RYAN GANDER – TEST YOURSELF

a project by Ilaria Gianni and Ryan Gander

ROOM AVAILABLE

Everything started when Ryan Gander sent a Timeline to Ilaria Gianni, beginning in 800 BC and ending in 7006 AD, documenting over 500 of his works made during a ten-year period – works associated to events that occurred in history and to future ones that could possibly take place. Test yourself is a quiz on our historical knowledge that leads us into Ryan Gander’s practice through a selection of works drawn from the Timeline. Through the artist’s own words, the game reveals episodes, memories and back-stories, disclosing the conceptual processes and ideas behind his oeuvre. The project, specifically designed by Åbäke, who conceived the recent publication Ryan Gander: Catalogue Raisonnable Vol. 1 (JRP|Ringier, 2010), does not present any images. The participation of the reader is a fundamental element.



Q – Which particular element is mentioned in Pliny the Elder’s Naturalis Historia (77 AD)?

a. Unicorns on Mount Olympus.
a. Cannabis used as a painkiller.
b. Glass mirrors backed with gold leaf.
c. Tiger’s eyes in Mediterranean caves.

A – Glass mirrors backed with gold leaf are mentioned in Naturalis Historia by the Roman author Pliny the Elder.

WorkA Future Lorem Ipsum, 2006
A black and white photograph of the artist showing how his invented word, ‘Mitim’, is a physical palindrome.

Episode – The word Mitim was a bit of a useless failure. The objective was to introduce the word into the world as if it had always existed. I tried to do this by sending it to editors, journalists, writers, musicians etc. with the idea that they could use it in texts, plays, articles, stories and songs. It hadn’t occurred to me that when the word is typed out in any word processing software an aggressively jagged red line appears beneath it, acknowledging that it is not in the user dictionary and, in fact, doesn't exist. My belief was that editors would let it go, too ashamed that there was a word in the English language that one of their staff was using but which they didn't know. It rarely got past proofreaders and fact checkers, meaning the thousands of examples of it existing throughout literature in fact became a handful. Think ahead Gander.


Q – Where and when was tobacco first discovered and tasted by Europeans?

a. In 1492 on the island of San Salvador in the Bahamas, during Columbus’s expedition to the Indies.
b. Between 1255 and 1262 during Niccolò and Maffeo Polo’s first travels through Asia.
c. In 1488 while Bartholomew Diaz was sailing around the southernmost tip of Africa.
d. In 1246 in Mongolia by John of Pian de Carpine, the first European to enter the court of the Great Khan.

A – 1492 – Two of Columbus's crewmen, Rodrigo de Jerez and Luis de Torres, are said to have encountered tobacco for the first time on the island of San Salvador in the Bahamas. Whilst observing daily life, the natives presented them with dry leaves that were described as “spreading a peculiar fragrance”.

WorkHaving done more work than most ten men — (Alchemy Box # 11), 2009
An alchemy box, appropriating the vessel of a locked Siglo cigar humidifier handcrafted from Macassar Ebony, is exhibited on the floor with its back to a wall. The contents of the box relate to the theme of ‘work ethic and class conflict’. The box is displayed alongside a rub down transfer wall text listing its contents.

Episode – The key to this humidor is on a shelf in my studio, cast into a brick of concrete. Unlike the other alchemy boxes it is therefore impossible to open. I’m always disheartened when people ask me if the contents are really inside them. No one believes I’ve put my credit cards and lottery tickets in them. As if I would lie, as if I would compromise the conceptual rigour and integrity of the work…


Q – Was Absinthe introduced as…

a. An extreme party drink at the Court of Louis XVI in 1776.
b. An all–purpose patent remedy created by Dr. Pierre Ordinaire in Switzerland in 1702.
c. A spiritual drink only available during the Bacchanalia in 200 BC.
d. A plant fertilizer in the XVI century.

A – 1702 – Absinthe is introduced as an all-purpose patent remedy created by Dr. Pierre Ordinaire, a French doctor living in Couvet (CH).

