INNER STORIES. BOB FLANAGAN'S PAIN JOURNAL

by Bob Flanagan

Italian version below - Versione in italiano sotto

APRIL

Hotel performance done. The audience gathered together in one hotel room and peered through telescopes and binoculars while I performed supposedly auto-erotic activities in my own room, across the courtyard, all alone. Don’t know who saw what, or what anyone thought, or what it all meant. I’m just glad it’s over. Wine enema, butt plug, alligator clips, ball whacking, piss drinking, masturbating, bondage-they wanted a show, I gave them a show. Felt disoriented and depressed through most of it, as I feel disoriented and depressed through most everything these days.

*

The hospital-finally. Seems like I’ve been talking about coming here ever since the last time I left. Haven’t been breathing or feeling well the whole time and will probably never breathe well or feel well again. I’m not being pessimistic when I say it’s only going to get worse. That’s the reality. My blood gasses are much worse: PO2 81, PCO2 57. Don’t know if that’s forever, but it’s fucked.

*

Here I am tippy-de-typing on the couch cause I’m still on drugs, nothing interesting, just antibiotics. Lately I’ve been longing for Demerol. Flashbacks to those days of post-op-sinus surgery, pericarditus, pneumothorax-when I got it when I wanted it and I liked it-perhaps a little too much. But, ho hum, nothing tonight but Tobramycin, Piperacillin and Ceftazidime in my veins and a couple of Vicodin in my mouth, but that doesn’t do much anymore beyond dulling the headache, which is fine I suppose. Sheree’s here on the couch too. Not sleeping cause she slept till noon today. She’s out on stress leave so she has no schedule. She’s waving her naked legs in the air. She’s reading about gardening, her new hobby. I want her to put dozens of alligator clips on my dick and balls, but I don’t know if I’d freak out or not. I can put a couple on myself. It hurts like hell but most of the time I can hold on until the pain subsides and I get kind of a rush. But can I take it when she’s in control? The ultimate question.

*

Getting hard to breathe again. Thought I was doing much better, but it never lasts. My mood has been improving, though. And I’ve got a renewed interest in sex, mostly fantasizing about this alligator clip thing, and trying it out a little bit with a couple of clips here and there, those jagged little teeth biting into my tender spots as I grab hold of something like the bed rail and squeeze until the pain floats off a little, turns sweet almost, until it’s time for another clip. It’s almost like eating hot chili peppers, except that the taste buds for this delicacy are in my balls, not my mouth.

MAY

I had a great hard-on, but now it’s gone, and now that I’m writing and not masturbating, it’s coming back. That fucker. I was sound asleep, several times. Sheree and I went to bed early, tuckered out after Mother’s Day lunch at Barney’s in Beverly Hills. A worm crawling along the rim of my plate after an incredible dish of sturgeon got everyone grossed out and me a free lunch. Came home and fell asleep watching X-Files with Sheree, but I woke up just in time to catch her video taping me as I lay naked and snoring. I made my penis talk for the camera. Drunken bar penis: “All right, all right, I’m comin’ goddamn you, you prick.” Then it was sleep, cough, wake up; sleep, cough, wake up, until now, where it’s 2:30 am, Sheree’s snoring and I can’t stop her, even if I shake her, even if I pinch her nose. So it’s ear plugs in, which makes it impossible to hear Perry Mason on TV. Before Sheree plunged into the sawmill, earlier on, after my little penis show, she wanted me to suck her nipple while she masturbated with the vibrator. Not that I didn’t want to, but I was still tired and ready to go back to sleep, and it usually takes her such a long time to come (we Paxil pals), that I just didn’t want to get involved, but it would have been awful to deny her, so I went forth and commenced my sucking. I felt just like I did earlier this afternoon when I went out to the car to wait for her while she shopped at Barney’s after lunch. I was too out of breath to walk around and shop with her, so I sat in the car listening to the radio and waited for her to finish, knowing full well it could take forever. But lo and behold she came out relatively quickly, and what do you know, she came fast too, here in bed, with a nice little shudder of completion, and before we knew it were both fast asleep, until now, for me anyway. Some weird dream I just had, too. I had a pet parakeet, maybe two of them. I kept trying to play with it in its cage: giving it food, toys, playing with it with my hand. But somehow I was fucking it up. Suddenly the cage was a plastic bag, and I tried to shift the bird around so it could breathe. At some point the cage was like an oven, and I could see the parakeet getting singed and burnt, but it was too hot to put my hand in. Finally I managed to coax him out. He was alive still, but kind of crispy. One of his feet was melted. When I put him back in his cage I could see that he wasn’t going to live. He was tiny and stiff. I felt guilty. I thought, since this was the second bird in one day that I had killed, did I do it on purpose, under the guise of “play?” Then I woke up and wrote all this stuff. Now it’s back to sleep, and maybe a hard-on if I’m lucky. And look, another Perry Mason episode that I won’t be able to hear.

