Deerhoof

Giordano Simoncini

“Friend Opportunity”

(CD, TomLab - Wide, 2007)

Parte con un ritmo che fa venire le vertigini e quando Satomi dice “meet me meet me” è praticamente la stessa cosa di quando diceva Canta Ad Est Canta Ad Ovest e dunque Apple O’ e dunque il disco più tutto dei Deerhoof e forse questo Friend Opportunity è anche meglio. Una fanfara una fiera e una sagra di album, un punto di massimo e la testimonianza dell’avvenuto contatto con l’Istato di Grazia assoluto. Questo i Deerhoof sono giunti a fare. Il loro capolavoro assoluto to date. Con buona pace di chi aveva sfoderato la spocchia al cospetto degli ultimi lavori, che erano troppo qualcosa e poco qualcos’altro, che c’era qualcosa che puzzava, che qualcos’altro non profumava e compagnia bella. Un album perfetto, lo si voglia chiamare o definire a piacimento e secondo ispirazione del caso. Per i gentili palati di: a) artrockers; b) noiserockers; c) avantpoppers; d) indieproggers; e) sailcazzers; probabile leccornia dell’anno. Attenzione.

(Giordano Simoncini)