The Wedding Present

Rudi Borsella

The I’m from further north than you

(7’, Scopitones records, 2005)

Dopo i nove anni di silenzio, in seguito all’uscita di “Saturnalia” del ‘96, i Wedding Present, storica formazione pop-rock proveniente da Leeds, riappare ora per volere del suo deus ex-machina, David Gedge. Partiti nel 1987, data del brillante esordio “George Best”, dal calderone di pop bands che avevano seguito le tracce degli Smiths, divenendo poi loro stessi tra gli inconsapevoli precursori dell’era dorata del Brit-pop dei ’90 -di cui non raccoglieranno i frutti- i Weeds tornano con l’album ”Take fountain” e questo singolo, ne è un primo gustoso antipasto. “The i’m from further north than you” è una dolce ballata semi-acustica dai sapori agresti, simile ai paesaggi color pastello disegnati dai Kings of convenience e Belle e Sebastien. Un suono lieve, quasi timido, semplice, dove gli scatti nevrotici ed incisivi dell’antico stile del quartetto vengono qui messi da parte, ma che riaffiorano sul lato b con “Nickels and dimes”, brano che non compare nell’album, dove i nostri tornano a far intravedere i nervi scoperti e le chitarre ringhianti. In definitiva, un ritorno più che onorevole, per una band probabilmente mai al passo con i tempi, ma che proprio per questo, riscuote la mia più profonda simpatia. La lista di nozze è aperta, siete tutti invitati.

(Rudi Borsella)