TAKE CARE OF THE WORLD

by Öyvind Fahlström

Italian version below - Versione in italiano sotto

1. Art — Consider art as a way of experiencing a fusion of “pleasure” and “insight”. Reach this by impurity, or multiplicity of levels, rather than by reduction. (The fallacy of some painting, music, etc.; satori by mere reduction. The fewer the factors, the more they have to be “right”, “ultimate”)

The importance of bisociation (Koestler). In painting, factual images of erotic or political character, for example, bisociated, within a game-framework, with each other and/or with “abstract” elements (character-forms, cf. my statements in Art and Literature 3) will not exclude but may incite to “meditational” experiences. These, in turn, do not exclude probing on everyday moral, social levels. This would hold true equally for theater. In two short plays of mine, The Strindberg Brothers and Hammarskjold on God, performed in Stockholm, dance-like “pure” sequences are interlocked by an actual interview with an aged couple on the cost of living and a representation of the Swedish crown prince burning himself like a Buddhist monk. An interview with a sex-change case is both documentary and pure sound (yells).

2. Games — Seen either as realistic models (not descriptions) of a life-span, of the Cold War balance, of the double-code mechanism to push the bomb buffon — or as freely invented rule-structures. Thus it becomes important to stress relations (as opposed to “free form” where everything can be related to anything so that in principle nothing is related). The necessity of repetition to show that a rule functions — thus the value of space-temporal form and of variable form. The thrill of tension and resolution, of having both conflict and non-conflict (as opposed to “free form” where in principle everything is equal).

Any concept or quality can be a rule, an invariable. The high notes or yells of the sex-change interviewer in The Strindberg Brothers (see section 1 above), replacing and cued to the exact length of her questions, constitute a rule as well as the form-qualities of a painted, magnetized metal cut-out. The cut-out is an invariable as form, out- look. As long as another element is not superimposed on it, the cut-out will never vary visually, but its meaning will vary depending on its position. Rules oppose and derail subjectivity, loosen the imprinted circuits of the individual.

3. Multiples — Painting, sculpture, etc., today represent the most archaic art media, depending on feudal patrons who pay exorbitantly for uniqueness and fetish magic: the “spirit” of the artist as manifested in the traces of his brushwork or least in his signature (Yves Klein selling air against a signed receipt in 1958).

It is time to incorporate advances in technology to create mass-produced works of art, obtainable by rich or not rich. Works where the artist puts as much quality into the conception and the manufacturer as much quality into the production, as found in the best handmade works of art. The value of variable form: you will never have exactly the same piece as your neighbor. I would like to design an extensive series of puppet games, sold by subscription, in cut-out sheets; or 3-D dolls (BARBIES FOR BURROUGHS project). And robot theater elements arrange themselves by computer programming.

4. Style — If bisociation and games are essential, style is not. Whether a painting is made in a painterly, in a hard- edge graphic or in a soft photographic manner is of secondary interest, just as documentary, melodramatic and dance-like dimensions can interweave in a play. I am not much involved in formal balance, “composition” or, in general, art that results in mere decorative coolness (art that functions primarily as rugs, upholstery, wallpaper). Nor am I concerned with any local cute pop or camp quali- ties per se, be they the thirties, comics, Hollywood, Americana, Parisiana, Scandinavianisms.

5. Essentials — In order to seem essential to me a material, content or principle does not only have to attract me “emotionally”, but should concern matters that are common and fundamental to people in our time, and yet be as “fresh”, as untainted by symbolism, as possible. I deplore my incapacity to find out what is going on. To find out what life, the world, is about, in the confusion of propaganda, communications, language, time, etc.

Among the things I am curious about just now: where to find (and make a film of) the life geniuses, individuals who manage to put the highest degree of artistry (creativity, happiness, self-fulfillment) in every phase of their living. What are the relations and possibilities in art-and-technology, new media? Chemical/electrical brain stimulation and ESP. Opera-theater-Happenings-dance. Europe-Russia (?-China); isolate and incite the USA. Concerts (dance, music, lectures, etc. of the Cage-Yvonne Rainer type) in Russia. “Political” performances in China - the nonparadox of presenting the official Chinese outlook whit the esthetic conventions of New York performances, and vice versa.

