DESIGNED BY iD

Interview to the founder of i-D Magazine, Terry Jones

Italian version below - Versione in italiano sotto

i-D was founded in 1980 as a zine, stapled together and with just a few pages; today it's a point of reference for fashion and lifestyle. Those covers with the stars winking at us have set the trend, and the direct, glam/pop design has been copied more or less by everyone. TERRY JONES, founder of the magazine, talks to us about how it all happened and how, still today, everything revolves around the idea of an instant.


You created i-D in 1980; at that time it was a self-published and hand-stapled fanzine. Quite an unusual choice after having been the Art Director at Vogue for five years...

I left British Vogue in 1977. After working for five years as Art Director I felt there were more ideas to be explored. I was young and had asked Steve Johnston, who was a photography student from Scotland to document the punk scene along King’s Road. Vogue was not interested and so his photographs became the basis for a book about punk, called Not Another Punk Book, which was published in 1978. I also had a partnership called Zebulon with Dennis Morris who made all the best photographs of the Sex Pistols. We worked on John Lydon’s new band Pil. I designed the Pil logo in my studio, Instant Design, while we worked on their first single sleeve and album design.

I think some choices regarding the shift from a fanzine to a magazine were made for commercial reasons. Which elements of design did you decide to give up?

The graphic style of handmade DIY style was already part of my design aesthetic. I had studied as a commercial artist in Bristol and making logos or type designs was my job.

The i-D logo is, in a way, the symbol of the magazine and the heritage of your old graphic design studio. De facto it’s a stylized emoticon, made up of typo characters, an effect that you played a lot with also on the covers. How did this idea come about?

The logo for i-D was very simple as they were the letters of my studio Instant Design and even as a student I called myself an informat Designer. The pictorial character of a winking face became the rationale for every cover where the star winks or hides one eye. In June we will have our 300th issue. Every wink is unique, and we continue to play as the identity is our trademark. Making covers is a job I always enjoyed. At Vogue or other commercial projects the cover was always like painting a front door. Had to be fresh and reflect the moment. In my book Catching the Moment I included several of the covers that broke rules but sometimes failed on the bookstand.

On the cover of fashion magazines there is usually a strong emphasis above all on the clothing. The reason why there are mainly faces on each of your covers is because of the brand identity?

The reason why i-D has more faces than fashion is because the person is always the star for our cover, to reinforce identity. Also the face is the graphic.

Nowadays there are a lot of thematic magazines, but you’ve been a precursor of this editorial and graphic approach. We know that you consider each i-D issue a movie, where the genres could give a specific focus...

Many magazines have now copied the idea of themes but with i-D this has always been part of our identity. In 1980 I wanted to create a magazine that collected many ideas from different people. Having a theme created a challenge and helps give each issue a unique focus - even when many themes can be very abstract. Today I have a young team who were babies when I started i-D and they have grown up with the magazine as part of their DNA. I am the catalyst for the hundreds of contributors who work with i-D. In the future I hope to attract more global links that can be involved with us through the Internet. I still like the idea of making a magazine like a movie and will hope to find the time to make this work on the web.

i-D brought out some of the most famous photographers of our times (including Terry Richardson, Wolfgang Tillmans, Juergen Teller). Too many to be a coincidence…

I have over the years, really since 1970, worked with many photographers who are now famous and I learn from all of them – Nick Knight, Craig McDean, Alasdair McLellan, David Sims, Emma Summerton, the list goes on and on. I find that there is a chemistry that can make creativity happen at a certain moment. But I cannot explain why – you have to ask Takashi Homma, or my daughter Kayt or son Matt but I would say humanitarian and open-minded qualities are important.

What does Instant Design mean for you nowadays? Is it still a strong concept?

Instant Design today is as valid as it was in 1980 because it constantly evolves around whatever ideas we choose on the day or for the year. My book Wink – A Manual of Instant Design Techniques was published after I made an exhibition in Tokyo in 1986. In those days we had no Apple Mac or colour inkjet printer or digital photography. The equipment today is much more hi-tech and high speed and instantaneous but Tokyu Hands (cult Japanese DIY shop that is a cross between Ikea, Muji and Brico Center - editor’s note) is still one of my favourite shops in the world. I still keep my stencils and my old manual typewriters and I may one day return to my fat calligraphy brush. But I always look for someone with a skill that impresses me so I can collaborate for future ideas.


www.i-dmagazine.com

PHOTOGRAPHY PEGGY SIROTA - 1990

--------------------------------------------------------------------------------------------------

Italian Version - Versione in italiano

Nel 1980 hai creato i-D, ai tempi era una fanzine autoprodotta e spillata a mano. Scelta piuttosto inusuale per uno che aveva lavorato per cinque anni come art director di Vogue…

Ho lasciato l’edizione inglese di Vogue nel 1977. Dopo cinque anni come Art Director sentivo che c’erano altre idee da poter esplorare. Ero giovane, e avevo chiesto a Steve Johnston – uno studente di fotografia scozzese – di documentare la scena punk di King’s Road. A Vogue non interessava il progetto, e dunque le sue foto diventarono il punto di partenza per un libro sul punk, dal titolo Not Another Punk Book, pubblicato nel 1978. In quel periodo collaborai anche ad un progetto chiamato Zebulon, con Dennis Morris, l’autore delle foto più belle fatte ai Sex Pistols. Abbiamo anche lavorato sulla nuova band di John Lydon, i Pil. Ho progettato il loro logo nel mio studio, Instant Design, mentre lavoravamo anche sulla copertina del loro primo singolo ed album.

