Night Wounds

Allergic to Heat

(CD, Corleone Records, 2008)

Ristampa su CD dell’LP, ormai out of print, uscito lo scorso anno su Woodsist (quella dei Woods/Meneguar, per intenderci). Direttamente da Los Angeles, post-noise-no-wave di scuola Load/Providence, genere allo stesso tempo invecchiato (male, spesso e volentieri) ma sempre attuale, talmente pregno di influenze da suonare, paradossalmente, quasi originale. Anzi, dopo ripetuti ascolti il disco acquisisce un’identità propria, grazie ad una magistrale capacità di mescolare, trattare e aggiornare i soliti nomi putativi (Butthole Surfers, This Heat, Residents, Dead C, per sparare i primi 5 che senza troppa fatica si riconoscono nell’amalgama del trio). Drumming frammentario ma dritto, basato su frenetici stop and go, sferraglianti chitarre effettate e un sassofono accompagnano una voce con il gain a palla per un disco banale quanto godibile, il cui unico difetto rimane una masterizzazione inspiegabilmente a volume troppo basso.


(federico tixi)