Bichi

Emiliano Barbieri

“Notwhitstanding”

(CD, Hobby Industries, 2005)

L’etichetta di Opiate pubblica il progetto solista di Tobias Wilner (Blue Fondation) attraverso questo moniker. Progetto intimista con atmosfere laptop da vasca da bagno, molto curato dal punto di vista della resa sonora e della cura dei samples siano essi di provenienza acustica, glitch digitali o parti vocali. Immaginate un Alva Noto dopo un lavaggio al cervello negli uffici della Morr Music, aggiungete un po’ di melodie orecchiabili ed il gioco è fatto. City è gommosa e adolescenziale da ricordare qualcosa dalle parte dei Notwist, mentre Whirl a stream of comfort è puro indie-pop. Si prosegue con debiti riconoscimenti alla fu electronic listening music di warpiana memoria e similaria, come tutto il pezzo centrale del disco, in cui le tessiture ritmiche sono ben congegnate dal punto di vista timbrico e sorreggono appieno la struttura delle tracce. Disco piacevole e volendo anche sofisticato, a patto di non mandarlo mai due volte di seguito e preferire gli episodi più scuri a livello melodico tipo Clouds e Shoulderblaze al posto del fraseggio nordico-felice inaugurato dai Mum pochi anni fa e presente in numerosi dei dieci episodi qui contenuti. Se fossi una persona seria direi: da ascoltare.

(Emiliano Barbieri)