WorkCome up on different streets, they both were streets of shame, or Absinthe blurs my thoughts, I think we should be moving on, 2009
A bronze figurine of a young female ballerina resembling Degas’ dancer stands atop an ultramarine blue cube to peer through the window of the front of the gallery space. Her hands are at the sides of her face, directing her gaze and shading her view from the reflections or shadows. Her abandoned plinth stands in the corner of the gallery.

Episode – Rather embarrassingly, quite a few titles in this series of works are appropriated from lyrics from songs by Dire Straits. I once played the song Romeo and Juliet at Wimbledon School of Art whilst teaching there. To illustrate this point, when the track had finished, the voice of a first year fine art student from out of the darkness, way at the back of the auditorium, spoke “Not cool”.


Q – The raised-dot writing system corresponds to…

a. Military codes invented during WWI that allow the sharing of top-secret information on the battlefield, without speaking.
b. Egyptian hieroglyphs dating from around 1800 to 1900 BC.
c. The system used by prisoners of the Roman Empire to count the passing days.
d. The method widely used by blind people to read and write, invented in 1824.

A – 1824 - Louis Braille finishes inventing his raised-dot writing system at the age of 15.

WorkLike being balanced on the handlebars of a blind man’s bike, 2008
A number of coloured balls in differing sizes are exhibited on the floor of the gallery representing a translation of the Google logo in Braille. On entering the gallery space the spectator can find a fixed position from which all the balls appear to be the same size, giving the work a corrected perspective at one particular location.

Episode – The title originated from something the artist Bedwyr Williams said to me during dinner at his mansion in North Wales. I wrote it down and used it. Some people call that stealing. He used the phrase to explain an untrusting and unfruitful relationship between an artist and a gallerist. I have an image of an artist sitting on a blind gallerist’s handlebars in my mind, that I have not been able to rid myself of since.


Q – Which institution in London was known as “University of the Ghetto”?

a. Whitechapel Library in the late 1800s.
b. Goldsmiths’s College, University of London in the 1980s.
c. Hornsey College of Art in the mid 1800s.
d. The Hunterian Museum – The Royal College of Surgeons of England in the late 1700s.

A – 1892 - Whitechapel Library, London (UK) was founded by the Liberal MP J. Passmore Edwards and quickly garnered a reputation as "the university of the ghetto".


WorkIs this guilt in you too — (Cinema Verso), 2006

A series of institutional corridors lead the spectator to a cavernous deserted space behind the projection screen of a constructed cinema. A soundtrack of what appears to be a film is audible in the distance and although the back of the projection is visible, the image is out of focus and indeterminable. Upon closer inspection, the viewer is able to peer into the vast empty auditorium via a scratched away clear section. From this location the soundtrack to the film is clearly audible, but the projection becomes invisible. The spectator is placed in the position of a blind person, which is the predicament of the lead character in the film Twenty-four seconds elapsed between the first and the last shot, 2006, which is being screened in the cinema.

Episode – During the first incarnation of this work at Les Laboratoires d’Aubervilliers, I was homeless and lived in the back room of the museum for a month. Sadly it was during heavy riots in the area. There is nothing more terrifying than being locked inside a heavily alarmed empty dark museum all night, whilst rioters run across the roof carrying petrol bombs. Since that experience I am skeptical of no fixed abode artists who float from residency to residency. Get an apartment.


Q – Who opened what was to become a fashion empire on the ground floor of the apartment of a famous horse breeder?

a. Giorgio Armani in 1967.
b. Antonio Marras in 1985.
c. Coco Chanel in 1909.
d. Christian Dior in 1920.

A – 1909 - Gabrielle Chanel opened a shop on the ground floor of Etienne Balsan's apartment in Paris – the beginnings of what would later become one of the greatest fashion empires in the world.

