TELEPATHIC HOLIDAYS

words & images by carola bonfili

As I listen to a song coming from the other room, against my will, I think it’s called Mandy or Mindy, it’s sort of whistled and the singer complains a lot, then it seems to pick up in a burst of vitality to conclude with some guitars that would be good if they weren’t bad, as I was saying, I’m trying to formulate a thought that’s got something to do with lucidity. Now there’s another song starting, I think the singers are black and probably beautiful, they’re complaining too and they say “baby” a lot, I can’t really understand the lyrics but I think they’re saying “now – my eyes – they’re waiting for you but wait – you – I need your love – but also your cell phone –” and then I don’t understand. I got an email, e-flux, I don’t read them anymore, even though when I signed up for the mailing list it seemed like a great way to stay informed, there, it’s back to the point I was trying to explain about lucidity.
I read a theory of quantum physics somewhere that said more or less that time doesn’t exist. Now I don’t want to go into the reliability not so much of the source as of my memory, which gets a kick out of confusing me once in while (maybe the theory said that time is green, but then one always remembers what one remembers), but as far as I recall, time, according to this theory, is just the moment we’re living. It should be philosophy that talks about something so un-scientific, but I’m sure that in that moment I was reading a physicist and not a philosopher (the preceding post was about telepathy, which is the subject I was actually looking for, summer is long sometimes). In fact, if time is just something that exists so that everyone can get to the station at the same time as the train, why is the concept so important to physics? Now, to avoid looking like a complete idiot (but maybe I’m just making things worse), when I read that sentence I thought it was an absolute truth, which there’ll be a logical explanation for in two thousand years. Or maybe never, since we don’t have enough dimensions to get there, I mean, it’s not our fault. Hence, to go back to the point, lucidity. In every moment of my life I feel like the thing that I’m doing makes complete sense, and that the thing I did three hours earlier is the opposite. It’s not easy to explain this thing about the moment, but I’ll try, at any rate I don’t think I stand a chance of seeming credible anymore, but if nothing else you can use what you’re reading to think of something that has nothing to do with it. So, I was trying to explain how the mind only considers “the now”, the exact moment we’re living, which is also the consequence of everything we’ve lived, but then it seems that lots of things are always there but only occur to us when we least expect it (like when you see a ham and mozzerella pizza and you remember that you’re actually hungry). So, in the exact moment that I formulate the thought it seems to me that I’m completely lucid, at the cost of negating the thought from a minute earlier. (I don’t want to turn to goldfish but something makes me think there’s a subtle link.) Good, at this point the only thing I can think about is that I’m hungry, and who knows if it’s out of need or because of the thought from before, but sometimes it so happens that you’re hungry just because you’re hungry.
(The song was called “Mandy,” I recommend searching youtube for “Family Guy – Barry Manilow”).

I just reread the article in question, I thought it would be fair to reprint an extract so that everyone can make up their own minds about it:

“(…) Inspired by the discoveries of physics and by the ancient teachings, Schródinger arrived at the conviction that the mind could not be separated from the world and put into a box, i.e. the brain. (…) One of the great and eternal dilemmas regarding the nature of the mind is this: why, if there are so many conscious egos, is there only one world perceived by everyone? Why not a different world for every person? (…)
Schródinger gives the following answer: “There is evidently a sole alternative, which is the unification of the minds and of consciousness. Their multiplicity is only apparent: in actuality, there is only one mind.”
(…) Schródinger maintains that there are valid reasons to also believe that this One Mind is immortal. That conclusion is based principally on new conceptions of the nature of time. In modern physics, an external time – a completely objective time in the broadest sense – does not exist. Absolutely nothing shows us that time is the entity conceived in Newton’s vision, and not a single experiment has ever demonstrated that time passes. (…) Quite simply, there is no external, objective world where an external, objective time could exist. In this way, not only are mind and world fundamentally unified in modern physics, but also mind and time. Now, if mind and time are interdependent, the following difficult question arises: how is it conceivable for time to destroy the mind? Schródinger replies that it cannot: “I have come to define [the mind] indestructible, insofar as it possesses its own peculiar temporal dimension: the mind, that is, is always now. No before or after effectively exists for the mind. There is only a now that comprises memories and expectations. We can, I believe, assert that in its present state the theory of physics seems to support the notion of the indestructibility of the mind by time. The fact remains that time no longer appears to us as a gigantic [force], dominating the world, or as an originary entity, but rather as something derived from phenomena themselves. It is a construction of our thought. That such an entity might at any point bring an end to my thought, as some people retain, is beyond my comprehension. Even the ancient myth has Chronos devour his two sons, not his father.”






