A.V.

Shadow Music Of Thailand

(CD, Sublime Frequencies, 2008)

Sul precedente numero avevamo parlato di Omar Souleyman, il siriano jihadi dance, stavolta siamo in Tailandia. Il termine Shadow Music fa riferimento allo stile chitarristico pop tailandese di fine anni ‘60. Grazie a questo disco scoprirete che anche la Tailandia ha il suo passato da nightclub: ci sono chitarre, percussioni, organetti, xilofoni e coretti asiatici. Le melodie Thai tradizionali subiscono un trattamento a base di rock, surf, exotica e blues. Una specie di tranquilla psichedelia folk. L’influenza occidentale è la base di partenza, ed è forse la cosa che rende questo disco una piccola perla. Quasi da brivido, ti trovi in faccia gli anni sessanta, i nightclub tailandesi e una band in smoking tipo i The Shadows ma più bassa e con gli occhi a mandorla.

(valerio mannucci)