PANTHEON ELÈCTRONIQUE

A DIALOGUE BETWEEN AND A PHOTO OF RICHIE HAWTIN AND CARSTEN NICOLAI


This is not an interview, but a conversation that took place before a visit to the Pantheon in Rome. The participants are Carsten Nicolai, one of the most important and representative figures of musical and artistic reductionism of the last fifteen years, and Richie Hawtin, the most famous DJ and producer of the same last fifteen years. Therefore, we’re talking about music and not archaeology. After lunch we had a coffee – we had a coffee, they had a cappuccino – and went to have a look at the Pantheon, where we took just one picture, which will nonetheless remain throughout the years, or at least in our memory.


Nero: So people are still into electronic music…
Richie Hawtin: Well, do you know those time-accelerated images of the world? The ones in which the night and the day pass quickly, with people going to sleep in one part of the world and others waking up in another part, etc.?
N: Yes, the ones that they use for the TV adverts for national telecoms.
R: It’s something like that; the electronic scene is not just growing in popularity, there’s a constant shift between the day and night.
N: You said that South America is “the place”, didn’t you?
R: Yes I did. But it is constantly changing.
Carsten Nicolai: I agree. Today you can’t have a physical feedback on which specific areas are more interested in you. Everything is so well connected; there are no time-space laps and a very wide offer.
N: Do you think it is good for people? Or it is like when you have too much food on your plate and in the end you don’t really taste anything much because of too much taste?
R: When you have this multitude of options it could be hard, but – going on with your food analogy – imagine a small city in Italy that was isolated twenty years ago, with its specific cuisine and specific dishes, that was something really special. But now that dishes spread everywhere, and people from that town perhaps have stores and perhaps they appreciate their food more than before because now they know and can have dishes from other parts of the world.
N: However, it is evident that the problem is not how to reach people.
R: Yes, the problem is how to let them have time to understand things or to be well connected to really understand the deepness of what you are trying to do.
C: It is quite interesting that we both started about ten years ago. Me with Raster_Noton and Richie with Minus. We decided to have direct control on our music, our design, even our shows.
R: To be sure that what the audience will receive is a sort of pure stream of information. You can’t know who is receiving it, but you know exactly what they are receiving.
C: Yes.
R: Our little alternate reality.
N: Changing the subject, what do you expect from your audience? For example, we know that Carsten doesn’t really like to play in front of drunk people or people on drugs...
R: I’m into this; I have to look back to where I came from. When I was going out clubbing in the early years of electronic music in Detroit, it was a very, very pure experience. I went to listen to people like Derrick May and Juan Atkins, and maybe there were some people smoking pot in the corner, but apart from that it was just a juice bar. No alcohol and everybody was completely clear, but completely fucked up just by the music. It was a very incredible experience. That was my beginning point. Then I went to new phases, you know, on both sides: on the dance floor, behind the speakers, in front of the speakers, next to the speakers… along the way I saw many people coming into music in different ways. Drugs were definitely part of that.
C: I think that if you smoke a joint then you open up your mind, and feel everything in a more sensitive way, with the music producing some really specific emotional situation. But if you just remember those feelings, then you don’t need to smoke anymore, just the music doing this, only remembering your mind and your body opened up like when you smoked. This is the best for me.
R: The only difference is that some people find music through drugs, and others find it in drugs. Two totally different things. It can give a new perspective, but it didn’t become the reason why we were doing music. When I play in front of five-ten thousand people I know for sure that there are completely fucked up people, so for me it’s important to get at least a bunch of them through this experience.
C: I love pure sensations, because it is funny how intellectually we have no idea why we are affected so strongly by music. It is really going straight to us; you can tell immediately if you like or don’t like those sensations. It’s great, fantastic. This is something I really trust.
R: That’s my mission. It is great playing to a pure crowd, but I played for hundreds of people that could hardly walk and I had a fucking crazy time. I have to say also that sometimes people need something, like alcohol or whatever, to open up a little bit.
N: This is quite interesting: your relationship with the audience’s reactions. What’s your relationship with the idea of pop music, with its tricks, its immediate appeal?
C: Are you talking about the industrial structure of pop music?
N: Not exactly, we are talking about the aesthetic approach of pop music.
C: Oh yes, we have a very funny situation: Richie and I, in two different ways, really love pop music but we are apparently so far away from it.
N: That’s why we are asking you this.
C: I totally believe that our music should be pop music. Because it should be popular.
R: For me it’s a little bit like when you play to a crowd and you try to be connected in some way with them. Sometimes you know what you can do, so if you feel that you can give the crowd a hook…
C: About the context, if I came closer to pop situations like clubs, it is because I have always been in the ambient rooms, not on the main dance floor, but then the ambient rooms disappeared...
R: Yeah, ha ha...
C: At the same time techno music had a crisis, so techno opened up looking for new sounds. What I’m trying to say is that we changed because the clubs changed us. Anyway, the club itself is not a concept in which I’m particularly interested; it is more a location for me.
N: Ok, but people who used to go there maybe have some expectations... For example, people that used to go in a club on Saturday because Sunday is their day off and maybe they wanted to dance.
R: Yes, it’s important to put yourself in relation with that, but more and more what we are trying to do in the last couple of years is to create something that defines itself more than just me-playing-in-a-club, creating a reason to go there.
N: And does it work?
R: Yes, definitely.
N: Ok, then let’s go see the Pantheon and take some photos.


