INNER STORIES. BOB FLANAGAN'S PAIN JOURNAL

by Bob Flanagan

Italian version below - Versione in italiano sotto

July

What’s with my siblings? Is it survivor’s guilt? They hate me for all the attention I’ve gotten over the years due to the CF, and they feel guilty for that and for being the healthy ones, the bad ones, the survivors. But fuck it, it’s time to grow up. Time is running out. If they want survivor’s guilt, I’ll give them a whole shit load of survivor’s guilt real soon. A lot sooner than they realize. As far as details of the day and the life go: I’m dirty, need a shower and a shave. Finally brushed my teeth. I think they’re rotting, but I don’t want to do anything about it. Carl was here cleaning up while the painters and roofers were patching up and I was spitting up, as usual. Congested. Bad bad, dizzying headache this morning, but better now, thanks to Mr. P. No real buzz anymore, but it still quells the spells. And speaking of pain, I again promised Cathy Busby an article on pain for her book. That was last Friday, and still no article. All I am is a pain in the ass with my false promises and procrastination. I took all the ‘95 journal references to pain and wove them into an 11 page massive tumor. Now I’ve got to operate on it to see if it’s benign or cancerous. And the final detail of the day is I got commissioned by someone at MGM to write ad copy for a film about a guy dying of AIDS who throws himself one last going away party. Am I the right guy for this job or what?


*

I wuz asleep. But now I’m not. Drugged. Groggy. Headache. Sweats. The Prednisone. The Percocet. The Oxazepam. Distracted as I write because I’m watching Jack Nicholson in Wolf on TV. Strangely flat and compelling, possibly completely stupid, but queer as hell. Good TV, none the less, for 5 in the morning. As I said, I wuz asleep after returning home exhausted from Dana Duff’s birthday party in Culver City. Exhausted from dealing with Sheree, stoned and creative and panicking over her “reading” at some leather lesbian soiree. I got real exasperated, fucking nasty with her. The Prednisone. Spent the whole day in Photoshop putting a birthday cake into a 10 year old photo of Dana and me, and then smack dab in the middle of the cake is my big dick (what else) with a candle in it. I think I’m obsessed with these cybor penises of mine because sex in the real world is so much more difficult these days. We did manage to fuck this morning, if that’s what you call it. I tweaked a hard-on for the camera and Sheree stuffed it in and rode it a while as she choked me, and snapped a few photos for Aura Rosenberg’s book of men’s faces in the throes of orgasm, but there was no orgasm here, thanks to the almighty Zoloft. Afterward Sheree did get off a get off with the assistance of the vibrator on her clit and my teeth on her tit. But later that day it was my fangs in her jugular while trying to help edit her damn lesbian piss tape while she raved and yammered and drove me nuts. I didn’t want to be mean. Didn’t want to say “Shut up!” But I’m just as out of it on my drugs (Prednisone) as she is on hers (pot). It all just made me feel shittier and more anxious, so I took more pills, Oxazepam. Sheree’s pretty understanding about the whole thing, or so stoned she doesn’t give a shit. So all’s right with the world. The sun’s coming up. The headache’s subsiding (Percoet). And we’re watching Wolf. The new day awaits. Grrrrrrrr.

*

We thought we could sit forever in fun, but our chances really were a million to one. Home from the last night of CF summer camp, the last campfire, the last roundup for me, and somehow I pulled it off. I sang at the campfire, I went around to the cabins and sang goodnight songs to the kids, and I sang dirty improvs at the counselor meeting afterwards. Considering all I could do during the day was lie around wondering how it was I was going to do anything ever again, it’s a miracle I dragged my ass down there and slipped into the groove again, singing the old songs like I’d never been gone. I’m amazed I had any reserve left at all. Suddenly I could not only breathe, but I could shape that breathing into some decent singing, not like it used to be, but what I now lack in physical ability I make up with experience and a sense of showmanship that I’ve picked up along the way. If I wanted to I could really do something with the singing, even now, even with the oxygen. I’d be unique, that’s for sure. Who wouldn’t give the pathetic oxygen boy a chance? Not that it wasn’t work for me, it was. It took every ounce of oxygen to get those songs out, but I did it and I did it well. I even introduced my Supermasochistic Bob song and they loved it, both the clean version and the real version. I feel kind of weird about the last Jenny improv and the Suck My Jesus song that I sang for the counselor meeting. A little over the top perhaps, but that’s what they asked for. After a long week of hard work, and the sadness of the last campfire where the kids remember all their dead friends, I perform kind of a service by singing these ridiculous over the top songs. I relieve the tension of the week. I’m as close as they get to getting drunk and tearing the place apart. But I still feel kind of weird about it. But fuck it, I’m home. Obligations done. Naked now. TV. My own work. Fucking Sheree. My life and what’s left of it.