Mentre ascolto, contro la mia volontà, una canzone che proviene dall’altra stanza, credo si chiami Mandy o Mindy, è un po’ fischiettata e il cantante si lamenta parecchio, poi sembra riprendersi in uno slancio di vitalità per concludere con delle chitarre che sarebbero belle se non fossero brutte, dicevo appunto, sto cercando di formulare un pensiero che abbia a che fare con la lucidità. Ora sta iniziando un’altra canzone, credo le cantanti siano di colore e sicuramente bellissime, anche loro si lamentano un po’ e ripetono spesso “baby”, non riesco a capire il testo, ma secondo me dicono “ora - i miei occhi - ti aspettano ma no aspetta - tu - ho bisogno del tuo amore - ma anche il tuo cellulare - “ e poi non capisco. Mi è arrivata una mail, e-flux, non le leggo più, anche se quando mi sono iscritta alla mailing list mi sembrava un ottimo modo per essere sempre aggiornata, ecco, e torna il punto che cercavo di spiegare prima riguardo alla lucidità.
Leggevo da qualche parte una teoria della fisica quantistica che diceva, più o meno, che il tempo non esiste. Ora, non vorrei approfondire riguardo all’affidabilità non tanto della fonte, quanto della mia memoria che ogni tanto si diverte a confondermi (magari la teoria diceva che il tempo è verde, ma poi uno si ricorda sempre quello che si ricorda), ma da quello che mi ricordo, secondo questa teoria, il tempo è solo l’attimo che stiamo vivendo. Dovrebbe essere la filosofia a parlare di una cosa così poco scientifica, ma sono sicura che in quel momento non stavo leggendo un filosofo, bensì un fisico (il post precedente parlava di telepatia, l’argomento che stavo in realtà cercando, l’estate a volte è lunga). Infatti, se il tempo è solo qualcosa che serve per far arrivare tutti alla stazione nello stesso momento del treno, perché in fisica è un concetto così importante? Ora, per non sembrare completamente idiota (ma forse sto solo peggiorando le cose) quando ho letto quella frase ho pensato che fosse una verità assoluta, di cui tra duemila anni ci sarà una spiegazione logica. O forse mai, perché non abbiamo abbastanza dimensioni per poterlo fare, insomma non è colpa nostra. Quindi, e ritorno al punto, la lucidità. In ogni istante della mia vita mi sembra che la cosa che sto facendo sia assolutamente sensata, e che quella che ho fatto tre ore prima sia l’opposto. Non è semplice spiegare questa cosa dell’attimo, ma ci proverò, tanto ormai non credo di avere nessuna chance per sembrare credibile, al limite utilizza questo che stai leggendo per farti venire in mente qualcos’altro che non c’entra niente. Dunque, cercavo di spiegare come la mente considera solamente “l’adesso”, l’attimo esatto che stiamo vivendo, che poi è anche la conseguenza di tutto quello che abbiamo vissuto, ma poi tante cose sembra che siano sempre lì ma ci vengono in mente nei momenti che meno ti aspetti (tipo quando vedi una pizzetta prosciutto e mozzarella e ti ricordi che in fondo hai fame). Ecco, dunque nel momento esatto che formulo il pensiero mi sembra di essere assolutamente lucida, rinnegando anche quello di un minuto prima. (Non vorrei tirare in ballo i pesci rossi ma qualcosa mi fa pensare che ci sia un sottile nesso). Bene, a questo punto l’unica cosa a cui riesco a pensare è che ho fame, e poi chissà se è per l’insoddisfazione o per il pensiero di prima, ma a volte succede anche che hai fame semplicemente perché hai fame.
(la canzone si chiamava “Mandy”, consiglio di cercare su Youtube “Family Guy - Barry Manilow” )

Ho appena riletto l’articolo in questione, ho pensato che fosse giusto riportarne un estratto così ognuno può farsi la propria idea:

Ispirato dalle scoperte della fisica e dagli antichi insegnamenti, Schrуdinger giunse alla convinzione che la mente non poteva essere separata dal mondo e messa in una scatola, il cervello. 
(…) 
Uno dei grandi ed eterni dilemmi sulla natura della mente и questo: perchй, se ci sono tanti ego coscienti, c’и soltanto un mondo percepito da tutti quanti? Perchй non un mondo diverso per ciascuna persona? (…)
Schrуdinger dа questa risposta: “C’и evidentemente una sola alternativa, vale a dire l’unificazione delle menti o della coscienza. La loro molteplicitа и solo apparente: in realtа esiste una sola mente”.
(…) 
Schrуdinger sostiene che esistono validi motivi per credere anche che questa Mente Una sia immortale. Questa conclusione si basa principalmente su nuove concezioni della natura del tempo. Nella moderna scienza fisica, un tempo esterno, un tempo completamente obiettivo in senso lato, non esiste. Assolutamente nulla ci dimostra che il tempo sia l’entitа rappresentata nella visione di Newton, e non un solo esperimento ha mai dimostrato che il tempo scorra. (…) Semplicemente non esiste un mondo esterno, oggettivo, dove potrebbe esistere un tempo esterno, oggettivo. Cosм, nella fisica moderna non solo mente e mondo vengono sostanzialmente unificati ma anche mente e tempo. 
Ora, se mente e tempo sono interdipendenti, sorge questo difficile quesito: com’и concepibile che il tempo possa distruggere la mente? Schrуdinger risponde che non puт distruggerla: “Io arrivo a definirla [la mente] indistruttibile, poichй possiede una sua peculiare dimensione temporale: la mente, cioи, и sempre adesso. Per la mente non esiste realmente un prima e un dopo. C’и solo un adesso che comprende ricordi e aspettative. Noi possiamo, almeno cosм credo, affermare che allo stadio attuale la teoria fisica sembra nettamente suffragare l’indistruttibilitа della mente da parte del tempo. Resta il fatto che il tempo non ci appare piщ come una [forza] gigantesca, dominante il mondo, nй come un’entitа primaria, ma come qualcosa di derivato dai fenomeni stessi. И una costruzione del nostro pensiero. Che una simile entitа possa un giorno o l’altro mettere fine al mio pensiero, come alcuni ritengono, va oltre la mia comprensione. Perfino l’antico mito fa divorare a Crono soltanto i suoi due figli, non suo padre”.


(estratto da un articolo di Stefano Calamita pubblicato in rete su www.performancetrading.it con il titolo Dimostrazione del Teorema di Bell).


(01/2)