Die!

Francesco de Figueiredo

“Hope You Die Again”

(CD – Equality Records - 2004)

Hope You Die Again” si potrebbe definire (con molta licenza) un disco ‘reazionario’, e se così fosse davvero la cosa non dispiacerebbe. Perché il fare forza contraria dei romani DIE! si inscrive in un momento in cui l’hardcore è per lo più impantanato su di un binario che non è il suo. Durante questi ultimi anni la scena -per tradizione ‘culo e camicia’ col punk e la sua attitudine- ha inglobato i virtuosismi del metal, le sue pose e il suo immaginario. Oggi i kids, sembrano invaghiti dai cugini di campagna metallari, e giù allora con riffoni ultratecnici e barocchi, doppi pedali e pose darkettone decisamente improbabili. Il disco in questione invece è dritto, teso, compatto. Hardcore pestato come si faceva un tempo, dieci tracce in dieci minuti, manco a farlo apposta. Molto vicino allo skatecore anni ottanta e all’hard rock per testi e forma, e per suono ai sempre vivi D.R.I., Black Flag e Circle Jerks. Un’uscita firmata Equality Records per chi ha buona memoria, e magari si è fatto rubare le orecchie da tutta quella nuova leva che in ogni modo ha dato movimento all’innegabile inerzia che si era venuta a creare. Noi -almeno oggi- seguiamo il monito della prima traccia: “That’s it! Face it, hardcore is about punk! Fuck your moshpits, I just want some skank!!”, che guardare indietro spesso non guasta.

(Francesco de Figueiredo)