August



New month, same old body, feeling older than it is or will ever have the chance to be. I’m afraid my heart’s starting to give out. My ankles have been swelling up since last week when I was Mr. Troubadour at camp. In contrast to the great burst of energy I had “way” back then, today I can barely move without being severely short of breath, and can barely stay awake when I’m not moving. While trying to help Sheree with the Pee Boy fountain this morning I couldn’t help stepping outside myself to catch the irony of me huffing and puffing trying to get our naked white nasty dick-holding boy to pee in the bowl properly, working up a sweat trying to get the pump connected the right way, frustrated as hell cause my own pump felt so fucked, my connections all kinked and haywire, and even my dick not much good or much use to anyone. Feeling sorry for myself I guess. But if not me, then who? What bothers me most is that it’s so hard to do work. I just want to lay around all day and watch TV. I have 20 or 30 different projects or commitments to work on, not to mention the IV antibiotics, the breathing treatments, the physical therapist, pharmacies, doctor’s appointments-how can I resist just curling up on the couch, watching the OJ trial, and saying, “Fuck it?”

*

Ants are crawling in and out of my teeth and around my eye sockets and my nostrils. The moisture is draining out of me and I’m starting to shrivel up. My little apple head effigy looks great, almost as good as the real thing, the real thing being me, when I’m dead, buried with a video camera to document my ongoing “deconstruction,” but Sheree’s having second thoughts. Now she wants me cremated so she can keep my ashes. Of course Kirby’s rooting for plan A, the video burial as a ready-made ending to his “Bobumentary.” So to placate Kirby and to sell Sheree I came up with this apple head prototype. Who knows, maybe I’ll be able to interest a collector or two. I also did a pretty good drawing today for the “Bobumentary”: it’s a drawing/montage of “me” with a big hard on, standing at a dark room enlarger to which I’ve attached a needle, something I did 20 years ago because I couldn’t get up the nerve to stick a needle in my dick without automating it this way. Now, at Kirby’s request, I’m in the process of illustrating this and other auto erotic “torture” machines I’ve designed over the years. And they’re working out real well, despite the fact that the computer kept giving hell. Sheree had to take the external drive in for repairs. It’s ok, and so is my stuff. Not only is the computer fucking up ( Photoshop was also a real stubborn bitch today, too) but my body is still on the fritz, even though I’m feeling better and doing more. I’m all filled up with fluids, from my right arm pit, to my ankles, with a large protruding abdomen in between. Looks like I’m pregnant. Feels like I’ve had an enema. More to worry about. But now I’ve got to sleep.

*

I feel like Superman, Underdog, Popeye-not the macho heroes, the bloated Thanksgiving day balloons. I feel like I’m walking on the moon. One small step for man, one giant leap closer to the grave. I’m the Pillsbury Doughboy, overdone, crumbling. Nothin says lovin like somethin in a coffin. Heh, heh! I’m really feeling the pressure of having to get my life in order before my body gives out entirely. The dying part will be easy (for me), but the constant interruptions, the drives down to the doctor’s in Long Beach (even Kirby’s had it with that), the drug deliveries that don’t come, the oxygen which runs out in the middle of a movie, assuming I have enough energy to drag my ass out of the house to go to a movie, the true humiliation of having to watch Sheree work like a dog to take care of me who used to get so hot being her slave, sickness or no sickness, what a whining wimp I’ve become, “no” is the first word out of my mouth, it’s part of my breathing now, no . . . no . . . no . . . I see it like a knife in Sheree’s back every time she hears it, and she’s getting tired of it, too, but I’m doing the best I can, that’s my mantra these days, but so what?, it doesn’t take the sadness away, and maybe I’m not always doing the best I can. I ain’t no super hero, that’s for sure, and this is no fucking holiday.