WorkInvestigation # 98 — What you don’t know will never hurt you, 2008
Two framed and mounted antique prints. The first, a golden Chanel advert, with a mount that frames the print in five windows, covers a large majority of the text and reveals only the tips of the characters of the text. The second, a German print by Etienne Leopold Trovelot depicts the Zodiacal Light, an astronomical phenomenon that was once considered ‘a false dawn’.

Episode – I have no idea what this work is about. If an idea feels right I make it and call it an investigation and worry about what it means later. The pitfall of being a wildly non signature conceptual artist is that you have no style, you don't know what you are, the only thing holding it all together is meaning, and if there’s no meaning, people don't trust you, so in order to practice, I conduct investigations. It’s like I throw it all in the air and see how it lands. Get out clause.


Q – Who created the ‘Avery Coonley Playhouse: Triptych Window’?

a. Frank Lloyd Wright in 1912.
b. Antoni Plàcid Guillem Gaudí y Cornet in 1888.
c. Jeff Koons in 1993.
d. Marc Chagall in 1962.

A – 1912 - ‘Avery Coonley Playhouse: Triptych Window’ Riverside, Illinois (US) is created by Frank Lloyd Wright.

WorkRemnants of Theo and Piet’s fall from 1924, through the Avery Coonley playhouse window, during a struggle brought on by an argument over the dynamic aspect of the diagonal line, into this white room, 2009
The installation consists of broken stained glass and sections from a lead window across the gallery floor, as if someone had fallen through a window at some speed. The amount and colour of the glass is taken from a reproduction of the centre panel of Frank Lloyd Wright’s 1912 ‘Avery Coonley Playhouse: Triptych Window’, whilst the title refers to a disagreement between Piet Mondrian and Theo van Doesburg in 1924, that led to a split, in the same year, over the relevance of the diagonal line in the construction of their compositions.

Episode – Idiots, Mondrian and Van Doesburg arguing about diagonal lines, it’s not like one of them slept with the other’s wife… I love those feuds in art history. Munari hated Calder because Calder was making Munari’s toys bigger and selling them to museums. These stories are how legacy comes into being.


Q – The Enigma of Isidore Ducasse is...

a. The riddle Gollum asks Bilbo Baggins in J. R. R. Tolkien's The Hobbit.
b. A Ghost Story from Scotland's Clyde Valley.
c. The first and original electro-mechanical rotor machine used for the encryption and decryption of secret messages.
d. A work by Man Ray referring to Comte de Lautréamont’s famous phrase ‘Beautiful as the chance meeting, on a dissecting table, of a sewing machine and an umbrella'.

A – 1920 – Man Ray executes The Riddle or The Enigma of Isidore Ducasse.

WorkThe riddle of Ducasse, meets Longly, meets something I remembered about half way between Iceland and KFC, 2006
Five framed black line drawings made by the artist attempt to represent a blanket thrown over an object — an exercise he would perform as a child, a practice method that he recollected when seeing a drawing of smoke by the artist George Henry Longley.

Episode – Longly is George Henry Longly, a really good artist and friend. We did a show together at Kaufman Gallery in Zurich, years ago. The work has this title because a work George made (a drawing of smoke) reminded me of drawings I used to make as a teenager, where I would throw my duvet in a pile on my bed and try to draw it. Thinking back they were quite advanced, but I don't have any of them anymore, only these five remain. I’ve tried to recreate them but they never look as good as I remember them.


Q – Who designed the Bauhaus chess set?

a. Helene Börner in 1919.
b. Oskar Schlemmer in 1940.
c. Josef Hartwig in 1924.
d. Josef Albers in 1933.

A – 1924 - The Bauhaus chess set was designed by Josef Hartwig in Dessau (DE).

WorkBauhaus Revisited, 2003
A Bauhaus chess set, designed by Josef Hartwig in 1924, is reproduced in blacklisted Zebrawood (Microberlina Brazzavillensis); it comes from the African rainforest.

