SALT, FAT & SUGAR

by Michael Rosenfeld

to bio or not to bio


If I were ever going to be executed and had to choose a “last meal,” it would undoubtly be a nice fatty corned beef (a pickled cut of beef), boiled for hours with green cabbage and potatoes and served with copious amounts of spicy brown mustard. As this obviously doesn’t exist in Italy, I have been trying to make my own and perfect the pickling process for some time now. All of the trials end the same way: they look correct, smell correct, and vaguely taste correct, but there’s always something missing. It’s the texture that’s off. The meat and fat don’t melt in your mouth. It’s like listening to an orchestra with the piano out of tune. And one day it finally dawned on me why. I was using a bio grass-fed cut of meat. Let’s be honest here. How much do you have to fucking starve an animal to render its flesh so tough and tasteless? I’ll take a good ol’ GE (genetically engineered) corn-fed cow any day.

Which brings us to the topic at hand: the nutritional, environmental, political and socio- economic pros and cons of bio (organic) farming and meat production.

The term “organic farming” was coined by Lord Northbourne in his 1940 book Look to the Land. He envisioned “the farm as organism” to describe an ecologically balanced approach to farming in contrast to what he called “chemical farming.”

Today the term has generally come to mean the production of crops and animals that have the highest possible nutritional values without the use of chemicals, antibiotics or synthetics (genetically altered source product), and to leave the lowest possible ecological footprint on the land.

Which all sounds well and good in a perfect world. But like so many noble ideas and movements, if there’s money to be made off of it, there will always be those willing to twist and exploit it solely for profit. I happen to know a farmer in Tuscany who made an appointment with the state agencies to have his farm certified organic. When the inspector came, he had no interest in looking at the farm or its records, but instead asked for a bribe to give the farm its certification. And worse than these profiteers are the crazies and food hypocrites who lecture others on how good they feel eating only bio products. Like this is going to magically reverse their pack-a-day smoking habit or de-liquor their liver that’s just about ready to spontaneously combust. What about cell phone radiation? The “acceptable levels” of contaminants in drinking water that they don’t tell you about? The Vatican? My god, a walk through the center of Rome in summer is enough to poison you.
In a bizarre twist of fate, the very technological and chemical advances in farming (Franken-farming) that were originally created to end world hunger has allowed the world population to grow in lock step with the development and implementation of these pesticides, antibiotics and GE-altered seeds and crops. With the higher crop yields came lower commodity prices and the ability to feed more people. But the lower prices also meant lower profits for farmers. This, in turn, forced farmers to cut trees and farm more land to grow more produce in order to make up for the drop in prices. It also prevented farmers from growing several varieties of the same crop. This has virtually stamped out crop diversity, making an entire crop susceptible to blights, molds and insects, which ties the farmer ever more to the GE-altered seeds that have been created to combat these maladies. Governments pay farmers subsidies to grow or not grow certain crops in order to keep farms afloat and to manipulate the commodity markets to keep food manufacturers happy. Low prices at the supermarket keep people consuming, which keeps the economy growing. Capitalism at its finest….

But organic food production at this point and time is not a plausible way to feed a world of 6.7 billion inhabitants. In fact, bio food production uses substantially more land, energy (in the form of labor and CO2) and resources like water (which will be a commodity in its own right in the near future). For example, 122 sq meters are needed to produce a ton of organic vine tomatoes, compared to 19 sq meters for conventionally grown ones. Organic milk requires 80% more land to produce. And e-coli bacteria outbreaks can and do happen via manure used as fertilizer on organic farms. This seems like a lot of waste for products that, according to many studies, have the same nutritional levels, whether organic or not.

But by far the biggest disadvantage to bio food is the cost, usually in the range of 20–100 percent more than traditionally grown foods. And with the exception of the unshowered, natural-fiber-futon-on-the-floor crowd that are throwing Molotov cocktails at the G8 Summits, it’s basically nothing more than a bullshit status symbol. I go to a bio store in my neighborhood to buy soymilk for my wife, as she is lactose-intolerant. The store is filled with cranky, skinny rich women clamoring to fill their biodegradable shopping bags with overpriced vegetables and productse. It’s ironic that the very people that can afford to eat organic food without additives are usually the first to be popping anti-depressants and injecting themselves with Botox and koala urine in order to preserve the last remains of their youth. (FYI, you can always tell their true age by their hands.)