6. Risk reforms — Attitude to society: not to take any of the existing systems for granted (capitalist, moderately socialized or thoroughly socialized). Refuse to presume that “sharpness” of the opposite systems will mellow into a worthwhile in-between. Discuss and otherwise influence the authorities toward trying out certain new concepts.

The reforms mentioned below are of course not proposed with the huge, rigid warfare states like China Russia or the U.S.A. in mind, but rather small welfare states like Sweden, groping for goals. The reforms are all more or less risky — which should be considered an asset: they will appear not as another series of regulations, but as events that might somewhat shake the chronic boredom of well-fed aimlessness and shove the country in question into international prominence.

7. Arms — Complete and unilateral disarmament (apart from a small permanent force submitted to the United Nations). Small countries will soon have to make the choice between this and acquiring nuclear weaponry anyway. The risk of disarming is minimal, as only other small countries now (or even later with nuclear arms) can be deterred. This step would, among other things, release tax income, man- and brainpower for other reforms.

8. Terror — Instead of prisons, create forcibly secluded, but large, very complete and very “good” communities (everyday Clubs Méditerranéen) where offenders could gradually find satisfying ways of living without further offenses. The risk would of course be the suffering of victims, with potential offenders no longer deterred (a “Tenth Victim” situation?).

Value: having to find out what makes a “good” community; corralling the discontented part of the population; finding out if punishment deters; finding out if a major part of the population will turn criminal in order to be taken care of in a closed community rather than live in the open one.

9. Utilities — Free basic food, transportation and housing paid through taxes. Risk: “No one will care to work.” Value: true equality—everyone paying taxes according to what he or she earns. As opposed to the present token equality, where an apple costs differently to each buyer.

10. Profits — Steer away from redundant, self-revolving production (five to ten different companies producing the same detergent— competition mainly on the level of marketing gimmicks) by letting government agencies assign projects to the two or three most qualified bidders (like military contracts plus limited competition). What to be produced thus will be decided centrally by the country; how to produce, by the manufacturer; and how to divide the profits, by manufacturers and workers. An attempt to combine planning and incentive. The risk of less variety and lack of incentive outweighed by the chance to diminish the alienation in ordinary blindfolded work; of replacing publicity with information; and primarily to divert brain- and manpower to neglected fields like housing, pleasure, education, etc.

11. Politics — Government by experts and administrators. Delegate the shaping of policies and the control of experts to a body of “jurors” replaced automatically at given intervals, chosen from outstanding persons in all fields. Abolish politicians, parties, voting. Perhaps have referendums. Voting and active participation on mainly regional, labor and such levels where participation is concrete and comprehensible.

Find and channel some geniuses into creative administrative and diplomatic work, instead of excluding them from such leadership. Risk: nothing can be worse than the present predicament of power games on local and global levels between smalltime politicians whose sole expertise lies in acquiring and keeping power.

12. Pleasure — “The ecstatic society “. Research and planning in order to develop and mass produce “art” as well as “entertainment” and drugs for greater sensory experiences and ego-insight. New concepts for concert, theater and exhibition buildings; but first of all pleasure houses for meditation, dance, fun, games and sexual relations (cf. the “psychedelic discothéque” on the West Coast, and the multiscreen discothéques of Gerd Stern and Andy Warhol). Utilize teleprinter, closed-circuit TV, computers, etc., to arrange contacts, sexual and other. Incite to creative living, but also approve “passive” pleasures by means of new drugs - good drugs, strong and harmless, instead of perpetuating the use of our clumsy, inherited drugs, liquors, stimulants. Refine the activating (consciousness-expanding) new drugs. And develop euthanasia drugs to make dying easy, fast and irrevocable for terminal cases and prospective suicides.

The risk of people not caring to work anymore would be eliminated by the fact that people would have superficial benefits attractive enough to make it worthwhile to work in order to obtain them. 1966

P.S. In this Manifesto (especially subjects no. 6. 11 and 12) there are several ideas expressed to which I no longer subscribe. New York, 1975

The fragments that Fahlström cut out in 1975 for the revised version of this text are printed in light typeface.

