Part of the weekend never dies

di Saam Farahmand / Soulwax

(DVD + CD, Pias UK, 2008)

I Soulwax sono una band capeggiata da due fratelli, David e Stephen Dewaele. Vengono da Ghent, Belgio e fanno anche i dj sotto lo pseudonimo di 2 Many DJs. Oltre a produrre la loro musica, sono particolarmente bravi a selezionare e rielaborare pezzi rock, pop, electro, dance di altri musicisti. Sono una specie di pur’essenza del remix in versione electro dance, suonata per l’occorrenza sia con gli strumenti che con i dischi. Part of the weekend never dies è un documentario realizzato da Saam Frahmand e gli stessi Soulwax tra il 2005 e il 2008 durante il tour del gruppo. Con una sola telecamera sono stati registrati oltre 120 show in Europa, Giappone, Stati Uniti, America Latina e Australia. Ammetto di non essere un loro fan, però il film l’ho visto con piacere. Ai live show, realizzati nei locali di tutto il mondo, si alternano le interviste al duo, ai loro amici e collaboratori. Ci sono tutti quelli che vanno di moda in Europa, la cricca Banger Records con Busy P, Justice, So-Me, e poi LCD Soundsystem, Erol Alkan, Tiga, Peaches e altri. Più che la musica, a tratti ripetitiva, c’è da godersi da sobri il panorama clubbing mondiale, attraverso immagini fresche ma rudimentali e un editing avant pieno zeppo di lancetti e risposte a tempo. Il film è gonfio di teenager di ogni razza e tipo, e come orizzonte è anche pop, però nella sostanza non ha posa ed è molto sincero. Nel DVD, oltre al documentario ci sono altri 54 minuti filmati di Nite Versione Live at Fabric and 120 other Place (unicamente dedicato ai live show), un commento di Tiga e un cd con la registrazione del live.

(lorenzo micheli gigotti)