Episode – A government collection (of an unnamed country) wanted to purchase this work, but they weren’t allowed to acquire any politically incorrect works. The work was made out of blacklisted Zebrawood from the African rainforest. That was the point of the work. The collection asked if it was possible to have it remade in Pine, failing to realise that the meaning was inherent in the politically incorrect materials. I often wonder how a Pine version would have looked – like it was from IKEA perhaps.


Q – What is Alan Smithee?

a. The first American Nouvelle Cuisine Chef.
b. A famous English football player from the 1960s.
c. The pseudonym used by film directors who wish to disown a project.
d. A brand of Australian cookies.

A – 1968 – The pseudonym Alan Smithee is first used by an anonymous film director.

WorkShe walked ahead, leading him through a blizzard of characters, 2008
A two thousand word text written by an anonymous ghostwriter is pasted directly onto the gallery wall, which is immediately afterwards re-plastered. The wall is left the colour of the plaster. The text written by the ghostwriter brings to life the fictional character Alan Smithee, a pseudonym used since 1968 by cinema directors who want to dissociate themselves from a film for which they no longer want credit. The printed text was originally commissioned by the artist Mario Garcia Torres, to be used in the performance I am not a flopper or… (2007), but ultimately unsettled, unpublished and unwanted. The exclusive legal rights to this text belong to the artist.

Episode – Mario Garcia Torres and I are the best of friends, and because of that a lot of people think that the public dispute inherent in the construction of this artwork was created for the purpose of making interesting art. Sometimes we muse on this idea, and when we are out together at openings in Paris or London for example, we frequently discuss whether it would be an apt moment to have a public display of physical violence to enhance the myth. My father has always said, never let the truth get in the way of a good story.


____________________________________________________________________________
Born in 1976, Ryan Gander lives and works in London. His photographs, films, installations, performances, sculptures, and inventions draw on multiple layers of facts and fiction. Censorship, precedence, mimetics, associative methodologies, authorship, ownership, appropriation, participation are only some of the issues tackled by Ryan Gander’s work. He has exhibited widely in museums and galleries throughout the world.





Tutto è iniziato quando Ryan Gander ha spedito ad Ilaria Gianni una Timeline che, partendo dall’800 a.C. e finendo nel 7006 d.C., documenta più di cinquecento dei suoi lavori nell’arco di un periodo di dieci anni – lavori associati ad eventi accaduti nel corso della storia e ad altri che potranno forse accadere. Test yourself è un quiz di storia generica che ci guida all’interno della pratica di Ryan Gander, con una selezione di lavori presi dalla Timeline. Attraverso le parole dell’artista, il gioco riporta episodi, ricordi e storie del passato, svelando i processi concettuali e le idee che fanno da sfondo alla sua opera. Il progetto, la cui grafica è stata disegnata appositamente da Åbäke, studio grafico che ha concepito anche la recente pubblicazione Ryan Gander: Catalogue Raisonnable Vol. 1 (JRP|Ringier, 2010), non presenta alcuna immagine. La partecipazione del lettore è un elemento fondamentale.


D – Quale particolare elemento è menzionato nella Naturalis Historia di Plinio il Vecchio?

a. Gli unicorni sul monte Olimpo.
b. La Cannabis usata come antidolorifico.
c. Gli specchi in vetro con retro in foglia d’oro.
d. Gli occhi di tigre nelle caverne del mediterraneo.

OperaA Future Lorem Ipsum, 2006
Una fotografia in bianco e nero dell’artista che mostra come la parola di sua invenzione, ‘Mitim’, sia un palindromo fisico.

