Perform

Luca Lo Pinto

Jens Hoffmann/Joan JonasThames & Hudson 2005

Scritto a quattro mani da Joan Jonas, storica artista americana, e Jens Hoffmann, uno dei più interessanti giovani curatori internazionali, “Perform” si pone come un libro storico - con un approccio anti-storicistico - sulla performance. Come chiarisce il titolo, i due autori cercano di non rinchiudere la riflessione entro etichette precostituite, ma immaginano il libro come una mostra divisa in diverse sezioni molto fluide. Accanto agli artisti più affermati e conosciuti nell’ambito della performance come Abramovic, Acconci, Burden, Kaprow, Nauman, è interessante vedere affiancati artisti molto giovani come Seghal, Herrero, Schinwald, Cuoghi insieme a Jerome Bel e Xavier Le Roy, che lavorano in un contesto diverso come quello teatrale. Il testo introduttivo è accompagnato da dieci progetti ad hoc pensati da altrettanti artisti tra cui Bock e Monk. Ogni sezione include una pagina monografica dedicata ai vari artisti accompagnata da due foto. A conclusione del libro una conversazione tra i due autori e diversi “esperti” del settore che, a dispetto dei nomi, è un po’ deludente. Un nuovo modo di pensare un libro storico forse non profondamente analitico, ma sicuramente innovativo. Unica pecca: forse l’impronta del curatore influisce troppo sulla scelta degli artisti (ii 70% ha lavorato con Hoffmann). Un’artista da scoprire: Tim Lee.

(Luca Lo Pinto)