As far as flavor, bio products vary tremendously item by item. I find organic carrots and peppers to be far superior to traditional ones. Poultry and eggs, too. Most fruit and beef products I prefer grown with traditional methods. But in reality, flavor is usually more dictated by the quality of the soil, what the animal is fed and the variety grown/raised than anything else. Eating locally grown and seasonal also plays a role in taste as well.

Is factory-farming horrible and wrong? You bet. Do I strongly agree that all food should be grown without the chemicals and antibiotics routinely used today? Absolutely. I also strongly believe that we are a civilization in decline. That we have crossed the threshold of no return and that, in our lifetime, we’ll begin to see the rapid diminishment of ocean fish stocks, clean drinking water and further compromised food production safety in order to maximize corporate profits and feed an ever-growing world population. Unfortunately, a lot of us are going to have to disappear before Earth can start the process of rebalancing herself. If you truly want to be a healthier human being, follow your bodily instincts and eat what makes you happy and feel good.




--------------------------------------------------------------------------------------------------

Italian Version

Se mai dovessi essere condannato a morte e dovessi scegliere il mio ultimo pasto, sceglierei senza dubbio un bel piatto di “corn beef” ciccione (un taglio di manzo marinato e cucinato secondo una tradizione anglosassone), bollito per ore insieme a verza e patate per poi essere servito con abbondanti quantità di mostarda piccante. Dato il fatto che in Italia questo piatto è introvabile, mi sono dedicato da un po’ di tempo al tentativo di ricrearlo cercando di perfezionare la ricetta per marinare la carne. Tutti i risultati sono uguali: hanno l’aspetto idoneo, l’odore giusto e il gusto quasi corretto, eppure c’è sempre qualcosa che manca. È la consistenza che non va. La carne ed il grasso non si sciolgono in bocca. È come ascoltare un’orchestra con il piano scordato. Finalmente un giorno ho avuto un’illuminante rivelazione su questo dilemma. Il taglio di carne che usavo era bio, proveniva da un animale alimentato con erba. In tutta franchezza, quanto è necessario sotto nutrire un animale per rendere la sua carne così dura ed insapore? Francamente preferisco beccarmi la carne di una mucca alimentata con cibo alterato geneticamente in qualsiasi occasione.

Eccoci dunque al soggetto in discussione: i pro e i contro, ambientali, politici e socio-economici dell’alimentazione bio, la produzione di carne e l’agricoltura organica.

Il termine “agricoltura organica” fu coniato da Lord Northbourne nel 1940 nel libro
Look to the land. Northbourne riconobbe la “fattoria come organismo” nel descrivere un approccio della produzione ecologicamente bilanciato in contrasto con quella da lui denominata “agricoltura/allevamento chimica/o”.

Oggi il termine viene generalmente usato per descrivere la produzione di raccolto nonché l’alimentazione animale con attribuito di maggior valore nutrizionale senza uso di prodotti chimici, antibiotici o prodotti sintetici (prodotti alterati geneticamente), lasciando così il minimo impatto su terreno.

Il tutto suona in maniera fantastica in un mondo teoricamente perfetto. Ma come tutte le idee pure ed i movimenti che perseguono una nobile causa, c’è sempre chi si aggrega con il fine di sfruttare la situazione e trarne profitto economico. Conosco un contadino il quale aveva intenzione di certificare la propria fattoria come organica. Una volta preso appuntamento con l’agenzia di competenza fu visitato da un ispettore che si dimostrò completamente disinteressato alla documentazione o la manutenzione della fattoria ma allo stesso tempo molto aperto ad un “compenso” per rilasciare la propria certificazione. Ma peggio di questi profittatori sono i folli, ipocriti del cibo, i quali generalmente attaccano una litania su quanto si sentano meglio mangiando prodotti bio, come se questa dieta potesse magicamente far scomparire il pacchetto di sigarette che fumano quotidianamente o de-liquorizzare i loro fegati pronti ad auto-icendiarsi. E le radiazioni dei cellulari? Il “livello accettabile” di contaminazione presente nell’acqua potabile di qui non si parla? Il Vaticano? Dio mio, una passeggiata in estate al centro di Roma basta ad avvelenarti.