Los Angeles 1995


--------------------------------------------------------------------------------------------------

Italian Version - Versione in italiano

Luglio

Cos’hanno i miei fratelli? Sarà il senso di colpa di chi sopravvive? Mi odiano per tutta l’attenzione che ho ricevuto in questi anni, per colpa della fibrosi cistica, e si sentono in colpa per questo, per essere stati quelli sani, quelli cattivi, i sopravvissuti. Però, cazzo, è ora di crescere. Il tempo sta per finire. Se vogliono provare il senso di colpa di chi sopravvive, glielo darò molto presto. Molto prima di quanto pensino. Intanto i dettagli del quotidiano e la vita proseguono: sono sporco, ho bisogno di una doccia e di rasarmi. Finalmente mi sono lavato i denti. Credo stiano marcendo, ma non voglio fare nulla al riguardo. Carl stava qui a pulire, mentre i pittori e gli operai incollavano il tetto e io, come al solito, sputavo. Congestionato. Brutti brutti giramenti di testa stamattina, ma ora va meglio, grazie a Mr. P. Non è più la bomba di una volta, ma riesce ancora ad attenuare le vertigini. Parlando di dolore, ho promesso ancora una volta a Cathy Busby, per il suo libro, un articolo sul dolore. Tutto ciò accadeva venerdì scorso, e finora niente articolo. Sono soltanto un rompi palle, con le mie promesse e i miei indugi. Ho raccolto tutte le citazioni sul dolore dal diario del '95 e le ho trasformate in un enorme tumore di 11 pagine. Adesso devo lavorarci sopra, per vedere se è benigno o maligno. E l’ultimo dettaglio del giorno è che un tipo della MGM mi ha commissionato il promo di un film su un ragazzo che sta morendo di AIDS e fa un’ultima festa di addio. Sono la persona adatta per questo lavoro, o no?

*

Stavo dormendo. Ma adesso non più. Drogato. Stordito. Mal di testa. Sudorazioni. Prednisone. Percocet. Oxazepam. Distratto mentre scrivo, perché sto guardando Jack Nicholson in Wolf alla TV. Stranamente piatto e convincente, forse del tutto stupido, ma finocchio da morire. Buona TV, per le 5 di mattina. Come ho già detto, stavo dormendo dopo essere tornato a casa, esausto, dalla festa di compleanno di Dana Duff a Culver City. Esausto per avere avuto a che fare con Sheree, strafatto e ispirato e impaurito dal suo “reading” nel corso di una serata lesbo-leather. Mi ha veramente esasperato, e sono diventato terribilmente cattivo con lei. Il Prednisone. Ho passato tutto il giorno su Photoshop, aggiungendo una torta di compleanno ad una foto vecchia di 10 anni, che ritrae me e Dana. E, come tocco finale, il mio grande cazzo (e cos’altro sennò) in mezzo alla torta, con una candela infilata dentro. Penso d’essere ossessionato da questi miei peni cibernetici, perché il sesso nel mondo reale è più difficile in questi giorni. Siamo riusciti a scopare stamattina, se lo vogliamo chiamare così. Avevo messo a punto un’erezione per la telecamera e Sheree se l’è infilato dentro e l’ha cavalcato per un po’, mentre mi scuoteva, e ha scattato qualche foto per il libro di Aura Rosenberg sulle facce degli uomini durante l’orgasmo, ma qui non c’era orgasmo, grazie all’onnipotente Zoloft. Poi Sheree se l’è cavata aiutandosi col vibratore sul clitoride e i miei denti sulla sua tetta. Più tardi, quel giorno, ho messo i miei denti sulla sua giugulare, mentre cercavo di aiutarla ad editare la sua fottuta cassetta di piscia di lesbiche, mentre lei urlava e si lamentava e mi faceva impazzire. Non volevo essere cattivo. Non volevo dire “stai zitta!” ma sono fuori controllo a causa della mia droga (Prednisone) quanto lei lo è a causa della sua (erba). Tutto ciò mi ha fatto sentire ancora più di merda e più ansioso, allora ho preso altre pillole, Oxazepam. Sheree è abbastanza comprensiva per quanto riguarda l’intera vicenda, o è talmente fatta che non le frega un cazzo di tutto questo. Quindi è tutto ok con il mondo. Il sole sta salendo. I giramenti di testa si stanno attenuando (Percocet). E stiamo guardando Wolf. Il nuovo giorno aspetta. Grrrrrrrrrrr.

