ROMBI

Valerio Mannucci

“ROMBI”

(MP3, Monemagro http://www.montemagro.com, 2006)

I ROMBI sono romani. Il nome, trattandosi di qualcosa che sta a cavallo fra noise elettronico, industriale e minimalista, è da intendersi nel senso letterale del termine, fondamentalmente ambiguo. Dovete insomma pensare ai supereroi e non ad un gruppo anni novanta di spastic-metal. Veniamo alla musica: dal vivo sono assolutamente potenti. Su disco mi sembra che perdano un po’ della loro forza, ma valgono sempre almeno il doppio di tanta paccottiglia digitale che gira di questi tempi. Parliamo nello specifico del disco omonimo: tanto per dare due coordinate, pensate ad un insieme di sconnessioni noise, ritmiche disturbate, campionamenti distorti e ossessivi, molta apparente semplicità e poche basse frequenze. Comunque, parole a parte, potete scaricarlo liberamente da Montemagro.com, la loro etichetta. Nota di lode per il sito e per il fatto che è possibile accedere anche ad una famigerata sezione “anni 90”, che sarebbe di fatto una raccolta digitale di vecchi lavori e vecchi live registrati su audiocassette e quant’altro. Cito per esempio la prima traccia di Dr.Beat, uno spasmo muscolare su tastiera Casio e segreteria telefonica (per le sovraincisioni). Puro godimento bidimensionale. Vabbè, andatevi a fare un giro che ne vale la pena.

(Valerio Mannucci)