Il fato ha voluto che lo stesso progresso tecnologico e chimico nel campo agricolo (Franken-farming) originariamente creato per dare fine alla fame nel mondo, abbia fatto sì che la popolazione mondiale sia cresciuta di pari passo con l’incremento di pesticidi, antibiotici, semi e raccolti alterati geneticamente. Con l’alta produzione di raccolti arrivarono anche prodotti a prezzi più bassi e la possibilità di sfamare più gente. Ma il prodotto a prezzo minore ha anche significato introiti inferiori per i contadini. Questo a sua volta ha forzato i contadini a tagliare più alberi per mettere più terra a frutto ed ottenere più prodotto nel tentativo di compensare con l’abbassamento dei prezzi. Questo processo ha anche prevenuto i contadini dal piantare e far crescere varie specie della stessa coltivazione. Ciò ha inoltre praticamente cancellato la differenziazione tra colture, creando le condizioni adatte alla suscettibilità di parassiti quali muffe, ruggine fogliare, o altri tipi di malesseri, situazione che ha forzato i contadini ad usare sempre più semi geneticamente alterati, immuni a queste malattie. I governi elargiscono fondi ai contadini per crescere o non crescere alcuni tipi di coltivazioni evitando che varie fattorie vadano in bancarotta e manipolando allo stesso tempo la richiesta del mercato accontentando l’industria alimentare. I bassi prezzi al supermercato incrementano il consumo, l’economia cresce: è capitalismo allo stato puro...

Allo stesso tempo il cibo organico in questo momento non è un’alternativa plausibile per sfamare un mondo popolato da 6.7 miliardi di persone. Il processo di crescita bio usa, infatti, più terreno ed energia (in termini di manodopera e CO2) nonché risorse come acqua (che diverrà un bene prezioso nel prossimo futuro). Per fare un esempio, si ha bisogno di 122mq per produrre una tonnellata di pomodoro organico a confronto dei 19 mq usati nel crescerli regolarmente. Per produrre latte organico si ha bisogno dell’80% in più di terreno. L’uso di concime come fertilizzante nelle fattorie bio può creare epidemie di ecoli. Questi fattori sembrano uno spreco considerando secondo molti studi che il prodotto finale sia organico che non ha lo stesso valore nutrizionale.

La cosa più svantaggiosa del cibo bio è chiaramente il costo, di solito dal venti al cento per cento in più di quello cresciuto in maniera tradizionale. Tenendone fuori gli estremisti non docciati che alloggiano su futon in fibra naturale, ovvero quelli che tirano molotov agli incontri del G8, il cibo bio non è altro che uno status-symbol, una cazzata. Vado spesso in un negozio bio nel mio quartiere per comprare latte di soia per mia moglie che è intollerante al lattosio. Il negozio è pieno di ricche signore, magre, incazzose che vocalizzano il loro malcontento mentre riempiono le buste biodegradabili di prodotti e vegetali sovrapprezzo. È ironico pensare che proprio le persone in grado di permettersi il cibo organico e senza conservanti, sono spesso sotto psicofarmaci antidepressivi e sono tra i primi a gonfiarsi di botox o iniettarsi d’urina di Koala pur di preservare quel che resta della loro gioventù (comunque è facile identificare l’età osservando le mani).

Per quanto riguarda il sapore, il prodotto biologico varia tremendamente da cosa a cosa. Trovo personalmente che le carote ed i peperoni organici siano altamente superiori di quelli cresciuti in maniera tradizionale. Credo sia lo stesso per quanto riguarda pollo e uova mentre per la maggioranza della frutta o la carne di manzo preferisco il metodo tradizionale. In realtà il sapore ha più spesso a che fare con la qualità del terreno, quello che l’animale mangia e la varietà di prodotto cresciuta. Mangiare prodotti locali e stagionali ha a sua volta una grande influenza sul sapore.

È l’allevamento industriale un metodo sbagliato e orribile? Puoi scommetterci. Sono dunque pienamente d’accordo con il fatto che tutti i cibi dovrebbero essere cresciuti senza prodotti chimici o gli antibiotici di cui si fa uso quotidianamente oggi? Assolutamente. Credo anche pienamente nel fatto che siamo una civiltà in declino. Che abbiamo sorpassato il punto di non ritorno e saremo testimoni durante il corso della nostra vita del venire a mancare del pesce negli oceani nonché della fine dell’acqua potabile e saremo testimoni di pratiche per la produzione del cibo sempre meno sicure per facilitare al massimo i profitti delle corporazioni e sfamare la popolazione di un mondo in continua crescita. Sfortunatamente molti di noi dovranno scomparire per far sì che la terra cominci a riequilibrarsi. Se davvero vuoi diventare un essere umano più sano, segui l’istinto, il tuo corpo, mangia quello che ti rende felice e sentiti bene.


(01/2)