Probabilmente alcune scelte del passaggio da fanzine a magazine sono state fatte per ragioni commerciali. Quali sono stati gli elementi di design a cui hai deciso di rinunciare?

Lo stile grafico DIY faceva già parte della mia estetica di design. Ho studiato arte applicata a Bristol, e progettare loghi e type design faceva già parte del mio lavoro.

Il logo “i-D” è un po’ il simbolo del magazine, ed è un’eredità del tuo vecchio studio grafico. Di fatto è un emoticon stilizzata, realizzata con caratteri tipografici. Un effetto con il quale avete giocato molto anche sulle copertine. Com’è nata l’idea?

Progettare il logo di i-D è stato molto semplice e spontaneo, si trattava delle stesse lettere utilizzate per il mio studio Instant Design, e perfino da studente mi autodefinivo un “informat designer”. Il concept della faccia che fa l’occhiolino è diventata una costante su ogni copertina, in cui la star di turno fa l’occhiolino o nasconde un occhio. A giugno pubblicheremo il nostro trecentesimo numero. Ogni occhiolino è unico, e noi continuiamo a giocarci, dato che l’identità è il nostro marchio. Ideare le copertine è un lavoro che mi ha sempre divertito. Per Vogue e altri progetti commerciali, pensare la copertina era sempre come dipingere la porta d’ingresso. Deve essere fresca e riflettere il momento in cui vivi. Nel mio libro Catching the moment ho incluso alcune copertine che infragevano le regole, ma che non sempre funzionavano sugli scaffali.

Di solito nelle riviste fashion si tende a dare rilevanza agli abiti su tutto il resto. Il motivo per cui sulle vostre cover ci sono prevalentemente volti è solamente la brand identity?

Il motivo per cui sulle copertine di i-D ci sono più volti che moda, è perchè sulle nostre copertine ad essere la star è sempre la persona, e questo rinforza la nostra identità. Anche un volto è grafica.

Oramai di riviste che sviluppano numeri tematici ne esistono molte, ma tu sei stato uno dei primi a dare questa impostazione, sappiamo che immagini ogni numero di i-D come un film, in cui l’utilizzo di un genere porta ad un focus specifico...

Oggi molte riviste hanno copiato l’idea dei temi, ma per noi di i-D quest’idea ha fatto sempre parte della nostra identità. Nel 1980 volevo creare una rivista che mettesse insieme idee di persone diverse. Avere un tema ha rappresentato una sfida, e ha dato ad ogni numero un’angolazione unica, anche con temi piuttosto astratti. Ora ho una squadra molto giovane, persone che quando i-D è nato erano ancora nella culla, cresciute con la rivista come parte del loro DNA. Io sono il catalizzatore di centinaia di collaboratori che lavorano con i-D. In futuro spero di coinvolgere più persone da tutto il mondo, che potranno collaborare con noi attraverso internet. Mi piace ancora molto l’idea di poter fare una rivista come un film, e spero di trovare il tempo di farla sul web.

Da i-D sono usciti fuori fotografi oggi famosi in tutto il mondo (tra tutti Terry Richardson, Wolfgang Tillmans, Juergen Teller). Troppi perché sia solo una coincidenza.

Nel corso degli anni, in particolare dal 1970, ho lavorato con molti fotografi oramai famosi. Da tutti loro ho imparato qualcosa, Nick Knight, Craig McDean, Alasdair McLellan, David Sims, Emma Summerton, e la lista continua all’infinito. Credo ci sia una sorta di chimica che può produrre creatività in determinati momenti. Ma non mi so spiegare il perchè, dovresti chiederlo a Takashi Homma, a mia figlia Kayt, o a mio figlio Matt. Comunque direi che sono qualità come l’umanità e l’apertura mentale a giocare un ruolo determinante.

Cosa è per te oggi Instant Design? E’ ancora così forte come concetto?

Oggi Instant Design ha lo stesso valore che aveva nel 1980, perchè si evolve continuamente, intorno a idee che possiamo avere in un dato giorno o per un anno intero. Il mio libro Wink – A Manual of Instant Design Techniques è stato pubblicato dopo una mostra che ho curato a Tokyo nel 1986. In quegli anni non esistevano né i computer Apple né le stampanti inkjet o le fotografie digitali. Oggi le attrezzature sono molto più avanzate, veloci e istantanee, ma Tokyu Hands è ancora uno dei miei negozi preferiti (negozio giapponese cult per il DIY, un incrocio fra Ikea, Muji e Brico Center, ndr). Ho ancora i miei stencil e le mie vecchie macchine da scrivere, e un giorno potrei riprendere in mano il mio grosso pennello calligrafico. Ma cerco sempre qualcuno con un talento particolare che mi colpisca, per collaborarci a nuove idee.

www.i-dmagazine.com

PHOTOGRAPHY PEGGY SIROTA - 1990

(01/2)