A WHITE WEDDING

words and photos by Moira Ricci

If parallel worlds really existed, we probably wouldn’t know what to publish. Lucky for us, there are human beings that try to create these worlds continuously. Few manage to do it, so we have something to tell you: apart from being a visual artist, Moira is a professional photographer; and other than being a professional photographer, she is a wedding photographer too.

My first photo shoot for a wedding, as an official photographer, was in October 2000 in the city of Palermo. I didn’t know the spouses, the photo shoot was a gift from one of the eight best men, who was a Sicilian friend of mine from Milan. He knew I had never done a photo shoot for a wedding before, but for him this was the interesting thing about it. I would have certainly done something different from the typical photo shoots of weddings in the south.

There were hundreds of people, it seemed as if the entire city was there. I went to meet the priest to introduce myself and to ask him which moments I should photograph. He told me during the Homily, some kind of a ritual and bla-bla-bla, unfamiliar words for me, which made me lose my concentration completely and not understand a single thing.

At a certain point one of my shoelaces got torn. I hobbled, trying not to lose my shoe and every time I leaned over my shawl slipped, I was sweating as if I were in a sauna but continued to take photos using my flash, walking from one side of the altar to the other. At least until I noticed that everybody was watching me, a bit irritated. I understood I was a bit too intrusive and censored myself a bit.

As soon as I got home I developed the film, and found out that most of the photos were horrible. I thought about changing my phone number and disappearing without a trace, but then an idea occurred to me: to cut out from the prints the photographed people and the objects that came out well, so as to piece together new photos. Each page had a collage and the album became so big that you couldn’t close it, from above, it looked like a fan.

It went really well, as soon as the spouses received it, they called me to thank me and they seemed very amused. They asked me to send the photos to their relatives too, I sent them the negatives and explained that it was an exception that I would have done only for them. The truth is that I wanted to end this story. I never heard of them ever again.

After that bad experience I decided to start meeting the spouses before the wedding, to talk about the album. Usually I can understand in advance what kind of photos and album they want, and I always try to go along with their wishes and satisfy them.

I do about eight photo shoots a year, I go everywhere to do them, and I like it a lot because I see the differences between a wedding of the south, of the north, or of the center of Italy. I usually enjoy it most in the south, even if they are very tiring, because it’s important for them and it can last for days. In a typical wedding of the south, the photographer is the second most important figure after the spouses, for this reason he receives a lot of attention and care. In most of the weddings of the south I would arrive without knowing anyone to leave feeling like a relative of theirs. It’s never like this in Milan, where they do flabby, silent weddings, and instead of lunch, they serve an informal aperitif, and it’s just for few people. They usually don’t even want the album, they want only the CD at the same price, which is not bad at all for me.

Anyway, it depends mainly on the spouses, taste and character wise. And also on where they come from, city or countryside. Those from the city don’t have many traditions and they tend to have a different wedding than the traditional one. Whereas those from the countryside have many beliefs and fascinating rituals, which differ from one zone in Italy to another.

I’ve never met a rude groom, but have met some bad mannered brides, and when this happens the album never comes out well, because I do it with less pleasure. They are usually hysterical and insist on stupid details such as: “You took only one photo of my brother-in-law’s son and ten of the other children!”.
Photographing the groom doesn’t mean taking photos of him while he’s getting dressed, but rather photographing what he’s doing while he’s waiting. I can’t really tell who’s more nervous, the bride or the groom, it depends on their character. When I’m there I try to go along with their requests, I speak about other stuff, I try to ease them, so I never make them pose. I photograph them while they are preparing their coffee, brushing their teeth, while they are arguing with one of their relatives.

The bride usually prepares herself in her parents’ room, because it’s bigger. The space for the bride’s preparation is very important because it must contain the hairdresser with the assistant, the beautician, the mother, the sisters (if they exist and if she decides to let them in), her best friend (usually she is also the bridesmaid), the photographer and the assistant, and other people who help the bride getting dressed. The make-up is applied in a special way, which lasts until she takes it off with the make-up remover. It takes an hour for the beautician to finish her job, and immediately afterwards they start to prepare the hairstyle, which is very elaborate, and that takes another abundant hour. Then she gets dressed, which includes: stockings, the white garter, the shoes always high-heeled (unless the groom is shorter than the bride), the dress and at the end the veil if she is using one.