Thanks to Sharon Avery-Fahlström and Anna Cestelli Guidi
All images courtesy of Sharon Avery-Fahlström



--------------------------------------------------------------------------------------------------

Italian Version - Versione in italiano


1. Arte – Considerare l’arte come un modo per fare esperienza della fusione di “piacere” e “intuizione”. Raggiungere questo stato attraverso l’impurità, o la molteplicità dei livelli, piuttosto che attraverso la riduzione. (La fallibilità di alcuni quadri, musiche, etc.; satori per mera riduzione. Meno sono i fattori, più devono essere “giusti”, “definitivi”).

L’importanza della
bisociazione (Koestler). Nella pittura, le immagini reali a soggetto erotico o politico, per esempio, bisociate tra loro e/o con elementi astratti (soggetti-forme, confronta le mie affermazioni in Art and Literature 3) all’interno di un gioco-cornice non escluderanno, ma potranno spingere ad esperienze “meditazionali”. Queste, a loro volta, non escludono l’indagine del quotidiano a livello morale e sociale. Tutto ciò vale anche per il teatro. In due miei brevi spettacoli, The Strindberg Brothers e Hammarskjold on God, messi in scena a Stoccolma, alcune “pure” sequenze di simil-danza erano collegate da un’intervista reale sul costo della vita fatta ad un’anziana coppia, e da una rappresentazione del principe svedese incoronato che si dava fuoco come un monaco buddista. Un’intervista su un caso di cambiamento di sesso è allo stesso tempo documentario e suono puro (grida).

2. Giochi – Visti allo stesso tempo come
modelli realistici (non descrizioni) di tutta una vita, dell’equilibrio della Guerra Fredda, del meccanismo a doppio codice per spingere il bottone che fa partire la bomba – o come strutture di regole liberamente inventate. Perciò diventa importante forzare le relazioni (all’opposto della “forma libera” dove tutto può essere messo in relazione con tutto, cosicché in principio nulla è in relazione). La necessità della ripetizione per far vedere che una regola funziona – di conseguenza il valore della forma spazio-temporale e della forma variabile. Il brivido della tensione e della risoluzione, di avere allo stesso tempo un conflitto e un non-conflitto (in opposizione alla “forma libera” dove in principio tutto è uguale).

Ogni concetto o qualità può essere una regola, un elemento invariabile. Le note alte o le grida dell’intervistato sul cambio di sesso in
The Strindberg Brothers (vedi la sezione 1 qui in alto), sostituite e sincronizzate con l’esatta lunghezza delle sue domande, costituiscono una regola allo stesso modo delle qualità-forma di un cut-out dipinto su metallo magnetizzato. Il cut-out è un elemento invariabile in quanto forma, prospettiva. Dal momento che nessun altro elemento è sovrimposto ad esso, la sagoma non cambierà mai visivamente, ma il suo significato varierà in base alla sua posizione. Le regole contrastano e deviano la soggettività, avendo perso i circuiti congeniti dell’individuo.

3. Multipli – Pittura, scultura, etc., oggi rappresentano i media artistici più arcaici, soggetti a padroni di tipo feudale che pagano cifre esorbitanti per l’unicità e la suggestione del feticcio: lo “spirito” dell’artista come traccia che si manifesta nelle pennellate o al limite nella sua firma (Yves Klein che nel 1958 vende l’
aria in cambio di una ricevuta firmata).

E’ tempo di incorporare i progressi della tecnologia per creare opere d’arte prodotte in massa, disponibili ai più ricchi e ai meno ricchi. Lavori in cui l’artista infonda tanta qualità nel concepimento e nella manifattura quanto nella produzione, così come si vede nelle migliori opere d’arte prodotte a mano. Il valore della forma variabile: non avrai mai lo stesso identico pezzo del tuo vicino. Vorrei progettare un’estesa serie di marionette, vendute per sottoscrizione, in carta cut-out: o bambole 3-D (BARBIES FOR BURROUGHS project). E
robot theatre: elementi che si auto-dispongono attraverso una programmazione al computer.

