all’isola!
V: Il luogo spirituale è anche quello del lavoro dell’arte.
F: Di tutto ciò che può essere detto, si deve dire chiaramente; e di ciò di cui non si può parlare, si deve tacere. La questione più importante rimane quella di cui non si è mai parlato.
V: I sogni si accompagnano sempre della loro contraddittorietà.
C: Torniamo all’isola!
F: Non c’è fine all’erranza perché non c’è fine alla conoscenza.
Una vecchia donna spettinata entra in scena e inizia a camminare sul palcoscenico.
Nessuno sembra accorgersi di lei, tranne N.
N: Sfinge, siediti qui con noi. Sono passata ieri all’incrocio vicino Piazza Madre, ma non ti ho vista. Avevo dei vestiti per te.
Da una borsa N estrae delle stoffe e S sceglie un copricapo di leopardo. S si dirige verso la grata e si sdraia a terra. S diventa il guardiano dell’iniziazione e del passaggio.
Giace immobile e silenziosa fino alla fine dei due atti.
V: Qualcuno di voi ha un sogno da ricordare stamattina?
R: Adesso basta, vi canterò una canzone!
R si alza dalla sedia e avanza verso il pubblico. Un cerchio di luce rossa la segue. Alzandosi la coda di coniglio del suo costume cade.
C: Rose, ma belle, lascia che ti accompagni con le due code del mio frac! Questo teatro è democratico, tutto e tutti hanno la coda.
N: Miaaaaoooooo mostrando al pubblico la coda di gatto che pende dalla tasca posteriore dei suoi pantaloni.
V: Personalmente considero la mia fantasia (che non finisce mai) come la coda della mia immaginazione, dell’Io.
C si dirige verso il pianoforte (a coda) e inizia a suonare. Musiche di Satie.
R: cantando in maniera sussurrata, mentre inizia a spogliarsi.
Il coniglio oh non ama Joseph Beuyssssssssssssssss sssssssssssss
E io, io, io, io, non amooooo la naturaaaaaaa ah
R è nuda in scena e regge un cartello con il numero 34.
Roma, Pompe Funebri telefono 34 34 34. Telefonare per credere!
A rose is a rose is a rose is a rose is a rose is a rose is a rose is a rose.
La voce diventa diventa sempre più bassa, fino a scomparire. Si spengono le luci.

ATTO II

S è ancora a fianco della grata, immobile. La luce non è più rossa, ma blu. R, nuda, ha al collo una catena, che la collega ad un binario di metallo che pende dal soffitto. C è al piano. F e N sono seduti attorno al tavolo.
M entra in scena saltellando. Ha i capelli bagnati e un ombrello in mano.
Si ferma al centro della scena, rivolgendosi al pubblico.
Sono invisibile! Sono invisibile!
C: E questa chi è?
M: Mi chiamo Marguerite.
F: Margherita-croce. Sei tedesca?
M: Non lo so. Per vari mesi sono stata in una stanza buia a pensare ad una sola cosa, al temporale su Gerusalemme.
Posa l’ombrello al pavimento, dove inizia a formarsi una macchia d’acqua, che si fa sempre più grande.
F: Avevo una fidanzata che portava lo stesso nome. Adesso è un busto di cioccolato.
M: Io cerco una parola. Un nome di sette lettere con l’iniziale G.
V: Ogni nome è un dato reale, nessuna finzione.
F: Parola sacra e di passo di sette lettere. Il Quadrato G. della Disgrazia.
L’ombrello continua a gocciolare al pavimento, che ora è completamente ricoperto d’acqua.
V: Il nome è l’essenza di chi lo porta, ne racchiude la potenza, s’identifica con l’essenza stessa del nominato.
C: Genesis.
F: Marguerite.
M: Grazia.
N: Croce.
C: Rosa.
Il livello dell’acqua aumenta sempre di più. Gli oggetti della stanza iniziano a fluttuare sulla scena, l’acqua scorre dal palcoscenico e inizia ad invadere la sala.
N: Fortuna.
F: Salute.
N: Gioia.
L’acqua lentamente trascina fuori dalla scena le sedie dove sono seduti i personaggi. R scorre lungo il binario. Solo S continua a rimanere immobile. Marguerite è di nuovo al centro del palcoscenico.
M: E infine vi auguriamo molta Fortuna e Salute e anche Grazia Gloria Giustizia e Gioia tre o quattro belle parole con la lettera G.
Le luci si spengono.

Fine


Meris Angioletti (1977) è un’artista che vive tra Parigi e Milano. Il suo lavoro investiga i meccanismi della percezione, della memoria e della psiche.