DEATH IN EUROPE

by Terre Thaemlitz

Death in Europe is at once a personal diary, a letter, a very short story and a mini-essay. Two chapters define the controversial relationship between the author and the death of two great personalities, oscar wilde and michael jackson, that – to our eyes – could even seem never to have existed.


Part I: Oscar Wilde is in Hell

June 23, 2009. Laurence Rassel and I visit Père Lachaise cemetery in Paris, and find ourselves lost while searching for Oscar Wilde’s tomb. The tomb itself is a homo-erotic masterpiece, as distinctive as one could have hoped, the soaring figure of an angelic bottom ready to suck and receive, painted with real lipstick kisses.

Just as the feelings of adoration start to sink in, you realize the penis has been broken off.

Then an abrasive French tour guide comes by with a heterosexual couple grinning idiotically, led by their noses, no idea where they are. The guide says to me, “You! Go far!” and pushes me away from the tomb. He then turns to the wife, “Kiss!” and to the husband, “Photo!” and she leans in and the husband clicks because the guide has totally dominated them, and they endlessly smile to try to feel they are enjoying this bondage. The guide then delivers his punch-line, “This is a gay man!” and touches where the penis is broken off. How funny he thinks that’s funny. Lest his employers be homophobes in danger of losing their smiles, he adds, “But man, woman, it is okay to kiss, you see...”

How wonderful to have kissed the grave of a dead fag.

And all that is left has nothing to do with respect for Wilde’s memory, which feels broken away and absent like that missing penis. What is left is simply a monument branded by the homo-tourism that surrounded dandies to begin with, castrated into harmlessness.

Wilde is the wind.


Part II: Michael Jackson is in Hell

June 26, 2009. Just as the world begins to fathom the loss of Farrah Fawcett, Michael Jackson dies of a cardiac arrest. I open my DJ gig at the Bota Bar in Brussels by shouting the following statement to the audience without using a microphone:

• Michael Jackson is dead!

• Unfortunately, the excess of his lifestyle and the tragedy of his character outweigh the tragedy of his death.

• He was proof that a life of self-reflection upon one’s own exploitation does not inherently lead to social consciousness.

• The sad and frightening Postmodern Frankenstein has left us.

• And I don’t care.

During the evening, a group of people who arrived late continually harassed me with requests to play Michael Jackson songs. They were relentless, leaning over the DJ equipment and even entering the DJ booth. It made no difference to them that I did not bring any Michael Jackson songs. It certainly made no difference to them that I did not want to play Michael Jackson songs. As they become increasingly insistent, I answered with equal insistence that I would not play any Jackson songs, ultimately shouting repeatedly, “No fucking Michael Jackson!” One of the patrons who I had previously ejected from the DJ booth returned to dump a beer over my head. After the current track playing came to an end, I let the hall fall silent and addressed the audience once again before continuing:

• A number of people have been requesting Michael Jackson. No Michael Jackson! He was a fucking narcissistic asshole!

• Under global capitalism, this way of fetishizing cultural icons in relation to hierarchies, such as the King of Pop, only deserves one response: off with their heads! Can’t we conceive of, or relate to, cultural icons which reflect a social perspective other than exploitative hierarchy?
Although my words were spontaneous and not well formulated, I felt compelled to do something - anything - to resist this moment in which we are encouraged by all media to mourn the abstract and reified image of a shallow pop singer with no overt politics or personal values worth idealizing. (I realize he donated a lot of money to various charities over the years, but so do most millionaires. Having the super-rich throw money at social problems is very different from their attempting to transform the corruptions of the processes through which that very wealth was accumulated.) The complexities of his physical transformations, as controversial as they may be, were ultimately nothing more than acts of self-obsessive whimsey, as ugly as the wealth that facilitated them. That same wealth which, in relation to our combined pity for the childhood abuses he came to symbolize, allows us to feel life rewards those who suffer - those we abuse. That same wealth which allowed him to remain aloof of the responsibilities of functional adulthood while millions of other abused and exploited people must learn to cope with their memories.
Jackson’s obsession with fascist imagery was repeatedly dismissed as a marketing ploy, denying any conscious analysis of the link been fascism and marketing. To feel forced to pity and love this figure-head of a corrupt music industry is simply too distasteful for me to handle. It was better for me to feel the audience’s anger at his being criticized. Ironically, many in the audience struck me as too young to be affected by him as much as someone of my generation, or of my US upbringing.

Michael Jackson – whoever you were – like a sickly dog in need of euthanasia, I hope that you would find peace in the fact that you are dead now.

____________________________________________________________________________
Terre Thaemlitz is a renowned multi-media producer, writer, public speaker, audio remixer, DJ and owner of the Comatonse Recordings record label.





Death in Europe è al tempo stesso un diario intimo, una lettera, un racconto brevissimo, un mini-saggio. Due capitoli che definiscono il rapporto controverso dell’autore con la morte di due grandi personaggi, oscar wilde e michael jackson, che – ai nostri occhi – potrebbero sembrare anche non essere mai esistiti.


Parte I: Oscar Wilde è all’Inferno

23 Giugno 2009. Io e Laurence Rassel visitiamo il cimitero di Père Lachaise a Parigi, e ci perdiamo alla ricerca della tomba di Oscar Wilde. La tomba in sé è un capolavoro omo-erotico, abbastanza particolare da non deludere le attese, la figura sublime di un angelo passivo, pronto a ricevere e succhiare, coperto di segni di baci dati col rossetto.

Proprio nel momento in cui cominci ad essere pervaso da sentimenti di adorazione, ti rendi conto che il pene è stato spezzato.

