Invincibile

di Werner Herzog

(DVD, RHV, 2008)

Non si capisce il perché ma in Italia la filmografia di Herzog arriva, se arriva, ad intermittenza e datata. Così quando nel resto del mondo si parla di Encounters at the End of the World, l’ultimo clamoroso documentario girato da Herzog in Antartide, dalle nostre parti arriva in sala, poi in DVD, Invincibile (del 2001). Che bello. Peccato che il film in sé non sia un capolavoro. E’ tratto da una storia vera, quella di Zishe Breitbart, un fabbro ebreo noto per la sua forza che finisce con l’interpretare una divinità neopagana nel teatro dell’occulto del Sig. Hanussen (Tim Roth), un filonazista. E detta così suona anche bene. Solo che poi il tutto slitta in una sorta di parabola ebraica in salsa casher, tenera e buona, ma poco sorprendente. Anzi alle soglie dello “sceneggiato”, se non fosse per gli sprazzi mefistofelici di Tim Roth e per il destino bastardo che spetta al protagonista nel finale. Ogni tanto, con le immagini, Herzog cerca di essere Herzog (una cova di granchi enormi sul mare, le riprese del circo, le stanze dell’occulto) e ci riesce anche bene, però sembrano picchi compensativi su una base tendenzialmente piatta.

(lorenzo micheli gigotti)