CRACKERS

ANDREW KUO
You are at a concert. A festival or listening to some trendy band. At times the music pulls you in but sometimes you prefer to look at the guy/girl in front of you. What he/she is wearing, the beer in your hand, is it too warm, if there are too many hipsters or too few, the music reminds you of another band whose name you can’t remember, you’re having fun, you’re bored, you’d love to be at home watching TV, you want your money back, you think the drummer’s cute, etc. Sounds familiar? Andrew Kuo turns all this into graphs and charts. Like a corporation’s annual report. Only that his are reviews and they get published in the New York Times. Andrew is also an artist.

Siete a un concerto. Un festival o qualche gruppo di tendenza. La musica a tratti vi coinvolge, a tratti invece spostate l’attenzione sul tizio/a davanti a voi, com’è vestito, la birra che tenete in mano, se è calda, ci sono troppi/troppo pochi fighetti, la musica che sentite vi ricorda un altro gruppo di cui non ricordate il nome, vi divertite, vi annoiate, vorreste essere a casa davanti alla tv, rivolete i soldi del biglietto, vi piace la batterista, etc. Avete presente? Ecco, Andrew Kuo mette tutto questo nei suoi grafici, come un’azienda che fa il bilancio di fine anno. Solo che le sue sono recensioni, e le pubblica il New York Times. Andrew è anche un artista.

earlboykins.blogspot.com
andrewkuo.com

DINDI
Dindi is the Dr. House of exhibitions/installations. Anything you ask him, he'll say yes, or at least he gives it a try. If you see someone wandering around the exhibition rooms with a cigarette, always on the phone, you can't go wrong: it’s Dindi. During installations, his name becomes a refrain or a play on words: Dindidindidindidindi. Where is Dindi, ask Dindi, Dindi knows. More than art, he loves boats, women, smoking and most of all the Roma football team.

Dindi è il Dr. House degli allestimenti. Qualsiasi cosa gli chiedi, lui ti dice sì, o almeno ci prova. Se vedete uno che si aggira tra le sale espositive con la sigaretta, eternamente al telefono, non potete sbagliarvi: è Dindi. Durante gli allestimenti, il suo nome diventa un ritornello o un gioco di parole: Dindidindidindidindi. Where is Dindi, chiedilo a Dindi, lo sa Dindi. Più dell’arte, ama le barche, le donne, fumare e soprattutto la Roma.

DIEGO MANFREDA
The obsession for black is the first thing one remembers when thinking about Diego. You just don’t see him standing in the sun with a Hawaiian shirt on. But besides the fact that Diego doesn’t go on vacation, black, for him, is something more. Think of the expression “playing with fire”. It’s exactly what Diego is doing when he creates his work. Whether he makes shirts, jackets, hoods, scarfs, shoes or cloaks. Diego on a beach? No, he doesn’t do such things.

L’ossessione per il nero è la prima cosa che uno si ricorda quando pensa a Diego. Non ce lo vedi sotto al sole con la camicia hawaiana. Ma, a parte il fatto che Diego non va in vacanza, per lui il nero è qualcosa di più. Avete presente l’espressione ‘giocare con il fuoco’. Ecco, quando Diego crea le sue cose, sembra stia facendo proprio quello. Che siano magliette, giacche, cappucci, sciarpe, scarpe o mantelli. Diego al mare? No, queste cose non le fa.

www.5preview-wardrobe.blogspot.com


RAFAEL DE CARDENAS
Rafael de Cardenas is an architect. He designs houses for rich girls and installs exhibitions for poor artists. He adores ‘80s fashion, particularly Z. Cavaricci, and wears exclusively Ralph Lauren’s limited editions. In his creations he prefers black and white, but when he’s working as an art consultant he mostly advices colorful, psychedelic, pop works. He constantly shifts between New York and London. He loves jogging. He says he loves French people’s snobbishness, but in the end, being the good Cuban he is, he admits he prefers Romans’ raw cynicism. His mantra is “never not working”.

Rafael De Cardenas è un architetto. Disegna case per ragazze ricche e cura allestimenti per artisti poveri. Adora la moda anni ‘80, in particolare Z. Cavaricci, e si veste solo con edizioni limitate di Ralph Lauren. Nelle sue creazioni predilige il bianco e il nero, ma quando fa l’art consultant consiglia prevalentemente opere colorate, psichedeliche e pop. Si muove in continuazione tra New York e Londra. Ama fare jogging. Dice di amare lo snobismo dei francesi, ma alla fine, da buon cubano, ammette di preferire il cinismo grezzo dei romani. Il suo mantra è: “never not working”.

www.architectureatlarge.com


RAPHAEL EMMANUEL
Raphael looks at the sky looking for aliens from Fantasy Drive, Los Angeles. He mostly chews on UFO utopias, mental mirages, Amazonian horizons and almond and chocolate candies. He then takes all this mishmash and puts it on a site full of cosmic knickknack and on his record label, Outer Limits Recordings, which, among all his many home-made tapes, has produced one for James Ferraro which we like very much; a Californian dance tape, all twisted and cockeyed. All in all, it’s a great big hullabaloo where you loose yourself and hope you’ll never find yourself again.