*
Pensavamo di poterci mettere seduti e divertirci per sempre, ma le possibilità erano veramente una su un milione. A casa, dopo l’ultima sera al campo estivo di fibrosi cistica, l’ultimo falò, l’ultima riunione per me, e in qualche modo sono riuscito a cavarmela. Ho cantato davanti al fuoco. Sono andato in giro per le cabine e ho cantato le ninnananne ai bambini, e più tardi all’incontro col terapeuta, ho improvvisato cantando cose zozze. Considerando che tutto quello che potevo fare durante il giorno era sdraiarmi e chiedermi se sarei mai riuscito a fare nuovamente qualcosa, è un miracolo che ho trascinato laggiù il mio culo e mi sia infilato si nuovo nel loop, cantando le vecchie canzoni come se non fossi mai partito. Sono meravigliato dal fatto che ho ancora una riserva d’energia. Improvvisamente, riuscivo non solo a respirare, ma anche a regolare la respirazione per cantare decentemente, magari non come prima, ma quello che ho perso nell’abilità fisica lo sostituisco con l’esperienza e con una capacità d’intrattenimento che ho accumulato nel tempo. Se avessi voluto, avrei potuto fare qualcosa con il canto, anche adesso, anche con l’ossigeno. Sarei stato unico, questo è sicuro. Chi non darebbe un’opportunità al patetico ragazzo con l’ossigeno? Non è che non fosse lavoro per me, anzi lo era. Ho dovuto tirar fuori ogni briciolo d’ossigeno cantare quelle canzoni, ma ci sono riuscito, e ci sono riuscito bene. Ho addirittura presentato la mia canzone Supermasochistic Bob e gli è piaciuta tanto, sia la versione ripulita che quella reale. Mi sento un po’ strano per l’ultima improvvisazione Jenny e per la canzone Suck My Jesus che ho cantato durante l’incontro col terapeuta. Forse ho anche esagerato, ma è quello che chiedevano. Dopo una settimana di duro lavoro, e con la tristezza dell’ultimo falò, dove i bambini ricordano tutti i loro amici morti, gli ho praticamente offerto un servizio cantando queste canzoni ridicole ed esagerate. Libero la tensione accumulata nel corso della settimana. Sono sul punto di ubriacarmi e far casino, quanto lo possono essere loro. Ma continuo a sentirmi strano per questo. Ma ‘sti cazzi, sono a casa. Obblighi assolti. Adesso sono nudo. TV. Il mio lavoro. Scopare Sheree. La mia vita e quello che ne resta.

Agosto

Mese nuovo, lo stesso vecchio corpo, mi sento più vecchio di quanto sia realmente o di quanto potrei mai esserlo. Temo che il mio cuore stia cominciando ad arrendersi. Le mie caviglie hanno iniziato a gonfiarsi dalla scorsa settimana quando ho fatto Mr. Troubadour al campeggio. Rispetto a quell’esplosione d’energia, oggi non riesco muovermi senza rimanere a corto di fiato, e a stare sveglio quando sto fermo. Stamattina, mentre cercavo di aiutare Sheree con la fontana del Pee Boy, non ho potuto fare a meno di guardarmi dall’esterno per cogliere l’ironia dei miei canti e dei miei sbuffi, nel tentativo di far pisciare correttamente nel recipiente il nostro bambino bianco, nudo, schifoso, con il cazzo in mano; faticando per connettere la pompa in modo corretto, troppo frustrato perché anche la mia di pompa è completamente andata, le connessioni ingarbugliate e in tilt, anche il mio cazzo non è più buono né utile a nessuno. Mi dispiace per me stesso, credo. Ma se non io, allora chi? Quello che mi infastidisce di più è quanto sia difficile lavorare. Vorrei solo stare sdraiato tutto il giorno e guardare la TV. Ho 20 o 30 progetti e impegni diversi su cui lavorare, senza menzionare gli antibiotici per via endovenosa, le cure per la respirazione, il fisioterapista, le farmacie, gli appuntamenti dal medico – come posso fare a meno di rigirarmi sul divano, guardare il processo di O.J. e dire “’Sti cazzi”?