4. Stile – Se la bisociazione e i giochi sono essenziali, lo stile non lo è. Se un quadro è in stile pittorico, con una grafica dai bordi netti o in stile soft-fotografico, è di secondario interesse, così come dimensioni di tipo documentario, melodrammatico e di simil-danza possono alternarsi in una rappresentazione. Non m’interessa molto il bilanciamento formale, la “composizione” o, in generale, l’arte che sfocia nella mera freddezza decorativa (arte che funziona principalmente come tappeto, rivestimento, carta da parati). Né m’interessa alcun aspetto di tipo local-sdolcinato pop o camp, sia esso: gli anni ’30, i fumetti, Hollywood, l’”Americana”, la “Parisiana”, e gli “Scandinavismi”.

5. Essenzialità – Per essere essenziale, secondo me, un materiale, un contenuto o un principio deve non solo attrarmi “emozionalmente”, ma dovrebbe avere a che fare con questioni comuni e fondamentali per le persone del nostro tempo, ed essere anche “fresco”, non contaminato dal simbolismo, se possible. Deploro la mia incapacità di capire cosa stia accadendo. Per scoprire cosa sta succedendo alla vita, al mondo, nella confusione della propaganda, della comunicazione, del linguaggio, del tempo, etc.

Tra le cose che mi incuriosiscono in questo momento: trovare i
geni della vita (e farne un film), individui che sono in grado di infondere il più alto livello di artisticità (creatività, felicità, auto-realizzazione) in ogni fase della loro vita. Che tipo di relazioni e possibilità esistono nel rapporto arte-tecnologia, nei nuovi media? La stimolazione cerebrale chimico/elettrica e l’ESP. Opera-teatro-Happenings-danza. Europa-Russia (? – Cina); isolare e incitare gli Stati Uniti. Concerti (danza, musica, conferenze, etc. del tipo Cage-Yvonne Rainer) in Russia. Performance “politiche” in Cina – il non-paradosso di presentare la visione ufficiale cinese insieme alle convenzioni estetiche delle performance newyorkesi, e viceversa.

6. Riforme del rischio – Attitudine nei confronti della società: non dare per scontato nessuno dei sistemi esistenti (capitalista, moderatamente socializzato o estremamente socializzato). Rifiutare l’assunzione per cui la severità dei sistemi opposti si possa ammorbidire trasformandosi in una via di mezzo più conveniente. Discutere o altrimenti influenzare le autorità nel mettere alla prova alcuni nuovi concetti.

Le riforme menzionate qui di seguito non sono naturalmente suggerite avendo in mente l’enorme, rigida politica di guerra di stati come la Cina, la Russia o gli Stati Uniti, ma piuttosto la politica di welfare di stati come la Svezia, che vanno a tentoni cercando degli scopi. Le riforme sono tutte più o meno rischiose – il che dovrebbe essere considerato un vantaggio: esse non figureranno come un’altra serie di regolamentazioni, ma come eventi che potrebbero in qualche modo scuotere la noia cronica del vivere senza scopi nel benessere, e spingere il paese in questione ad avere una rilevanza internazionale.

7. Armi – Disarmo completo ed unilaterale (ad eccezione di una piccola unità permanente facente capo alle Nazioni Unite). I paesi piccoli dovranno presto prendere una decisione tra questa scelta e l’acquisire in qualche modo un armamento nucleare. Nel disarmarsi il rischio è minimo, dato che al momento (o persino in futuro con le armi nucleari) solo altri piccoli paesi possono essere dissuasi. Questo passo, tra le altre cose, libererebbe tasse sul reddito, uomini e cervelli per altre riforme.

8. Terrore – Invece delle prigioni, creare comunità forzatamente appartate, ma grandi, molto complete e molto “buone” (i Club Méditerranée dei giorni d’oggi) dove i colpevoli potrebbero trovare gradualmente modi soddisfacenti di vivere, senza commettere ulteriori reati. Il rischio sarebbe naturalmente la sofferenza delle vittime, con potenziali colpevoli non più dissuasi. (Una situazione a
La Decima Vittima?)