*

Saw Dr. Riker today. He said I looked good. “Must be the haircut,” he said. I tried to tell him that I was slowly starting downhill again. Feeling like shit whenever I try to do anything, but there’s not much to do about it. It’s CF. I’ve got several strains of pseudomonis, but what am I going to do about it unless I want to go back into the hospital and start the IV’s again. Not ready for that. Too much to do, or try to do, on the outside. Sheree’s depressed again, first time in a long time, mostly about art. I tell her it’s not unusual to have doubts about your work, it’s part of the process. I think something else is going on. Menopause. She’s all sweaty and clammy and tossing and turning in bed all night. Whining and moaning. I like squeezing her big butt. I should go down on her or something. But any kind of sex is too much of an effort, especially where I have to lie down and go down and not come up for air. I panic when I think of it. It’s not sex I’m afraid of, it’s breathing. I think of sex the way I think of walking up the stairs: I go out of my way to avoid it. Except that I don’t miss walking up the stairs.


JUNE

Fun and frustration with the computer. First, I added some photographs to the January journal, which I just finished transcribing last night. But mostly the computer’s given me nothing but trouble today. I was trying to do more scanning and cropping but the damn thing kept bombing and freezing and crashing. There are a few things I can try tomorrow, but I’m not sure what’s going on. We’re taking it in to the shop anyway to add a couple of gigabits, so maybe Les can fix whatever’s wrong. I sound like a real computer geek, I know, but all my projects are on it now. I’d rather be in front of the computer than anywhere else. Something to do with getting my life in order. My command post. A place where I can get a lot done without doing a lot (physically). I get depressed when it starts giving me trouble. The waste of time. The confusion. The disarray. My life, which is all computerized and digitized by now, feels like it’s crashing around me when the system dies. A little melodramatic, yeah, but I’m only human.

*
After all the complaining, of course I’m in the hospital again. Headaches, chest aches, phlegm and all the rest of the shit, the boring shit, my mean mantra. Can I get some other kind of pain relievers maybe, like Demerol or morphine? Don’t know if I really need something that heavy, the pain’s not excruciating, it’s just constant and annoying, to say the least. But why shouldn’t I be able to zone out a little? Where am I going? What else do I have to do?

*

Vicodin kicking in. Not much of a kick anymore. More like a tap on the shoulder. And when I turn around there ain’t nobody there. And then the headache’s back. Who’s this nurse I’ve got tonight? Never saw a porta cath before? I hate new nurses that don’t know me at night. I want them taking care of me, not me them. What a whiner. Looks like I’ll be here till next Monday. Sheree none too happy ‘bout that, but that’s the way it goes. Maybe I’ll actually use the time wisely and do some serious writing while I’m here, now that I’ve got this new laptop computer. Almost finished transcribing the hand-written part of this year’s journal, up to the point where I started using this here lap top with a lip. I call it a lap top with a lip because it has this software that lets it talk back to me. It reads my stuff in this real sad disembodied voice that I find quite compelling. This is nuts, but it reminds me of when I was a kid and used to have puppets with me to keep me company in the hospital. Now instead of making a puppet talk I can make this machine my alter ego. I think my Vicodin wave has passed. I prayed for Demerol, not because I needed it, but because my body keeps flashing on it, how fucking good it felt, for a few minutes anyway. But there’s no real justification for it now. I keep looking for one, but no. I’m feeling better and breathing better, but I’m not doing anything but sitting here in bed. I’m remarkably well-adjusted to being here. Sheree wants me home though. She sounded very lonely on the phone. It’s harder on her than it is on me. It always will be. I’m the center of attention, even at the worst of it. But for her, she’ll always be alone. I just called her back and had the computer say, “I forgot to tell you I love you.” And I do.

