VVAA

Francesco Farabegoli

“New York Noise”

(CD, Soul Jazz, ,2006)

Il primo volume della compilazione suonava come una specie di rivalsa di fronte ad una “nuova New York” che tra no wave, punk funk e tutto il resto era tornata il centro del mondo dell’art-rock (il che non è che sia un merito) e che rischiava di perdere la prospettiva storica. Così Liquid Liquid piuttosto che James Chance, DNA o Konk eccetera, tanto per stracciare i “nuovi” o quantomeno per non dare adito a dubbi. La seconda tornata di artisti a raccontare delle NY-waves (new o no wave poco conta) include futuri deus ex machina del pop del noise come Sonic Youth, residui no wave come Y Pants, ma soprattutto le incredibili esperienze proto-world di Pulsallama, le sperimentazioni di Rhys Chatham o The Static (Glenn Branca) e chicche come Red Transistor. Come quasi ogni prodotto Soul Jazz, obbligatorio.

(Francesco Farabegoli)