TRADITION

words by Michael Rosenfeld

I recently read an amazing article in The New York Times that brought tears to my eyes. It posed the following question to Italians: tradition or growth? The focus of the story was on Italy’s textile industry, but the main point, which encompasses the entire economy, was how the country’s unions, guilds, and archaic laws have completely stagnated growth and innovation. Italy is run by a small elite class only interested in protecting its own interests and backed by a massive elderly population, terrified of change and longing for the glory days when people with different color skin and customs only came to visit, not stay.

Let’s take a moment to explore a few examples of how tradition in its many forms is interpreted and applied in Italy in today’s terms.

The most nefarious tradition would be the time-honored “scam.” It appears to be a badge of honor or a rite of passage here, akin to obtaining a luxury item, like a Rolex, that shows everybody that you have “arrived.” Not honoring work contracts, secret cell phones for secret lovers, nepotism, mail and packages never being delivered, and rampant overcharging for products and services, are just a few examples that quickly come to mind.

The work experience here is an utter and complete mystery to me. Most people are honest and hard-working (if they can find jobs at all that don’t involve telemarketing) and just want to earn enough to modestly support their family and possibly move out of their parents’ house before the age of forty. But nepotism, age discrimination and the contract system inevitably fuck everything up. My personal experiences with the job market have been surreal at best. I can’t even begin to tell you how many chef positions I have been offered for six euros an hour. That’s right: I said chef, not dishwasher. It also strikes me as strange that not one person has ever asked to see my CV on a job interview. You would think that they would be interested in seeing my past experience and/or what I could possibly contribute to enhance or expand their business. But no, my 25 years of experience don’t really matter because change or improvement is not the goal. My skills and work ethic would be looked down upon by the other workers; improvement would require team effort and dedication to achieve a common goal — and god forbid, nobody wants that. What the fuck?! I’d rather stay home. And why is it that it always takes three months or a lawyer’s involvement to get paid for anything?

The shambled contract system is structured to only hire people for three months at a time or practically forever, with heavy penalties levied on the employer for firing someone. Workers with short contracts feel no reason whatsoever to take a vested interest in the business, and those with long contacts work only the bare minimum because they know that getting rid of them is difficult. This cockamamie system was a “gift to the people” from past governments, a kind of bribe to get votes and stay in power. In America (which has its own but different set of work-related problems), people are hired by merit or experience and, in turn, advance or are fired based on their performance. Waiters, for example, are paid a small, token salary, making the bulk of their earnings come from tips. This encourages fast, efficient, and friendly service, which benefits everyone involved: customer, waiter, and owner.

Food tradition, the beating heart of Italy, is quickly deteriorating as well. I shop almost every day at the Mercato Trionfale (the best market in Rome) and, at 41-years old, am usually the youngest shopper there. You can always spot me as I stick out like a sore thumb in a sea of noble and weathered old women with swollen ankles pulling their shopping carts around. These women are the vanishing food-knowledge repositories of the country, as the masses turn more and more to supermarkets and less and less to fresh markets and alimentary for their daily food needs. All high-school students should be required to shop and cook with one of these old women for a week in order to absorb some of their rich food experience and keep the old and true recipes alive. I’m sorry, but if you can’t make a good basic sugo from scratch, you shouldn’t be able to graduate high school. I’m certainly not opposed to supermarkets, and understand that most families just don’t have the time to go from butcher to alimentari to bakery, but what I can’t grasp is the shitty selection and dubious products that line supermarket shelves. Mozzarella that turns blue. Olive oil with added food coloring. Falsely labeled wines. “Fresh” breads that taste like cardboard. Anemic fruits and vegetables. Go buy a few etti of prosciutto di Parma from your local supermarket and compare it with the real stuff from Franchi on Cola di Rienzo, and you’ll begin to understand the scope of the problem.

But the absolute, hands-down, by far worst contributors to the decay of the Italian cultural food tradition are the restaurants. It’s not that they’re all bad; it’s just that the vast majority are not very good. It’s food without emotion or honest intent. But without condoning this behavior, I do have some insight into how Italy has arrived at this low point in its food history. In Rome, at least, it’s impossible to find an available commercial space to open a restaurant. There are a fixed number of licenses assigned to each zone, and these have been gone for generations (unless you want to open up a place near Fiumicino). This creates a supply-and-demand situation that turns a small amount of licenses into a commodity. The average license costs more than an average Roman apartment, and so, by the time you buy the license, rent the overpriced space, pay the notaio and the lawyers, and finally open the doors, you’re in the hole for between 500,000 to a million euros. So now you’ve just spent your life’s savings and panic sets in as you start to realize that it’s going to take fifteen years, if you’re lucky, to make it back (if ever). Three things start swirling inside your mind: 1) buying the cheapest ingredients, 2) hiring the fewest number of staff for the least amount of money, and 3) lobbying to make sure that the license system never opens up so that, in the future, you might be able to sell yours for a profit instead of seeing it become completely worthless. Restaurant owners have become license speculators instead of people who have a passion that they want to share with the public. The saddest thing of all is that their fellow countrymen, either by lack of choice or lack of knowledge of anything better, patronize these restaurants instead of setting fire to them!

