MISS FRANCE

by Julia Frommel

Per dieci anni, passeggiando per una strada nel centro di Roma, Via della Scrofa, mi sono fermata davanti alla vetrina di un negozio che a prima vista sembrava abbandonato. Ma, ogni volta che ci passavo di fronte, notavo che gli oggetti in vetrina cambiavano. Il nome del negozio era scritto su un vecchio neon colorato: Miss France. Solo quest’estate sono finalmente riuscita ad entrarci. Tramite passaparola, avevo scoperto che il negozio apriva alle 23 e chiudeva alle due di notte. La proprietaria, Maryse, è stata eletta Miss France, per l’appunto, nel 1956. Arrivata in Italia poco dopo, per un pò di anni lavorò in tv come soubrette a Canzonissima, a teatro con Wanda Osiris e Raimondo Vianello, e in diversi fotoromanzi. Mi racconta che prendeva lezione di tip-tap con la Carrà quando era ancora sconosciuta. Decise di aprire il negozio negli anni ‘60. All’inizio importava vestiti francesi alla moda, poi, piano piano, ha finito per trasformarlo in un negozio di seconda mano. Ci trovi di tutto: dalle cravatte di Hermès alle magliette dei puffi, dalle scarpe di Pierre Cardin a vecchi giocattoli. Quasi tutto costa 2,58 euro ovvero la trasposizione esatta delle vecchie 5.000 lire. Ma entrare da Miss France è qualcosa di particolare. E’ come entrare nell’armadio di un’altra persona. Strati e strati di vestiti, oggetti ammassati in pochi metri quadri, memorie stratificate degli ultimi 50 anni.
Quando sono andata per fare le foto, ha preso fuoco il neon ed è saltata la luce. Ecco perchè sono buie. Buona visione!

(01/10)