Episodio – La parola Mitim è un po’ un fallimento. L’obiettivo era di introdurre la parola nel mondo come se fosse sempre esistita. Per questo motivo ho provato a mandarla ad editors, giornalisti, scrittori, musicisti, etc. con l’idea che avrebbero potuto usarla nei loro testi, rappresentazioni, articoli, storie e canzoni. Non mi ero reso conto che, quando la parola viene digitata in un qualsiasi programma di scrittura, un’aggressiva e frastagliata linea rossa appare sotto di essa, avvertendo che non fa parte del dizionario, e infatti non esiste. Ero convinto che gli editors l’avrebbero lasciata passare, pur di non ammettere che uno dei loro collaboratori stava usando una parola di cui non conoscevano il significato. Raramente però ha passato il vaglio dei proofreaders e del riscontro fattuale, facendo sì che le migliaia d’esempi che dovevano esserci in letteratura di fatto siano diventati una manciata. Pensaci prima Gander.

R – 0077 – Gli specchi di vetro con retro in foglia d’oro sono menzionati nella Naturalis Historia dell’autore romano Plinio il Vecchio.


D – Dove e quando è stato scoperto per la prima volta il tabacco dagli Europei?

a. Nel 1492 nell’isola di San Salvador nelle Bahamas, durante le spedizioni di Colombo verso le Indie.
b. Tra il 1255 e il 1262 durante il primo viaggio in Asia di Niccolò e Maffeo Polo.
c. Nel 1488 mentre Bartolomeo Diaz navigava intorno alle estreme coste sud dell’Africa.
d. Nel 1246 in Mongolia, ad opera di Giovanni da Pian del Carpine, il primo europeo ad entrare alla corte del Grande Kahn.

OperaHaving done more work than most ten men — (Alchemy Box # 11), 2009
Una scatola alchemica – creata appropriandosi di una scatola umidificante per sigari fatta a mano in ebano macassar – è esibita chiusa sul pavimento, con il retro appoggiato al muro. Il contenuto della scatola è legato al tema ‘etica del lavoro e conflitto di classe’. La scatola è esibita con una scritta in vinile adesivo a muro che ne enuncia il contenuto.

Episodio – La chiave per aprire questa scatola umidificante è su una mensola nel mio studio, incastonata in un cubo di cemento. Diversamente dalle altre scatole alchemiche è quindi impossibile aprirla. Mi scoraggio sempre quando le persone mi chiedono se i contenuti sono realmente lì dentro. Nessuno crede che ci abbia messo le mie carte di credito e i biglietti della lotteria. Come se potessi mentire su una cosa del genere e compromettere il rigore e l’integrità concettuale del lavoro…

R – 1492 – Rodrigo de Jerez e Luis de Torres, appartenenti alla compagnia di Colombo, si dice si siano imbattuti per la prima volta nel tabacco sull’isola di San Salvador alle Bahamas. Mentre osservavano la vita quotidiana, i nativi gli si presentarono con delle foglie secche che furono descritte come “emananti una fragranza peculiare”.


D – L’assenzio fu introdotto come…

a. Un drink estremo per le feste alla corte di Luigi XVI nel 1776.
b. Un rimedio universale creato in Sivzzera nel 1702 dal Dr. Pierre Ordinare.
c. Un drink spirituale disponibile solo durante i Baccanali del 200 a.C.
d. Una pianta fertilizzante del XVI secolo.

OperaCome up on different streets, they both were streets of shame, or Absinth blurs my thoughts, I think we should be moving on, 2009
Una piccola figura di bronzo di una giovane ballerina, che richiama la danzatrice di Degas, posta su un cubo di color blu oltremarino guarda attraverso la finestra frontale dello spazio della galleria. Le sue mani sono ai lati del viso e direzionano il suo sguardo coprendolo da riflessi ed ombre. Il suo piedistallo abbandonato è in piedi nell’angolo della galleria.

Episodio – Non senza imbarazzo, alcuni titoli di questa serie di lavori sono appropriazioni di testi delle canzoni dei Dire Straits. Una volta, durante una lezione alla Wimbledon School of Art, ho mandato il pezzo Romeo and Juliet. Per illustrare questo punto, quando la traccia è finita, una voce proveniente dal fondo dell’aula buia, appartenente ad uno studente del primo anno, disse: “Non ci siamo”.

