Comfort

Giordano Simoncini

“Eclipse”

(CD, Psychotica, Wide, 2006)

Un po’ post, un po’ prog; all’inizio un po’ 90 Day Men di To Everybody:, poi un po’ Mogwai. Tranne che in Magnete, su cui tutto pende lieve, in cui tutto è sfiorato, da cui tutto diparte assai silenziosamente. Ed i tempi slow di Suite #103 e lo xilofono di La stella della danza, corta ed inquietante. Padronanza, inventiva, cognizione di causa e citazionismo, ma decisamente sotto la soglia dell’irritante. Un buon esordio per una band che si è fatta molto sottosuolo.

(Giordano Simoncini)