Another problem is that the irrational fear of foreigners and their traditions, coupled with the blind assumption that anything made in Italy is of superior quality, has collectively stunted any inkling of motivation, modernization, or personal curiosity. I find it surprising that the current right-leaning government wouldn’t embrace the basic principles of the free market. Instead they allow laws to be passed that restrict “foreign” eateries in some town centers, and although this affects only a very few extreme areas, it taps into and feeds the undercurrent of confusion of a country at a pivotal crossroads in its history, as well as its fear of either becoming more a part of the spirit of the European Community or foundering into a third-world country.

In any case, the polenta, pasta, rice, tomatoes and potatoes that Italy claims as its own are, in fact, relatively recent additions to their diet, annexed from other places. And not surprisingly, each region’s use and preparation of these borrowed and native ingredients, although basically very similar, is considered to be of a superior quality to that of its neighbors’.

And this is the true root of the problem that holds this magnificent and beautiful country back: the cultural civil war raging over invisible lines on the map. These divisions must be put to rest once and for all.

Throughout Italy’s long and important history, her fortunes and great cultural contributions have always risen in times of need to overcome an obstacle or to achieve a common goal, whether for the sake of conquest, art, religion, philosophy, science, or food. Likewise, Italy has fallen in times of fear, greed, excess, and complacency. Unfortunately, she (and humanity in general) has been heading down the latter road for the better part of the last thirty years. But how did Italy slide so far away from her golden period of the late sixties, when its fashion and design were the envy of the world and Rai TV was both brilliant and progressive?

The ironic twist to all of this is that the pride and (dare I say) stubbornness of its people to change are the very things that have kept Italy’s cultural history intact over the centuries. It is one of the very few western countries not to have been overrun by strip malls, and it has generally protected its own industries and crafts from the influence of global conglomerates and interests. Be that as it may, markets that are truly open to all, free of favoritism to a few, greatly increase creativity, quality and economic growth by allowing a product to rise or fall based on people’s license to choose from a wide assortment of options instead of having to settle on something from a few, small, restricted ones. More options equals more competition, employment, and ultimately more tax revenue for the state.

One could argue endlessly about the good and bad and right and wrong of this country. But one thing is for certain. The different regions, different classes, and different colors must unite to find a way to incorporate this “cultural protectionism” into a new long-term common goal so that Italy and her people can grow and prosper once again.

Viva la revolución! (just kidding maybe)





Ho di recente letto uno splendido articolo sul New York Times che mi ha portato alle lacrime, poneva agli Italiani la domanda: “tradizione o crescita?”. L’argomento si concentrava sull’industria tessile italiana, ma il principale punto, che riguarda l’economia intera, era il modo in cui sindacati, corporazioni e leggi arcaiche, fanno ristagnare crescita ed innovazione, le cui sorti sono controllate da una piccola elite intenta esclusivamente a fare i propri interessi, avallata tacitamente da un’immensa popolazione d’anziani, terrorizzata dal cambiamento e nostalgica dei giorni di gloria, in cui etnie di differenti costumi e colore di pelle venivano solo a visitare senza rimanere.

Prendiamoci un momento per considerare un paio di esempi di come la tradizione, nelle sue multiple forme, viene interpretata ed applicata nell’Italia odierna.

La più nefasta di queste “tradizioni” è la perenne sòla. Sembra sia una medaglia d’onore o un rito d’iniziazione, eguaglia l’ottenere uno status, come avere un Rolex che mostra a tutti che sei arrivato. Non onorare contratti di lavoro, cellulari diversi per amanti diversi, nepotismo, posta e pacchi non recapitati, nonché il surplus che viene caricato sul prezzo di prodotti e servizi, sono tra i primi esempi che vengono a mente.

L’esperienza lavorativa qui in Italia é per me un puro mistero; la maggioranza delle persone sono oneste e lavorano duro, se sono in grado di trovare lavori che non abbiano a che fare con il telemarketing, cercano solo di guadagnare abbastanza per mantenere le proprie famiglie e possibilmente andar via di casa prima di aver compiuto quarant’anni; ma il nepotismo, la discriminazione basata sull’età ed il sistema contrattuale inevitabilmente mandano tutto a puttane.