It’s a very beautiful thing to see, and I believe that I am very lucky to be a female photographer, in this entertaining moment. But it is not that easy to convince the brides to take photos of them during the preparations. Because usually, compared to grooms, they pause, they know their best profile and they freeze in front of the lens, sometimes they stare elsewhere.

If it is important for them, they rent a car with a driver, paying a lot of money,.The antique cars are the most wanted, like the Beetle, or the American ones from the 50s, but some brides were driven in a Ferrari, on a horse chariot and a charioteer with a dress theme, on a motorcycle and sidecar.

When the groom and mother enter the church, there are not so many people inside because everyone is outside waiting for the bride. These are the moments in which I do tremendous things, because the bride arrives with her father who opens the door for her and takes her by the hand like a princess. At the moment she gets out, the wedding guests and some curious people from the village applaud.
Priests usually hate me. They hate all the photographers who were not “cultivated” by them; who don’t know how to follow all that nonsense the priests invented during Mass; who aren’t from the same village of the parish. I am not the regular photographer of any priest, I even burn my bridges, in a particular way with one of my area. When he sees me, he changes his tone of voice from sweet and wise to bestial satanic. I have hardly ever met priests who are peaceful, and when I do, I thank them. That evil one from my area says to me each time “I recommend that you don’t photograph me while I talk”, which means never. Some guests notice my fear of priests and they laugh.

Usually the spouses cry in the moment in which they have to say the phrase that goes: “I “blabla” take you “blabla” as my wife…”, and when they have a big lump in their throat they burst into tears, and they also make me cry. In that moment, I don’t care, I don’t resist and I stick the camera on my nose to hide myself.

When they leave the church they cause a delirium. Most times they throw kilos of rice, which, at night, I find even in my pants, it’s because I get so close to them to take photos of their faces under the thrown rice. Soon after, the guests go to greet the spouses and I have to take the photos from a distance, because the group seems like a moving cloud.

Afterwards the guests go to the reception. In the mean time I take some photos of the spouses in a beautiful location. Almost all of them are quite good at pausing in that moment, I don’t know why, but they turn into models. Then, at the restaurant, after photographing the tables, at the toast and the cutting of the wedding cake, I feel free to move wherever I want. In the remaining time I eat a little, but most importantly I drink the necessary that I need to take better photographs.

In the end they jump in swimming pools if there are young people, and most of the time, when they are all drunk, they dance. I also dance, but with the camera in my hand; this way I can keep taking photos, and apart from their clothes that don’t tell lies, they seem to be at a rave. Then, for example, from the last wedding where I worked, I took a picture of the groom’s father - I think he is around seventy - with my shoes in his mouth after dancing on the floor for three hours. When they see themselves in the album, they have a lot of fun.


--------------------------------------------------------------------------------------------------

Italian Version 

Se esistessero davvero i mondi paralleli, noi forse non sapremmo cosa pubblicare. Per fortuna ci sono esseri umani che provano continuamente a crearli. Pochi ci riescono davvero, così noi abbiamo qualcosa da raccontarvi: Moira, per esempio, oltre ad essere un’artista visiva è anche una fotografa professionista, ed oltre ad essere una fotografa professionista è anche una fotografa di matrimoni.



Il mio primo servizio fotografico per un matrimonio, di quelli dove sei il fotografo ufficiale, è stato nell’ottobre del 2000 a Palermo. Non conoscevo gli sposi, il servizio fotografico era un regalo di uno degli otto testimoni, che era un mio amico siciliano di Milano. Sapeva che io non avevo mai fatto matrimoni, ma a suo parere era quello l’aspetto interessante, avrei sicuramente fatto qualcosa di diverso dei classici servizi dei matrimoni del sud.

C’erano centinaia di persone, mi sembrava che tutta la città fosse lì. Sono andata dal prete a presentarmi e a chiedergli quali erano i momenti in cui non avrei dovuto fare le foto. Mi disse durante l’omelia, il rito di qualcosa e bla-bla-bla, tutte parole a me sconosciute, che mi fecero perdere completamente l’attenzione e non capire più niente.

