The Pervert’s Guide to Cinema, Parts 1, 2, 3

Filipa Ramos

di Slavoj Žižek

(DVD, P Guide Ltd, 2007)

Per quelli che hanno già letto qualche libro di Žižek, le idee contenute in questo documentario non sono nuove. Sono però dimostrate con una chiarezza e un potere esemplificativo che soltanto le immagini in movimento possono avere. In questo DVD, Žižek dimostra alla perfezione la sua capacità di applicare teorie psicoanalitiche alla interpretazione della cultura visiva in un modo estremamente convincente. Le tesi sviluppate nelle tre parti del film si centrano sulla dialettica tra finzione e realtà, dimostrando come le creazioni umane possono tutte essere ridotte a una illustrazione delle nostre più profonde emozioni e dei nostri desideri più intimi. “There is nothing spontaneous, nothing natural about human desires. Cinema is the ultimate pervert art. It doesn’t give you what you desire - it tells you how to destre.” Con queste parole, Žižek ci introduce a quello che stiamo per vedere: un gran numero di scene tratte da film in cui lo psicoanalista dimostra come le teorie di Lacan si rispecchiano chiaramente nella storia del cinema, da Hitchcock a Lynch, da Matrix a Alien, passando per Tarkovsky e Bergman. Alla fine, lui ci ha convinto che The Birds non è nient’altro che la vendetta di un Superego materno, che Solaris illustra la tesi di Lacan, che “le donne non esistono” e che Il Mago di Oz esemplifica chiaramente il nostro rapporto con il concretizzarsi dei desideri. Se riesci a finire il film senza esserti totalmente arreso ai doni argomentativi di Žižek: o non hai visto il film con attenzione o pensi già che la finzione non è altro che una pallida ripetizione della realtà.

(Filipa Ramos)