--------------------------------------------------------------------------------------------------

Italian Version


Questa non è un’intervista, ma una conversazione che precede una visita al Pantheon. A parlare sono Carsten Nicolai, uno dei più importanti esponenti del riduzionismo musicale ed artistico degli ultimi quindici anni, e Richie Hawtin, il dj e produttore più famoso degli ultimi, medesimi, quindici anni. Quindi si parla di musica e non di archeologia. Dopo pranzo abbiamo preso un caffé – noi un caffé, loro un cappuccino – e siamo andati a fare un giro al Pantheon, dove abbiamo scattato una sola foto, che tuttavia rimarrà nel tempo, o almeno nei nostri ricordi. 


Nero: Quindi la gente sta ancora dietro alla musica elettronica…
Richie Hawtin: Allora, hai presente quelle immagini velocizzate del mondo? Quelle in cui notte e giorno passano velocemente, e dove la gente da una parte del mondo va a dormire e dall’altra si sveglia, etc.?
N: Sì, quelle che usano in televisione per le pubblicità delle telecomunicazioni.
R: Una cosa del genere, la scena musicale elettronica non sta semplicemente acquisendo popolarità, c’è un cambiamento costante, come il giorno e la notte.
N: Hai detto che di questi tempi il Sud America è il posto dove stare, giusto?
R: Sì, ma le cose cambiano di continuo.
Carsten Nicolai: Sono d’accordo, oggi non puoi avere un feedback diretto su quali aree specifiche sono più interessate a te. Tutto è così ben connesso, non ci sono più distanze spazio-temporali e c’è una grandissima offerta.
N: Pensate che sia un bene per la gente? O è come quando c’è troppo cibo in tavola e per i troppi sapori non ti gusti niente fino in fondo?
R: Quando hai questa moltitudine d’opzioni può essere complicato, ma – tornando alla tua analogia sul cibo – immagina un piccolo paesino in Italia che è rimasto isolato per vent’anni, con i suoi piatti tradizionali e la sua cucina, qualcosa di speciale, per la quale saremmo dovuti andare direttamente lì per trovarla. Adesso immagina che questi piatti sono ovunque, e forse la gente di quel paesino ha dei negozi ed apprezza di più il suo cibo perché ora anche loro possono provare la cucina di altre parti del mondo.
N: In ogni caso, è ovvio che il problema non è come arrivare alla gente.
R: Sì, il problema è come far sì che abbiano il tempo di capire le cose ed essere abbastanza in sintonia per capire, realmente, la profondità di quello che stai provando a fare.
C: È abbastanza interessante il fatto che entrambi abbiamo cominciato dieci anni fa. Io con la Raster_Noton e Richie con la Minus. Abbiamo deciso di aver un controllo diretto sulla nostra musica, sul nostro design, addirittura sui nostri show.
R: Per essere sicuri che quello che riceve la gente è un flusso d’informazioni puro. Non puoi sapere chi lo riceverà, ma puoi sapere cosa riceveranno.
C: Sì.
R: La nostra piccola realtà alternativa.
N: Cambiando soggetto, cosa vi aspettate dal vostro pubblico? Per esempio, sappiamo che Carsten non ama suonare davanti a gente ubriaca o sotto effetto di droga.
R: Certo, lo capisco, devo ricordarmi sempre da dove vengo. Quando andavo a ballare a Detroit, durante i primi anni della musica elettronica, si trattava di un’esperienza decisamente pura. Ho sentito suonare gente come Derrick May e Juan Atkins, e al massimo c’era qualcuno che si faceva una canna all’angolo della sala, ma a parte questo, c’erano solo succhi di frutta. Niente alcol e tutti erano completamente sobri, ma completamente sballati dalla musica. Era un’esperienza incredibile. È stato il mio punto di partenza, poi ho passato varie fasi, sai, da tutte e due le parti, sulla pista, dietro le casse, vicino alle casse... e in questo percorso ho visto la gente avvicinarsi alla musica in molti modi diversi. La droga era sicuramente parte di tutto questo.