Ad un certo punto mi si ruppe il laccetto di una delle due scarpe. Zoppicavo per non perderla, lo scialle mi scivolava giù ogni volta che mi piegavo, sudavo come se fossi stata in una sauna e continuavo a scattare a raffica con il flash, camminando da un lato all’altro dell’altare. Almeno fino a quando mi accorsi che tutti mi stavano guardando, un po’ incarogniti. Capii che ero stata troppo invadente e mi moderai un po’.

Quando tornai a casa sviluppai subito i rullini, e la maggior parte delle foto facevano schifo. Avevo pensato di cambiare numero di telefono e di far perdere ogni mia traccia, ma poi mi venne l’idea di ritagliare dalle stampe tutte le persone fotografate, e gli oggetti che erano venuti bene, in modo da ricostruire delle nuove foto. Ogni pagina aveva un collage, e l’album era diventato talmente grosso che non si chiudeva più, visto da sopra sembrava un ventaglio.

Andò benissimo perché gli sposi, appena lo ricevettero, mi chiamarono divertiti ringraziandomi tantissimo. Mi chiesero anche le foto per i parenti e gli mandai direttamente i negativi, spiegandogli che per loro avrei fatto un’eccezione. In realtà volevo chiudere quella storia. Non li sentii mai più.

Da quella brutta esperienza ho iniziato a incontrare gli sposi prima del matrimonio, per discutere degli album. Solitamente riesco a capire in anticipo che tipo di foto e album desiderano, e cerco di assecondarli e accontentarli sempre.

Faccio in media otto servizi fotografici all’anno, mi sposto ovunque per farli, e questo mi piace molto perché vedo la differenza che c’è tra un matrimonio del sud, uno del nord o del centro Italia. Di solito mi diverto molto di più in quelli del sud, anche se sono faticosi, perché ci tengono tantissimo e possono durare anche dei giorni. Il fotografo di un classico matrimonio del sud è la seconda cosa più importante dopo gli sposi, perciò riceve moltissima attenzione e cura. In quasi tutti i matrimoni del sud non conoscevo nessuno, ma andavo via che mi sentivo una loro parente. Non è quasi mai così a Milano, dove invece fanno matrimoni molto mosci, silenziosi, e, al posto dei pranzi, fanno aperitivi poco informali e con poca gente. Di solito non vogliono nemmeno l’album, ma un cd con le foto allo stesso prezzo, e questo per me non è male.

Comunque dipende molto dagli sposi in sé, dalla loro mentalità, gusto e carattere. Ma anche da dove provengono, se dalla città o dalla campagna. Quelli di città non hanno molte tradizioni e tendono a fare un matrimonio che sia diverso da quello classico. Quelli di campagna invece hanno un sacco di credenze e riti affascinanti, diversi in ogni zona d’Italia.

Non ho mai trovato uno sposo scortese, mentre di spose sì, e quando questo accade l’album non mi viene mai bene, perché lo faccio poco volentieri. Di solito sono spose isteriche che s’impuntano su cavolate tipo: “ma a al figlio di mio cognato hai fatto solo una foto, mentre agli altri bambini anche dieci!”

Fotografare la preparazione dello sposo non significa fargli le foto mentre si veste, piuttosto significa fotografare quello che fa mentre aspetta. Fra i due sposi non so proprio dire chi è il più nervoso, dipende dal loro carattere, quando sono lì con loro cerco di assecondarli, parlo d’altro, cerco di farli stare a loro agio e quindi non li metto in posa. Li fotografo mentre si preparano il caffè, si lavano i denti, mentre litigano con uno dei famigliari.