Valore: bisogna scoprire cos’è che rende “buona” una comunità; isolare la parte scontenta della popolazione; capire se la pena è in grado di dissuadere; capire se la maggior parte della popolazione si trasformerà in criminale per sentirsi tutelata in una comunità chiusa piuttosto che in una aperta.

9. Servizi – Cibo di prima necessità gratuito, trasporti e alloggi pagati attraverso le tasse. Rischio: “Nessuno si preoccuperà di lavorare”. Valore: vera eguaglianza – ciascuno paga le tasse a seconda di quanto esso o essa guadagna. Al contrario dell’attuale eguaglianza simbolica, dove una mela costa diversamente per ciascun acquirente.

10. Profitti – Tenersi alla larga dalla produzione superflua, che gira su se stessa (da cinque a dieci società diverse che producono lo stesso detergente – concorrenza principalmente a livello di trovate di marketing), lasciando ad agenzie governative il compito di assegnare progetti ai due o tre migliori offerenti (ad es. contratti militari e concorrenza limitata). Cosa produrre sarà perciò deciso centralmente dal paese; come produrre, dal produttore; e come spartire i profitti, dai produttori e lavoratori. Un tentativo di combinare pianificazione ed incentivo. Il rischio di una minore varietà e della mancanza d’incentivo è sovrastato dalla possibilità di ridurre l’alienazione del lavoro ordinario e cieco; di sostituire la pubblicità con l’informazione; e in primo luogo di dirottare menti e manodopera verso questioni trascurate come il problema degli alloggi, il piacere, l’educazione, etc.

11. Politica – Governo costituito da esperti ed amministratori. Delegare la scelta della linea politica e la selezione degli esperti ad un corpo di “giurati” sostituti automaticamente ad intervalli regolari, scelti da persone eminenti in tutti i campi. Abolire politici, partiti, voti. Forse avere i referendum. Voto e partecipazione attiva principalmente a livello regionale, del movimento dei lavoratori e ai livelli in cui la partecipazione è concreta e comprensibile.

Trovare e immettere qualche genio nell’amministrazione creativa e nel lavoro diplomatico, invece di escluderli da queste leadership. Rischio: non ci può essere niente di peggio della difficile situazione attuale fatta di giochi di forza, a livello locale e globale, tra politici di poca importanza, la cui unica competenza risiede nel acquisire e mantenere potere.

12. Piacere – “La società estatica”. Ricerca e pianificazione a scopo di sviluppare e produrre in massa sia “arte” che “intrattenimento” che droghe, per esperienze sensoriali più intense e auto-intuizioni. Nuove idee per concerti, teatri e spazi espositivi; ma prima di tutto
case di piacere per la meditazione, la danza, il divertimento, i giochi e i rapporti sessuali (cf. la “discoteca psichedelica” nella West Coast, e le discoteche multiscreen di Gerd Stern e Andy Warhol). Utilizzare telescriventi, tv a circuito chiuso, computer, etc., per stabilire contatti, sessuali e di altro tipo. Sollecitare il vivere creativo, ma anche approvare i piaceri “passivi” per mezzo di nuove droghe – droghe buone, forti e innocue, invece di perpetuare l’uso delle nostre droghe, i liquori, gli stimolanti, scomodi ed ereditati. Raffinare l’attivazione (espansione della consapevolezza) di nuove droghe. E sviluppare medicinali per l’eutanasia destinati ai casi terminali e alle prospettive di suicidio per una morte facile, veloce ed irrevocabile.

Il rischio di persone non interessate più a lavorare sarebbe eliminato dal fatto che avrebbero dei benefits superficiali e abbastanza allettanti da lavorare per ottenerli. 1966

P.S. In questo manifesto (in particolare nei soggetti n.6, 11 e 12) esistono diverse idee che non sottoscrivo più. New York, 1975

I frammenti che Fahlström ha tagliato nel 1975 sono stampati nella versione ri-editata di questo testo con un font ‘light’.

Thanks to Sharon Avery-Fahlström and Anna Cestelli Guidi
All images courtesy of Sharon Avery-Fahlström

(01/3)