AA.VV.

Emiliano Barbieri

“Idol Tryouts Two: Ghostly International Vol. 2”

(2xCD/3xLP/digital, Ghostly International, 2006)

Come descrivere un doppio album lungo come un Roma Milano in macchina, al cui interno potete trovare i fraseggi analogici di Solvent assieme ai fruscii di beat straziati del buon Dabrye, il pop della Moebius Band vicino alle lande di Terre Thaemlitz, l’house di Daniel Wang cozzare con le aperture glitch di Cepia? La Ghostly racchiude in due CD i suoni qui contenuti. Il primo, denominato Avant Pop, racchiude le tracce maggiormente strutturare e uptempo. Il secondo – identificato dall’oscuro acronimo SMN – immerge l’ascoltatore in universi sonici dai contorni sfocati e assolutamente non identitari. Tuttavia il pregio del doppio CD è proprio nella sua interezza, una specie di enorme random tecnologico reso coerente da una comune visione del futuro così come ce lo immaginavamo da bimbi, con automobili volanti e robot dallo spettro vocale indefinito. Ogni artista e traccia qui presente, declina un diverso modo di giocare con i media musicali resi disponibili dallo sviluppo tecnologico. Decisamente meno apprezzabile è la volontà celebrativa della label, questo volersi autodefinire alfieri della libertà creativa contro schemi, schemini ed etichette. Per non farci caso, comunque, basta chiudere gli occhi e ascoltare...oh, se siete ancora in macchina andateci piano col chiudere gli occhi.

(Emiliano Barbieri)