Di solito la stanza in cui la sposa si prepara è quella dei genitori, perché è più grande. Lo spazio per la preparazione della sposa è molto importante perchè deve contenere la parrucchiera con l’assistente, l’estetista, la mamma, le sorelle (se ci sono e se la sposa decide di farle entrare), l’amica preferita (che spesso è anche la testimone), il fotografo e l’assistente del fotografo, e altre persone che aiutano la sposa a vestirsi. Il trucco è fatto in modo speciale, che rimane fino a quando non se lo toglie con lo struccante. L’estetista impiega un’oretta circa a svolgere il suo lavoro, e subito dopo inizia l’acconciatura che, se è molto elaborata, richiede un’altra ora abbondante. Poi c’è il vestimento, cioè: le calze, la giarrettiera bianca, le scarpe quasi sempre con il tacco (a meno che lo sposo non sia più basso), il vestito e per ultimo il velo, se c’è.

È una cosa bellissima da vedere, e mi ritengo fortunata di essere fotografo donna, così non questo momento molto divertente. Ma non sempre è facile convincere le spose a farsi fotografare durante la preparazione. Anche perché di solito, rispetto agli sposi, si mettono in posa, conoscono il loro lato migliore e si congelano davanti all’obbiettivo, a volte girando gli occhi da un’altra parte.

Se ci tengono molto, la macchina la noleggiano con l’autista per un sacco di soldi, le più richieste sono quelle antiche, tipo maggiolini, o quelle americane degli anni ’50, ma ci sono state spose accompagnate con la Ferrari, con il carro, i cavalli e il cocchiere vestito in tema, con la moto e il sidecar. Addirittura con il trattore.

Quando lo sposo e la madre entrano in chiesa, non c’è molta gente perché sono tutti fuori ad aspettare la sposa. È il momento in cui faccio delle corse tremende, perché arriva la sposa con il padre che le apre la portiera e la prende per mano come una principessa. Appena esce, gli invitati e qualche curioso del paese applaudono.

I preti di solito mi odiano, come odiano tutti i fotografi che non siano quello che hanno coltivato loro, quello che sa seguire tutte le cavolate che loro si sono inventati nella loro messa, e che di solito è dello stesso paese della parrocchia. Io non sono il fotografo di fiducia di nessun prete, addirittura mi sono fatta terra bruciata attorno, in particolare con uno della mia zona che appena mi vede cambia tono di voce, da dolce e saggio a bestia di satana. Difficilmente ho trovato dei preti tranquilli, e quando lo sono, li vado a ringraziare. Quello cattivo della mia zona ogni volta mi dice “mi raccomando di non fotografare quando parlo io”, quindi mai. Alcuni invitati si accorgono della mia paura del prete, e si mettono a ridere.

Gli sposi di solito piangono nel momento in cui devono recitare la frase che dice: “io, “coso”, prendo te “cosa” come mia sposa,…”, e quando hanno il nodo alla gola troppo grosso scoppiano a piangere, e mi fanno piangere anche a me. Poi non me ne frega niente, ma in quel momento non resisto e per nascondermi mi appiccico la macchina fotografica al naso.

Quando escono dalla chiesa inizia il delirio. Di solito tirano chili di riso, che io alla sera mi ritrovo anche nelle mutande, visto che sto molto vicino per riprendere le loro facce sofferenti sotto il riso tirato con forza. Subito dopo, gli invitati vanno a baciare gli sposi e le foto le devo fare da lontano, perché il gruppo sembra una nuvola che si sposta.

Gli invitati vanno poi al rinfresco, mentre io e gli sposi andiamo spesso a fare alcune foto in posa in un bel luogo. Sono quasi tutti bravi a posare in quel momento, non so perché, ma diventano tutti dei fotomodelli. Al ristorante poi, quando ho fatto le foto ai tavoli, al brindisi e al taglio della torta, mi sento libera di muovermi come voglio. Nel tempo che resta mangio un po’ anch’io, ma soprattutto bevo quel poco che mi serve a fotografare meglio.

Infine ci sono i bagni in piscina, se sono molto giovani, e quasi sempre quando ormai sono tutti ubriachi, il ballo. Ballo anch’io, ma con la macchina in mano, così continuo a fare le foto e, a parte i vestiti che non mentono, sembrerebbero facce da rave. Per esempio, al terz’ultimo matrimonio che ho fatto, ho scattato una foto al padre dello sposo, credo settantenne, con in bocca la scarpa con cui aveva ballato per tre ore sulla terra. Quando si riguardano nell’album, si divertono tantissimo.


(01/21)