Poi una caustica guida turistica francese si avvicina con una coppia eterosessuale, che sorride in maniera idiota e lo segue obbediente, senza la minima idea di dove si trovi. La guida mi si rivolge dicendo “Tu! Vai via!” e mi spinge lontano dalla tomba. Poi si gira verso la donna, “Bacio!” e al marito “Foto!”, lei si china e il marito scatta, ormai del tutto sottomessi dalla guida, infinitamente sorridenti nel tentativo di trarre piacere da questa schiavitù. La guida poi si gioca la battuta finale, “Questo è un gay!” e tocca la parte dove il pene è stato rotto. È così divertente il fatto che lui trovi tutto questo divertente. Per paura che i suoi due temporanei datori di lavoro siano omofobici e quindi a rischio di perdere il sorriso, aggiunge “Ma uomo, donna, va bene baciarsi, sapete...”

Che meraviglia aver baciato la tomba di un frocio morto.

E tutto ciò che rimane non ha niente a che fare con il rispetto per la memoria di Wilde, che sembra spezzata e assente come quel pene mancante. Ciò che resta è semplicemente un monumento marchiato dal turismo omosessuale che ha circondato i dandy sin dall’inizio, reso innocuo dalla castrazione.

Wilde è il vento.


Parte II: Michael Jackson è all’Inferno

26 Giugno 2009. Proprio nel momento in cui il mondo comincia a comprendere la profondità della perdita di Farrah Fawcett, Michael Jackson muore per arresto cardiaco. Apro il mio dj set al Bota Bar di Bruxelles urlando la seguente dichiarazione al pubblico, senza usare il microfono:

• Michael Jackson è morto!

• Sfortunatamente, il suo stile di vita eccessivo e la tragedia del suo personaggio hanno maggior peso della tragedia della sua morte.

• È stato la prova vivente che una vita dedicata all’auto-riflessione del proprio sfruttamento non porta automaticamente ad una forma di coscienza sociale.

• Il triste e spaventoso Frankestein Postmoderno ci ha lasciato.

• E a me non interessa.

Nel corso della serata, sul tardi, un gruppo di persone mi comincia a perseguitare ossessivamente chiedendomi Michael Jackson. Erano incessanti, si appoggiavano alla consolle ed entravano nella cabina del DJ. Il fatto che non avessi portato con me nessuna canzone di Michael Jackson, non sembrava fargli alcun effetto. Il fatto poi che non avessi comunque la minima intenzione di suonare le sue canzoni, non sembrava interessargli minimamente. Quando hanno cominciato a farsi più insistenti, ho risposto con la stessa insistenza, dicendo che non avrei suonato nessun pezzo di Jackson. Alla fine ho urlato più di una volta “Nessun cazzo di Michael Jackson!” Uno di quelli che poco prima avevo cacciato dalla cabina del DJ torna per scaricarmi in testa un boccale di birra. Alla fine della traccia che stavo suonando, lascio la sala in silenzio e, prima di far partire la nuova traccia, mi rivolgo ancora una volta al pubblico:

• Diverse persone mi hanno richiesto Michael Jackson. Niente Michael Jackson! Era un fottuto rotto in culo narcisista!

Nel capitalismo globale, questo modo di feticizzare le icone culturali, creando delle gerarchie come l’idea di Re del Pop, si merita una sola risposta: vogliamo le loro teste! Non possiamo per una volta provare a concepire, o metterci in relazione con, icone culturali che rispecchino una prospettiva sociale diversa da quella della gerarchia sfruttatrice?

Anche se le mie parole erano state spontanee e non ben formulate, mi sentivo costretto a fare qualcosa – qualsiasi cosa – pur di resistere all’insistenza mediatica che ci porta a rimpiangere l’immagine astratta e reificata di un cantante pop un po’ superficiale, senza alcun evidente valore politico o personale degno di essere idealizzato. (So che ha donato molti soldi a diverse associazioni di beneficenza nel corso degli anni, ma così fa la gran parte dei miliardari. Il fatto che i super-ricchi investano soldi in problemi sociali è ben diverso dal tentativo di trasformare i procedimenti corrotti che hanno permesso di accumulare quelle ricchezze). Le complessità delle sue trasformazioni fisiche, per quanto controverse possano essere, in fin dei conti non sono niente più che semplici capricci auto-ossessivi, brutti quanto la ricchezza che li ha resi possibili. Quella stessa ricchezza che, in rapporto alla nostra comune pietà per gli abusi sull’infanzia che è arrivato a simbolizzare, ci permette di pensare che la vita premia coloro che soffrono – coloro di cui abusiamo. Quella stessa ricchezza che gli ha permesso di rimanere lontano dalle responsabilità dell’età adulta e funzionale, mentre altri milioni di abusati e sfruttati devono imparare a gestire i loro ricordi.
L’ossessione di Jackson per l’immaginario fascista è stata ripetutamente svalutata come un’operazione di marketing, negando così ogni analisi consapevole del legame tra fascismo e marketing. Sentirsi forzato a provare pietà e amore per questa figura-capo di un’industria musicale corrotta è semplicemente per me una cosa troppo sgradevole da sopportare. Preferivo la rabbia del pubblico per le critiche nei suoi confronti. Ironicamente, ritenevo molti del pubblico troppi giovani per poter essere affezionati come qualcuno della mia generazione, o della mia educazione americana.

Michael Jackson – chiunque tu fossi – come un cane malato che aspetta l’eutanasia, spero che tu possa trovare pace nel fatto stesso che adesso sei morto.

____________________________________________________________________________
Terre Thaemlitz è un rinomato produttore multimediale, scrittore, oratore, remixer audio, DJ e proprietario della etichetta discografica Comatonse Recordings
(www.comatonse.com)

(01/4)