*

Tonight’s notes, before I slip off into my pharmaceutical soup: more aches and pains from the aches and pains department. No Demerol. Some Vicodin. The names of these drugs are capitalized as if they were gods. St. Vicodin. Lord Demerol. Our Lady of Cephtazidime. Let’s not forget the great and powerful Zoloft, son of Prozac. And now we’re trying Percocet to melt the headaches-which are real, make no mistake about it. I’m not just looking for a cheap buzz. I want relief. The Percocet works a bit I spose, but the “buzz” aspects of Demerol are sorely missed. I was supposed to try this stupid bipap thing again tonight. It’s respirator designed for snorers that was supposed to give me relief during the night, and maybe alleviate the headaches and chest pain the next day. But it only made the headaches worse, which is too bad because I was looking forward to incorporating the stupid looking face mask into a leather hood, so at least the humiliation of it all would have a more erotic component, and I wouldn’t look so much like a geek wearing a jock strap on his head all night.


(continued in the next issue)


--------------------------------------------------------------------------------------------------

Italian Version - Versione in italiano


APRILE

Finita la performance nell’hotel. Il pubblico, raccolto in una stanza, mi guardava con telescopi e binocoli mentre esercitavo – si presume – attività auto-erotiche nella mia stanza, tutto solo, dall’altra parte del cortile. Non so chi ha visto cosa, o cosa hanno pensato, o cosa tutto questo significasse. Sono solo contento che sia finito. Clistere di vino, tappo nel sedere, pinze a coccodrillo, colpi sulle palle, bevuta di piscio, masturbazione, schiavitù – volevano uno spettacolo, gliel’ho dato. Per gran parte dello show mi sono sentito disorientato e depresso, così come mi sento gran parte di questi giorni.

*

L’ospedale – alla fine. Da quando sono uscito l’ultima volta ho l’impressione di non aver mai smesso di parlare di questo luogo. Per tutto il tempo ho respirato male e non mi sono sentito bene, probabilmente non respirerò, né mi sentirò mai più bene. Non sono pessimista quando dico che posso solo peggiorare. È la realtà. Le particelle gassose che ho nel sangue sono peggiorate: PO2 81, PCO2 57. Non so se durerà per sempre, ma è un vero schifo.

*

Eccomi sul divano che tento di scrivere, perché sto ancora un po’ fatto, ma niente di interessante, solo antibiotici. Ultimamente ho sempre voglia di Demerol. Flashback ai giorni di cura post-operatoria nasale, pericardica, pneumotoracica – quando potevo averlo a mio gusto e piacimento – forse pure troppo. Però, hmm, stasera niente, tranne il Tobramycin, il Piperacillin ed il Ceftazidime nelle vene, e un paio di Vicodin in bocca, anche se non hanno più nessun effetto a parte alleviarmi il mal di testa, che va anche bene. Anche Sheree è qui sul divano. Non dorme perchè oggi ha dormito fino al pomeriggio. E’ assente dal lavoro per ragioni di stress, quindi non ha programmi. Muove in aria le gambe nude. Legge di giardinaggio, il suo nuovo hobby. Voglio che mi metta dozzine di pinze di coccodrillo sul pisello e sulle palle, e non so se perderò il controllo o no. Io da solo posso metterne un paio. Fa male da morire, ma il più delle volte riesco a sopportare il dolore finché non si attenua, e a quel punto subentra una sorta di piacere. Ma potrò sopportarlo quando sarà lei a mettermele? E’ questa la domanda definitiva.

*

Respirare sta diventando di nuovo difficile. Pensavo di stare molto meglio, ma poi tutto svanisce. In ogni caso, il mio umore è migliorato. E il mio interesse per il sesso si è rinnovato, fantasticando sulle pinze di coccodrillo, provandole ad usare qua e là, con quei piccoli denti seghettati che mordono le mie zone morbide, mentre mi aggrappo alla ringhiera del letto e la stringo finché il dolore lentamente non svanisce, diventando quasi piacevole, fino alla pinza seguente. E’ come mangiare dei peperoncini, tranne che le papille gustative per questa delicatezza sono nelle mie palle, non in bocca.