R – 1702 – L’assenzio venne introdotto come rimedio universale dal Dr. Pierre Ordinaire, un dottore francese residente a Couvet (Svizzera).


D – Il sistema di scrittura a punti in rilievo, inventato nel 1824, corrisponde a…

a. Codici militari che consentono la condivisione di informazioni top-secret nei campi di battaglia, inventati durante la Prima Guerra Mondiale.
b. Geroglifici egiziani scoperti dagli archeologi alla fine del 1700.
c. Il sistema usato dai prigionieri dell’Impero Romano per calcolare il succedersi dei giorni.
d. Il metodo, inventato da Luise Braille nel 1824, ampiamente usato dalle persone cieche per leggere e scrivere.

OperaLike being balanced on the handlebars of a blind man’s bike, 2008
Una serie di palle colorate di grandezze diverse, esposte sul pavimento della galleria, raffigurano il logo di Google tradotto in Braille. Entrando nello spazio espositivo lo spettatore può individuare una posizione precisa da cui tutte le palle sembrano essere della stessa grandezza, dando così al lavoro un unica prospettiva per la corretta visione.

Episodio – Il titolo nasce da ciò che l’artista Bedwyr Wiliams mi disse durante una cena nella sua villa nel nord del Galles. Me lo sono appuntato e l’ho usato. Alcune persone definiscono questo come “rubare”. Lui ha usato quella frase per spiegare un rapporto poco sincero e infruttuoso tra un artista e un gallerista. Ho quest’immagine che non riesco a cancellarmi dalla mente di un artista seduto sul manubrio della bici di un gallerista cieco.

R – 1824 – Louis Braille finisce di inventare il suo sistema di scrittura a rilievo all’età di 15 anni.


D – Quale istituzione londinese è conosciuta come “University of the Ghetto”?

a. La Whitechapel Library alla fine del 1800.
b. Il Goldsmiths College, University of London, negli anni ‘80.
c. L’Hornsey College of Art a metà del 1800.
d. L’ Hunterian Museum – The Royal College of Surgeons of England alla fine del 1700.

OperaIs this guilt in you too — (Cinema Verso), 2006
Una serie di corridoi come quelli presenti nelle scuole conducono lo spettatore in un spazio vuoto e cavernoso posto dietro lo schermo di proiezione di un cinema. La colonna sonora di quello che sembra essere un film è udibile a distanza e anche se il retro della proiezione è visibile, l’immagine è fuori fuoco e poco chiara. Ad una visione più attenta, lo spettatore è in grado di scrutare il grande auditorium vuoto attraverso una sezione che è stata rimossa. Da questa posizione la colonna sonora del film è ben udibile, ma la proiezione diventa invisibile. Lo spettatore si trova nella condizione di un persona non vedente, ovvero quella del personaggio principale nel film Twenty-four seconds elapsed between the first and the last shot (2006), proiettato nel cinema.

Episodio – Durante la prima presentazione di questo lavoro a Les Laboratoires d’Aubervilliers ero senza casa ed ho vissuto nel retro del museo per un mese. Sfortunatamente in quel periodo ci sono stati frequenti e forti scontri in quella zona. Non c’è niente di peggio che essere bloccati tutta la notte dentro un museo deserto, buio e pieno d’allarmi, mentre i rivoltosi corrono sul tetto con le molotov in mano. Da quest’esperienza è nato il mio scetticismo rispetto agli artisti senza fissa dimora che passano da una residenza all’altra. Trovatevi un appartamento.

R – 1892 – La Whitechapel Library, Londra (UK) è stata fondata dal deputato liberale J. Passmore Edwards ed ha rapidamente conseguito la reputazione di “the university of the ghetto”.