C: Penso che se ti fumi una canna, la tua mente si apre, e senti tutto in maniera molto più chiara; la musica produce, realmente, una forte situazione emotiva, ma se in seguito provi a ricordarti queste sensazioni, non hai più bisogno di fumare, basta solo la musica, e il ricordo della tua mente e del tuo corpo, così com’erano quando hai fumato. Penso che questo sia il miglior modo per trasmettere le emozioni attraverso la musica.
R: L’unica differenza è che alcune persone trovano la musica
attraverso la droga, e altri la trovano nella droga. Due cose completamente diverse. Ti può dare nuove prospettive, ma non è mai stato il motivo per cui abbiamo fatto musica. Quando suono davanti a cinque-diecimila persone, so per certo che tra loro ci sono persone completamente fatte, quindi per me è importante portarne almeno un gruppo attraverso quest’esperienza.
C: Amo le sensazioni pure, perché è strano il modo in cui, intellettualmente, non abbiamo la minima idea del perché siamo affetti in questo modo dalla musica. Arriva direttamente a noi, sei subito in grado di dire se ti piace o no quella sensazione. È bellissimo, fantastico. Ci credo veramente in questo.
R: È la mia missione. È bellissimo suonare davanti ad un pubblico “pulito”, ma mi piace anche suonare davanti a tipologie di pubblico diversi. Ho suonato per centinaia di persone che riuscivano a malapena a camminare, e mi sono divertito tantissimo. E devo dire che le persone a volte hanno bisogno di qualcosa, tipo l’alcol, per aprirsi un po’…
N: Il vostro rapporto con il pubblico è una cosa abbastanza interessante. Che relazione avete con l’idea di musica pop, con i suoi trucchi e il suo appeal immediato...?
C: State parlando della struttura industriale della musica pop?
N: No, non esattamente, stiamo parlando dell’estetica, dell’approccio della musica pop.
C: Oh sì, è una situazione divertente: a me e a Richie, in due modi diversi, piace la musica pop, ma apparentemente ne siamo molto distanti.
N: Ve lo stiamo chiedendo proprio per questo.
C: Penso che la nostra musica dovrebbe essere pop. Perché dovrebbe essere popolare.
R: Per me è un po’ come quando suoni e cerchi di connetterti con il pubblico in qualche modo. A volte sai cosa puoi fare, quindi se hai la sensazione che puoi catturarli con un amo…
C: Per quanto riguarda il contesto, se mi sono avvicinato a situazioni pop come quelle dei club, è perché ho sempre suonato nelle sale ambient e mai nella sala, ma poi le salette ambient sono sparite...
R: Sì, eh eh...
C: Allo stesso tempo la musica techno ha avuto una crisi, si è quindi aperta ad altri suoni. Sto cercando di dire che siamo cambiati perché i club stessi ci hanno cambiato. Comunque il concetto di club non m’interessa particolarmente. Per me non è niente più che una location.
N: Ok, ma le persone che ci vanno hanno delle aspettative… Per esempio, la gente che va nei locali il sabato sera, perché la domenica è il loro giorno di riposo, magari vuole ballare.
R: Sì, è importante tenere in considerazione questo tipo di cose, ma quello che stiamo man mano cercando di fare è creare qualcosa che sia più della situazione “io che suono in un club”, cercando di creare una ragione per andarci. Vogliamo creare un ambiente che ci permetta di mettere la gente nelle condizioni migliori per capire quello che stiamo per fare.
N: E funziona?
R: Sì, assolutamente.
N: Ok, ora andiamo a vedere il Pantheon e a fare delle foto.