MAGGIO

Ho avuto una gloriosa erezione, ma adesso è finita e ora che sto scrivendo, e non mi sto masturbando, mi sta di nuovo tornando. Quello stronzo. Mi sono addormentando profondamente, diverse volte. Io e Sheree siamo andati a letto presto, distrutti dopo il pranzo della Festa della Mamma da Barney’s, a Beverly Hills. Un verme che camminava sul bordo del mio piatto inseguendo un’incredibile porzione di storione ha disgustato tutti e mi ha fatto guadagnare un pranzo gratis. Sono tornato a casa e mi sono addormentato guardando
X-Files con Sheree, ma mi sono svegliato mentre lei mi stava filmando, stavo disteso nudo e russavo. Ho lasciato parlare il mio pene di fronte alla telecamera. Un pene ubriaco: “Va bene, va bene, sto venendo, maledetto, stronzo.” E poi dormire, tossire, svegliarsi; dormire, tossire, svegliarsi, fino ad ora, che sono le 2.30 di notte, Sheree sta russando, e io non riesco a fermarla, anche se la spingo o le pizzico il naso. A questo punto servono i tappi per le orecchie, che non mi fanno sentire Perry Mason alla TV. Prima che Sheree ricominciasse a russare come un trattore, ancora prima, dopo lo spettacolo con il mio piccolo pene, voleva che le succhiassi il capezzolo, mentre lei si masturbava con il vibratore. Non è che non volessi, ma ero ancora stanco e sarei voluto tornare a dormire, di solito lei ci mette un sacco a venire (noi banda del Paxil), e non volevo lasciarmi coinvolgere, però sarebbe stato brutto rifiutare, così ho accettato e ho cominciato a succhiare. Mi sembrava come quando oggi pomeriggio sono stato in macchina ad aspettarla mentre faceva shopping da Barney’s. Non avevo abbastanza fiato per andare in giro a fare shopping con lei, così mi sono seduto in macchina ad ascoltare la radio e ho aspettato che finisse, sapendo perfettamente che ci avrebbe messo una vita. Ma guarda un po’, è tornata relativamente veloce, e uno non se l’aspetta, è anche venuta velocemente, qui nel letto, con un breve e bel brivido di soddisfazione, e prima che ce ne accorgessimo ci siamo entrambi addormentati, fino ad ora, almeno io. Ho anche fatto qualche strano sogno. Avevo un pappagallo domestico, forse due. Provavo a giocarci nella sua gabbia: dandogli cibo, giocattoli, muovendo la mano. Ma in un modo o l’altro lo stavo perdendo. Improvvisamente la gabbia era diventata una busta di plastica, io cercavo di spostare l’uccello in modo da farlo respirare. Ad un certo punto la gabbia era un forno, e vedevo l’uccello arrostirsi e bruciare, ma era troppo caldo per infilarci la mano. Nonostante tutto, ero riuscito a farlo uscire. Era ancora vivo, ma un po’ croccante. Una delle zampe si era fusa. Quando l’ho rimesso dentro la gabbia sapevo che non sarebbe sopravissuto. Era piccolo e rigido. Mi sono sentito in colpa. Ho pensato che lo stavo facendo apposta, dal momento che era il secondo uccello che avevo ucciso nell’arco della giornata, con la scusa del “gioco?” Poi mi sono svegliato e ho scritto questa roba. Adesso è ora di tornare a dormire, ed avere forse un’erezione se sono fortunato. Ecco, un altro episodio di Perry Mason che non sarò in grado di sentire.

*

Oggi ho visto il Dott. Riker. Dice che sto bene. “Deve essere il taglio di capelli”, mi ha fatto. Ho provato a dirgli che stavo avendo una lenta ricaduta. Mi sento di merda appena provo a fare qualcosa, ma tanto non c’è niente da fare. E’ la fibrosi cistica. Ho una serie di pseudomonie, ma che ci posso fare, l’unica è tornare in ospedale e ricominciare con le flebo. Non sono pronto. Fuori di lì ho tanto da fare, o da provare a fare. Sheree è di nuovo depressa, la prima volta dopo tanto tempo, soprattutto per la sua arte. Le dico che non è strano avere dei dubbi sul proprio lavoro, è parte del processo. Secondo me c’è un’altro motivo. La menopausa. E’ tutta sudata e appiccicosa, e si gira nel letto tutta la notte. Lamentandosi e lagnandosi. Mi piace stringere il suo grosso culo. Avrei dovuto leccargli la fica o qualcosa del genere. Però qualsiasi idea di sesso comporta troppa fatica, specialmente se devo sdraiarmi e venire all’in giù e non per aria. Mi agito quando ci penso. Non è del sesso che ho paura. È del respirare. Penso al sesso come penso a salire le scale: cerco di evitare. Solo che non posso non salire le scale.