Raphael guarda il cielo in cerca di alieni da Fantasy Drive, Los Angeles. Le cose che mastica sono prevalentemente utopie di ufo, miraggi mentali, orizzonti dell’amazzonia e dolcetti alle noci e cioccolato fondente. Tutto questo pappone poi lo mette su un sito pieno di chincaglie cosmiche e sulla sua etichetta, la Outer Limits recordings, che fra le tante cassette home-made ne ha prodotta una di James Ferraro che ci è piaciuta molto, una dance californiana tutta storta e sbilenca. Insomma, è un gran casino, dove ti perdi sperando di non ritrovarti più.

www.reptoids.com
www.outerlimitsrecordings.com


BRONWEN PARKER-RHODES
Bronwen works part-time as a DJ in a strip club. Other than that she makes videos and takes photos. She’s a little elusive, lateral, but you know that she’s always observing you. Everything, from an aesthetic point of view, has the aim of expanding the suggestions that surround the protagonists: hawks, scientists, strippers, maniacs and Vivienne Westwood. Everyone is presented through a visual narrative that makes these short sketches full-blown visual essays. Check them out on: www.parker-rhodes-films.com

Bronwen come part-time fa la DJ in uno strip club. Per il resto realizza foto e video. È un po’ sfuggente, laterale, ma sai sempre che ti sta osservando. I suoi sono brevi documentari con tutte le caratteristiche di un video d’artista. Ogni cosa, dal punto di vista estetico, ha lo scopo di espandere le suggestioni che circondano i protagonisti. Che sono prevalentemente: falchi, scienziati, spogliarelliste, maniaci e Vivienne Westwood. Ognuno è dato attraverso una narrazione visiva che, in un certo senso, rende questi brevissimi bozzetti dei veri e propri saggi visivi. Dovete vederli su: www.parker-rhodes-films.com


PAOLO DI NOLA
Paolo di Nola, or Cosmic Metal Mother. Rome should be thankful to have him. It should be thankful to have him back after twenty years in New York. No doubt, he’s the best DJ we know. As a producer he makes a sensual, driving, suspended music, slow but with rhythm. The rest of the world admires him, and in Italy he's unknown: how strange. He knows, understands and collects more music than seventeen italian musicologists.

Paolo di Nola, oppure Cosmic Metal Mother. A Roma dovrebbero ringraziare che ci sia uno come lui. Anzi, dovrebbero ringraziare per il fatto che, dopo venti anni a New York, sia tornato alla sua città natale. È senza dubbio il miglior DJ che conosciamo. Come produttore fa una musica sospesa, incalzante, sensuale, ritmata ma lenta. Pensate che strano: nel resto del mondo lo ammirano, e in Italia non lo conoscono. Capisce, conosce e colleziona più musica lui di diciassette esperti musicologi italiani.

www.myspace.com/cosmicmetalmother
www.dnp-music.com

BENNY CHIRCO
There are religious, cinematic, urban and literary suggestions. We see the souls of Tondelli, Hockney, Ellis, in a world populated by priests, sports-men, English policemen, and objects in a cage. Collages to drawings, watercolor to paint, to installations. In this pan of young men possessed by a virile ambiguity, we seem to recognize Joe D’Alessandro, Christian Slater, Matt Dillon, Helmut Berger. Individuality doesn’t count, neither does the icon.

Ci sono suggestioni religiose, cinematografiche, urbane e lettararie. Vediamo le anime di Tondelli, Hockney, Ellis, in un mondo popolato da preti, sportivi, guardie inglesi e oggetti in gabbia. Dal collage al disegno, dall’acquarello alla pittura fino alle installazioni. In questa carrellata di giovani maschi posseduti da una virile ambiguità ci sembra di riconoscere Joe D’Alessandro, Christian Slater, Matt Dillon ed Helmut Berger. L’individualità non conta, e neanche l’icona.

www.bennychirco.it


KYLE HALL
Kyle Hall makes music in Detroit. There’s a video where he plays a small keyboard in the hallway of a school: he adds lopsided piano chords to a tinny drum machine rhythm. The usual autobahn sunsets, defunct factories, assembly lines on a loop. Very original stuff, expressive and not at all pretentious. All this from someone who’s still in high school.

