London in six easy steps

Luca Lo Pinto

AA.VV.

ICA - 2005

“Six Curators, six weeks, six perspecitves” è il sottotitolo della mostra dell’ICA, che ormai (grazie anche alla direzione di Jens Hoffmann) si afferma come uno dei pochi spazi istituzionali a sviluppare una ricerca seria sull’idea della curatela. Sei curatori londinesi sono stati invitati a pensare un progetto che interpretasse l’attuale situazione artistica e culturale della capitale inglese. I curatori hanno avuto ognuno una settimana per esporre diverse prospettive sul tema. Tra i progetti più interessanti quello di Gregor Muir e di Gilane Tawadros. Il primo, “The George and Dragon Public House”, si è focalizzato sull’esperienza della George and Dragon House, famoso pub dell’East End, ricreato per l’occasione nella Lower Gallery del museo, ospitando performance, proiezioni e conferenze. Il secondo, “The Real Me”, ha invece preso spunto dalla conferenza “The Real Me: Postmodernism and the Question of Identity” dove, all’ICA, intervennero scrittori, filosofi, storici, psicologi, antropologi per discutere dell’idea di soggettività, identità sociale ed azione politica. Il catalogo, con un design essenziale ed elegante, è composto da sei diversi quaderni formato A5 racchiusi in una confezione, che ricorda, nella vesta grafica, le guide turistiche. Da collezionare.

(Luca Lo Pinto)