A.V.

Last Kind Words (1926-1953)

(CD, Mississipi Records, 2008)

A sentire l’inizio della prima traccia, senza farlo apposta, pensavo fosse un nuovo (e studiatissimo) bootleg di Devendra Banhart. Il che non è per forza un punto a favore, anzi. Poi la canzone si è sviluppata e qualcosa di originario e non derivativo ha preso il sopravvento. L’etichetta è la Mississipi Records e questa è una raccolta di tracce di artisti vari risalenti agli anni che vanno più o meno fra le due guerre (cfr. recensione del libro PreWar Folk, su questo stesso numero), esattamente sono registrazioni che vanno dal 1926 al 1953 ed hanno a che fare per lo più con il country-blues. Alcune sono davvero belle, le altre sono comunque da sentire. Ho provato a capire i testi e non è stato per niente facile, ma per quel poco che ci sono riuscito, ho rischiato le lacrime: solitudine, amicizia, morte e amore.

(valerio mannucci)