D – Chi ha aperto, al pianterreno dell’appartamento di un famoso allevatore di cavalli, quello che sarà poi un impero nel mondo della moda?

a. Giorgio Armani nel 1967
b. Antonio Marras nel 1985
c. Coco Chanel nel 1909
d. Christian Dior nel 1920

OperaInvestigation # 98 – What you don’t know will never hurt you, 2008
Due stampe incorniciate e montate su supporto rigido. La prima, una pubblicità dorata di Chanel, con una montatura che incornicia la stampa in cinque finestre, copre gran parte del testo e ne svela solo delle parti. La seconda, una stampa tedesca di Etienne Leopold Trovelot, raffigura la luce zodiacale, un fenomeno astronomico un tempo considerato una “finta alba”.

Episodio – Non ho idea di cosa tratti realmente questo lavoro. Se un’idea sembra funzionare, la faccio e la chiamo investigazione, e mi preoccupo solo a posteriori di capire cosa possa significare. L’insidia di essere un’artista concettuale “senza firma” è che non hai uno stile, non sai cosa sei, la sola cosa che tiene insieme il tutto è il significato, e se non c’è significato, le persone non si fidano di te, perciò, per poter praticare, faccio delle investigazioni. È come lanciare tutto in aria e vedere come atterra. Clausola di rescissione.

R – 1909 – Gabrielle Chanel apre un negozio al pianterreno dell’appartamento di Etienne Balsan a Parigi – è l’inizio di quello che diverrà poi uno dei più grandi imperi nel mondo della moda internazionale.


D – Chi ha disegnato l’Avery Coonley Playhouse: Triptych Window?

a. Frank Lloyd Wright nel 1912.
b. Antoni Plàcid Guillem Gaudì i Cornet nel 1888.
c. Jeff Koons nel 1993.
d. Marc Chagall nel 1962.

OperaRemnants of Theo and Piet’s fall from 1924, through the Avery Coonley playhouse window, during a struggle brought on by an argument over the dynamic aspect of the diagonal line, into this white room, 2009
L’installazione consiste in una vetrata colorata infranta e in alcuni pezzi della finestra principale posti sul pavimento della galleria, come se qualcuno fosse caduto dalla finestra ad una certa velocità. La quantità e i colori del vetro sono ripresi da una riproduzione del pannello centrale dall’Avery Coonley Playhouse: Triptych Window del 1912, mentre il titolo si riferisce al disaccordo tra Piet Mondrian e Theo van Doesburg risalente al 1924 che portò ad una divergenza, nello stesso anno, sull’idea della rilevanza della linea diagonale nella costruzione delle loro composizioni.

Episodio – Idioti, Mondrian e Van Doesburg che discutono sulle linee diagonali, non è proprio come se uno avesse dormito con la moglie dell’altro... Amo queste faide nella storia dell’arte. Munari odiava Calder perché Calder faceva i giocattoli di Munari più grandi e li vendeva ai musei. Queste storie dimostrano come si generano le eredità.

R – 1912 – L’Avery Coonley Playhouse: Triptych Window a Riverside, Illinois (US) è stata disegnata da Frank Lloyd Wright.


D – L’enigma di Isidore Ducasse è...

a. L’indovinello che Gollum fa a Bilbo Baggins in Lo Hobbitt di J. R. R. Tolkien.
b. Una storia di fantasmi della Clyde Valley in Scozia.
c. La prima e originale macchina elettromeccanica di calcolo vettoriale usata per criptare e decriptare messaggi segreti.
d. Un lavoro di Man Ray che si riferisce alla famosa frase del Conte di Lautréamont “Meraviglioso come l’incontro casuale, su un tavolo anatomico, di una macchina da cucire ed un ombrello”.

OperaThe riddle of Ducasse, meets Longly, meets something I remembered about half way between Iceland and KFC, 2006
Cinque disegni in bianco e nero incorniciati tentano di rappresentare una coperta lanciata su un oggetto – un esercizio che l’artista faceva da bambino, un metodo pratico che si era ricordato vedendo un disegno dell’artista George Henry Longley che raffigurava una nuvola di fumo.