Kyle Hall fa musica a Detroit. C’è un video di lui che suona la tastierina nel corridoio della sua scuola: mette accordi sbilenchi di piano su una drum machine di latta. I soliti tramonti sull’autobahn, le fabbriche in disuso e catene di montaggio in loop. Roba molto originale, espressiva e senza grandi pretese. Tutto questo da uno che va ancora al liceo.

www.myspace.com/kylehalldetroit

RASMUS EMANUEL SVENSSON
Rasmus spends his life producing images, making music and posting stuff on the web without detaching one thing from the other. What he does reminds you of the luminous paintings of a Chinese restaurant,  photos of space, and ecosystems reproduced inside spheres of glass. His images have something unique: monochromatic nuances, alienation, abstraction, and geometrical strictness.

Rasmus passa la vita a produrre immagini, fare musica e postare cose sul web senza mai staccare da una cosa all’altra. Quello che fa ricorda in qualche modo i quadri luminosi dei ristoranti cinesi, le foto dello spazio e gli ecosistemi ricostruiti nelle sfere di vetro. Le sue immagini hanno qualcosa di unico: sfumature monocrome, alienità, astrazione e rigore geometrico.

www.rasmusemanuelsvensson.com


TOBY SHUALL
The first problem with Toby is keeping up with him when he talks. Still harder is stopping him once he’s started. Thicke London accent, ironic. He’s almost irresistible. Even if you try, because something’s gone wrong and you have absolutely no intention of laughing, you will laugh in the end. His T-shirts are our everyday T-shirts. We have the entire declension in terms of designs and colors. It’s as though we couldn’t live without them. When we all go out together, at least one of us has a Suburban Bliss T-shirt on. At the end of the day, they’re presents from him, it’s not like we’ll use them as pajamas.

Il primo problema con Toby è stargli dietro quando parla. Ancora più difficile è fermarlo quando ha preso il via. London accent masticato, ironico. È quasi impossibile resistere. Anche se ci provi, perché qualcosa ti è andato storto e non hai nessuna voglia di ridere, alla fine ridi. Le sue magliette sono le nostre magliette di tutti i giorni. Ne abbiamo l’intera declinazione in termini di disegni e colorazioni. Sembra che non risuciamo a farne a meno. Se usciamo in gruppo, almeno uno di noi veste una maglietta Suburban Bliss. Alla fine ce le ha regalate, mica ci possiamo solo dormire.

ww.suburbanbliss.co.uk


CHIARA FIGONE
Every once in a while you need something solid. At the very least, to be able to answer the question: who do I ask? You can talk to Chiara, and realize that, besides you, there's someone else in all this who understands something. She moves back and forth between Turin and Berlin; the only problem is her 200 cats. She was the brains behind UOVO, she's a graphic designer, edits magazines and produces books. We're not sure if she knows more about different kinds of paper or artists. Her most recent project is Archive, a cross-over of editorial and artistic genres. Chronologically speaking, in Italy she was the first of this new generation of young publishers and, in many ways, she remains so in a classificatorial sense.

Ogni tanto uno ha bisogno di punti fermi. Almeno per trovare risposta alla domanda: a chi lo chiedo? Con Chiara puoi parlare e renderti conto che, oltre a te, c’è qualcuno che in tutto questo ci capisce qualcosa. Fa su e giù tra Torino e Berlino, l’unico problema sono i suoi duecento gatti. E’ stata la mente di UOVO, fa la graphic designer, edita riviste e produce libri. Non sappiamo se conosce più tipologie di carta o più artisti. Archive è il suo ultimo progetto, un cross-over di generi editoriali ed artistici. In Italia, in senso cronologico, è stata la prima di questa nuova generazione di giovani ‘editori’ e, per molti versi, rimane tale in senso classificatorio.

www.archivebooks.org
www.thebookmakers.net


KOUDLAM
The first time we met him was a couple of years ago, in Berlin, when on top of a crane and under a heavy rain, he played a live soundtrack to the video of his fraternal friend Cyprien Gaillard. The scene was almost apocalyptic, it seemed like a scream of liberation. Cold and romantic. Then we saw him again. He came to Rome and gave us his first LP. We can’t do anything but raise our arms to the sky and start dancing slowly, following the crescendo of that small masterpiece that is See You All. An enormous cloud of magic dust.

La prima volta che lo abbiamo incontrato era due anni fa a Berlino, quando sopra un trabattello, e sotto una pioggia incessante, fece da colonna sonora live al video del suo amico fraterno, Cyprien Gaillard. La scena era quasi apocalittica, sembrava un grido di liberazione. Freddo e romantico. Poi l’abbiamo rivisto altre volte, è venuto anche a Roma e ci ha dato il suo primo LP. Non possiamo fare altro che alzare le braccia al cielo e cominciare a ballare lentamente, seguendo il crescere di quel piccolo capolavoro che è See You All. Un’enorme nuvola di polvere magica.

www.koudlam.com

(01/13)