Modeselektor

Valerio Mannucci

“Hallo Mom”

(CD, Bpitch Control, 2005)

All’inizio ammetto che non l’avevo capito. Nonostante l’avessi ricevuto già da un po’ di tempo, lo avevo dimenticato sulla scrivania e lui ogni tanto faceva capolino fra altri dischi più simpatici di lui. Poi però ho scoperto (con la relativa calma di chi i fogli che accompagnano i promo neanche li legge) che tutta quella farsa che era contenuta nel disco e che si palesava attraverso un finto spettacolo radiofonico con tanto di speaker con vocetta idiota, serviva solo a sporcare le 13 tracce contenute nel CD, al fine di evitare che le copie promozionali mandate ai giornalisti fossero fatte girare su internet prima dell’uscita ufficiale dell’album. Vabbè, contenti loro. Questo ‘Hallo Mom’ uscito su Bpitch Control ormai da parecchi mesi, se si dimentica la trovata dello spettacolo radiofonico, è un disco solido. Le tracce sono prodotte con forza, sembra quasi che siano fatte da un palestrato che la sera suona invece di andare a ballare. C’è dentro un po’ di tutto, electro, disco, idm e grassezze che assomigliano a quelle del grime o dell’acid house nera. Roba seria, in un pasticcio di stili degno di due menti musicali piuttosto confuse ma sicuramente divertenti. Gernot Bronsert e Sebastian Szary, che sono appunto i Modeselektor, sembrano adatti a tante situazioni. Non so, li vedo bene in contesti anche molto diversi, basta che a chi li ascolta piacciano, per un motivo o per un altro, i muscoli e il sudore.

(Valerio Mannucci)