Episodio – Longly è George Henry Longly, un artista molto bravo e un amico. Anni fa abbiamo fatto una mostra insieme alla Kaufmann Gallery di Zurigo. Il lavoro s’intitolava così perchè un lavoro di George (un disegno raffigurante fumo) mi ricordava i disegni che facevo quando ero adolescente, quando buttavo il mio piumino sul letto e provavo a disegnarlo. Ripensandoci ora, quei disegni erano abbastanza avanti, ma non ne possiedo più nessuno, mi sono rimasti solo questi cinque. Ho provato a rifarli, ma non sono così belli come me li ricordavo.

R – 1920 – Man Ray realizza “The Riddle” or “The Enigma of Isidore Ducasse”


D – Chi ha disegnato la scacchiera Bauhaus?
a. Helene Börner nel 1919
b. Oskar Schlemmer nel 1940
c. Josef Hartwig nel 1924
d. Josef Albers nel 1933

OperaBauhaus Revisited, 2003
Una scacchiera Bauhaus, disegnata da Josef Hartwig nel 1924, è riprodotta in Microberlinia Brazzavillensis, che è un legno sulla lista nera; proviene da una foresta pluviale africana.

Episodio – La collezione di un governo (di un paese di cui non farò il nome) voleva comprare questo lavoro, ma non gli era permesso acquistare un lavoro politicamente scorretto. L’opera è stata realizzata con un legno di cui è proibito l’utilizzo, proveniente da una foresta pluviale africana. Questo era il punto del lavoro. La collezione chiese se era possibile rifarlo in pino, non capendo che il significato stava proprio nei materiali politicamente scorretti. Ho pensato spesso a come potrebbe essere la versione in pino – come se fosse la versione Ikea.

R – 1924 – La scacchiera Bauhaus è stata disegnata da Josef Hartwig a Dessau, (DE)


D – Chi è Alan Smithee?

a. Il primo chef di nouvelle cousine americano.
b. Un famoso calciatore inglese degli anni ‘60.
c. Lo pseudonimo usato dai registi che volevano ripudiare un progetto.
d. Una marca di biscotti australiani.

OperaShe walked ahead, leading him through a blizzard of characters, 2008
Un testo di duemila parole scritte da un anonimo ghostwriter è incollato sul muro di una galleria, che subito dopo è stato re-intonacato. Il muro è stato lasciato del colore dello stucco. Il teso scritto dal ghostwriter, riporta in vita il personaggio fittizio Alan Smithee, uno pseudonimo usato fin dal 1968 dai registi per prendere le distanze dai film ai quali non volevano essere associati. Il testo era stato originariamente commissionato dall’artista Mario Garcia Torres per essere usato nella performance I am not a flopper or… (2007), ma di fatto irrisolto, non pubblicato e non voluto. I diritti esclusivi di questo testo appartengono all’artista.

Episodio – Mario Garcia Torres ed io siamo carissimi amici e per questo motivo molte persone pensano che la disputa pubblica sulla realizzazione di questo lavoro sia stata creata al fine di rendere interessante il lavoro. Qualche volta meditiamo su questa idea e quando per esempio ci troviamo insieme a delle inaugurazioni a Parigi o Londra, discutiamo se sia o meno il momento giusto per uno scontro fisico in pubblico, così da rinsaldare un po’ il mito. Mio padre mi ha sempre detto, non lasciare mai che la verità diventi una buona storia.

R – 1968 – Lo pseudonimo Alan Smithee è stato per la prima volta usato da un regista anonimo.


____________________________________________________________________________
Nato nel 1976, Ryan Gander vive e lavora a Londra. Le sue fotografie, film, installazioni, performance, sculture e invenzioni si sviluppano su diversi livelli di realtà e finzione. Censura, precedenza, mimesi, metodologie associative, autorialità, proprietà, appropriazione, partecipazione sono solo alcuni dei temi affrontati dal lavoro di Ryan Gander. Ha esposto in musei e gallerie in tutto il mondo.