GIUGNO

Divertimento e frustrazione con il computer. Per prima cosa ho aggiunto un pò di foto al diario di gennaio, che ho finito di trascrivere ieri notte. Ma oggi il computer mi ha dato solo problemi. Cercavo di fare scansioni e tagli, ma quel maledetto coso continuava ad andare in palla, a bloccarsi e crashare. Ci sono un po’ di cose che posso provare a fare domani, ma non sono sicuro di cosa possa accadere. Lo porteremo in assistenza per aggiungere qualche gigabit, forse Les può metterlo a posto. Sembro un vero nerd del computer, lo so, però tutti i miei progetti sono lì. Più d’ogni altra cosa mi piace stare davanti al computer. Ha a che fare col mettere in ordine la mia vita. Il mio pannello di comando. Un posto dove posso fare tanto, senza fare tanto (dal punto di vista fisico). Mi deprimo quando comincia a darmi problemi. La perdita di tempo. La confusione. Il disordine. La mia vita, che adesso è tutta computerizzata e digitalizzata, sembra crollarmi addosso quando il sistema muore. Un po’ melodrammatico, sì, ma sono semplicemente umano.

*

Dopo essermi lamentato, ovviamente eccomi di nuovo in ospedale. Mal di testa, dolore al petto, flemma e tutto il resto di questa merda, noiosa merda, il mio misero mantra. Forse posso prendere più antidolorifici, come il Demerol o la morfina? Non so se ho davvero bisogno di qualcosa di così pesante, il dolore non è così lancinante, è solo costante e noioso, per non dire di più. Ma perchè non stacca mai? Dove sto andando a finire? Cos’altro devo fare?

*

Il Vicodin picchia. Non più di un calcio ormai. Assomiglia ad un colpo sulla spalla. E quando mi giro non c’è nessuno. Poi torna il mal di testa. Chi è questa infermiera che mi hanno mandato stasera? Mai visto un port-a-cath? Di notte odio avere nuove infermiere che non mi conoscono. Voglio che si prendano cura di me, non io di loro. Che brontolone. Alla fine pare che rimarrò qui fino a lunedì prossimo. Nemmeno Sheree è molto contenta di questo, ma è così che funziona. Forse in questo modo userò il tempo in maniera saggia, e ora che ho il portatile nuovo, scriverò per davvero. Ho quasi finito di trascrivere la parte manoscritta del diario di quest’anno, fino a che ho iniziato ad usare questo pc che ha la bocca. Dico bocca perché ha un software che gli permette di parlare con me. Legge le mie cose con una voce triste e inumana. E’ folle, però mi ricorda quando ero bambino e avevo dei burattini che mi facevano compagnia in ospedale. Ora, invece di far parlare i burattini, posso fare di questo apparecchio il mio alter ego. Penso che l’ondata di Vicodin sia passata. Ho pregato per il Demorol, non perch ne avessi bisogno, ma perché il mio corpo continuava a ricordarsene, quanto cazzo ti fa sentire bene, per qualche minuto, comunque. Ma ora non c’è una vera giustificazione che mi porti a prenderlo. Continuo a volerlo, ma no. Mi sento meglio e respiro meglio, però non faccio altro che stare qui a letto. A stare qui mi ci sono adattato molto bene. Però Sheree mi vuole a casa. Sembrava molto sola al telefono. E’ più difficile per lei che per me. Sarà sempre così. Sono io il centro dell’attenzione, anche nel peggio. Però per quanto la riguarda, sarà sempre sola. L’ho richiamata e ho fatto dire al computer: “mi sono dimenticato di dirti che ti amo.” Ed è così.

*

Prima di gettarmi nella mia solita zuppa farmaceutica, alcune note notturne: più dolori dal dipartimento dolori. Niente Demerol. Un po’ di Vicodin. I nomi di questi medicinali sono in maiuscolo come se fossero degli dei. St. Vicodin. Lord Demerol. Nostra signora del Cephtazidime. Non dimentichiamoci del grande e potente Zoloft, figlio di Prozac. E ora stiamo provando il Percocet per diluire i mal di testa – che sono veri, nessun dubbio al riguardo. Non sto solamente cercando uno sballo a poco prezzo. Ho bisogno di sollievo. Il Percocet funziona un po’ suppongo, ma i fattori-sballo del Demerol sono del tutto assenti. Stanotte dovevo provare ancora una volta questo stupido
bipap. E’ un respiratore pensato per le persone che russano, avrebbe dovuto darmi sollievo durante la notte, forse alleviare i mal di testa e i dolori al petto il giorno dopo. Ma mi fa venire solo mal di testa ancora peggiori, il che è ancora più negativo, visto che stavo pure cercando di integrare lo stupido look della maschera con un cappuccio di pelle; così almeno questa umiliazione avrebbe avuto una componente erotica, e non sarei sembrato un idiota che passa la notte con un sospensorio in testa.


(continua sul prossimo numero)