*
Le formiche camminano dentro e fuori dai denti, e intorno agli occhi e alle narici. L’umidità mi sta prosciugando e sto cominciando ad essiccare. La mia piccola statuetta fatta con la mela è fantastica, quasi quanto l’originale, che sarei io, quando sarò morto, sepolto con una telecamera per documentare la mia progressiva “decostruzione”, ma Sheree ci sta ripensando. Adesso mi vuole cremato, così può conservare le mie ceneri. Certo, Kirby insiste per il piano A, il filmato della sepoltura come ready-made finale del “Bobumentario”. Così per calmare Kirby e per convincere Sheree, ho inventato questo prototipo con la mela. Chissà, forse in futuro potrà interessare ad un collezionista o due. Oggi ho anche fatto un bel disegno per il “Bobumentario”: un disegno/montaggio di “me” con un’erezione gigante, in piedi davanti all’ingranditore da camera oscura al quale avevo attaccato un ago, una cosa che ho fatto 20 anni fa non avendo avuto il coraggio, senza automatizzare il processo in questo modo, di infilarmi un ago nel cazzo. Adesso, per rispondere alla richiesta di Kirby, sto illustrando questa e altre macchine di “tortura” auto-erotica che ho progettato nel corso degli anni. E stanno funzionando alla grande, nonostante il computer continui a dare problemi. Sheree ha dovuto portare il disco esterno a riparare. Va bene, e così anche le mie cose. Non solo il computer si sta rincoglionendo (Photoshop ha fatto la puttana testarda anche oggi), ma il mio corpo sta dando i numeri, però mi sento meglio e lavoro di più. Sono pieno di liquidi, dal mio braccio destro fino alle caviglie, con un addome grande e sporgente al centro. Sembro incinto. Mi sento come se avessi un clistere. E ancora altre preoccupazioni. Ma ora ho bisogno di dormire.

*

Mi sento come Superman, Underdog, Popeye – non gli eroi macho, i palloncini gonfi del Thanksgiving. Mi sento come se stessi camminando sulla luna. Un piccolo passo per l’uomo, un enorme salto verso la tomba. Sono il pupazzetto della Pillsbury, strafatto, a pezzi. Niente ti dà amore come qualcosa nella bara. Heh, heh! Sento la pressione di dover mettere in ordine la mia vita prima che il mio corpo scompaia del tutto. Il momento della morte sarà facile (per me), ma le costanti interruzioni, le corse dal medico a Long Beach (anche Kirby non ce la fa più), le medicine che arrivano mai, l’ossigeno che finisce nel bel mezzo di un film – ammettendo che abbia la forza di trascinare il mio culo fuori di casa per andare al cinema – la sincera umiliazione di dover guardare Sheree lavorare come un cane per prendersi cura di me, quando una volta mi eccitava da morire fargli da schiavo, malattia o non malattia, che piagniucolona che sono diventata, “no” è la prima parola che esce dalla mia bocca, è parte della mia respirazione ormai, no... no... no... ogni volta che Sheree la sente è come un coltello nella sua schiena, e se ne sta stancando, ma sto facendo del mio meglio, questo è il mio mantra in questi giorni, ma allora?, non cancella la tristezza e forse non sto facendo sempre del mio meglio. Non sono un super eroe, questo è certo, e questa non è una fottuta vacanza.

Los Angeles 1995