La mia personale esperienza nel mercato del lavoro è stata a dir poco surreale. Non posso neanche cercare di raccontarvi quante posizioni come chef mi sono state offerte per sei euro all’ora. Esatto, ho detto chef, non lavapiatti. Ho trovato sorprendente il fatto che neanche una persona, durante i colloqui di lavoro, abbia letto il mio Curriculum Vitae; si presume che, per valorizzare o espandere il proprio business, potrebbe essere interessante conoscere quali siano le mie esperienze passate e/o quale potrebbe essere il mio contributo, ma no, i miei 25 anni di esperienza non hanno alcun valore, perché il miglioramento o il cambiamento non sono lo scopo finale.

La mia etica lavorativa e la mia padronanza del mestiere sono disprezzati dagli altri lavoratori: migliorare richiederebbe un lavoro di gruppo ed impegno per ottenere un fine comune e Dio ce ne scampi, nessuno vuole questo. Che cazzo, preferisco starmene a casa!

E per quale motivo ci vogliono tre mesi, o un avvocato, per qualsiasi pagamento?

Lo stato caotico del sistema contrattuale è strutturato in modo che o assumi una persona per tre mesi alla volta o la assumi praticamente fissa, con penali applicate in modo pesante, al datore di lavoro, in caso di licenziamento. Gli impiegati a contratto breve non hanno alcuna ragione di prendere a cuore il proprio lavoro, e chi ha contratti a lunga scadenza lavora il minimo indispensabile perché sa che essere licenziato è difficile. Questo folle sistema è stato un "regalo al popolo” di governi precedenti per assicurarsi voti e restare al potere. In America (che ha i suoi problemi rispetto al mondo del lavoro) le assunzioni avvengono a seconda del merito e dell’esperienza del soggetto, ed è in base alla qualità della prestazione che si determina la carriera o l’eventuale licenziamento.

I camerieri, ad esempio, sono pagati un gettone minimo, e fanno la maggior parte del salario con le mance. Questo incoraggia un servizio veloce, efficiente ed amichevole, di cui beneficiano tutti: cliente, cameriere, datore di lavoro.

La tradizione gastronomica, ovvero il cuore vivo dell’Italia, è in deterioramento. Io faccio la spesa al mercato trionfale (il miglior mercato di Roma) quasi giornalmente, e a 41 anni d’età sono di solito il più giovane tra i clienti. Mi si nota subito, sono visibile quanto un pesce fuor d’acqua, in una folla di nobili ed attempate vecchie signore con le caviglie gonfie che trascinano i carrelli della spesa.

Queste donne, che mantengono intatta la cultura culinaria del paese, sono in estinzione, mentre le masse fanno sempre più uso dei supermarket per la spesa quotidiana e sempre meno dei mercati freschi e degli alimentari. Ad ogni studente di liceo farebbe bene passare una settimana ad aiutare una di queste donne anziane, aiutandole a fare la spesa e cucinare, per far sì che assorbano e tengano vive queste ricche conoscenze culinarie. Mi spiace, ma se non si è in grado di fare un buon sugo da zero, non si dovrebbe passare la maturità.

Certamente non mi oppongo all’uso dei supermercati, e capisco che la maggior parte delle famiglie non ha il tempo di andare dal macellaio, all’alimentari, al fornaio, ma quello che non comprendo è quanto misera sia la selezione e quanti i prodotti “dubbi” esposti negli scaffali.

Mozzarella che diventa blu, olio di oliva con colorante, vini con etichette false, pane “fresco” che sa di cartone, frutta e verdura anemica. Compra un paio d’etti di prosciutto di Parma al supermercato e fai il confronto con quello vero che trovi da Franchi a Via Cola Di Rienzo, così potrai capire l’entità del problema.

Ma soprattutto, il più grande contribuente al decadimento della tradizione culturale culinaria italiana sono i ristoranti. Non sono tutti cattivi, ma la grande maggioranza non è molto buona. È cibo preparato senza emozioni e senza onestà. Senza giustificare questo comportamento, credo di comprendere la dinamica che ha portato l’Italia, o sicuramente almeno Roma, ad un punto così basso nella storia della sua cucina. A Roma è impossibile trovare uno spazio commerciale per aprire un ristorante. C’è un numero fisso di licenze assegnate per ogni zona, le quali sono in pratica prese da generazioni (a meno che tu non sia intenzionato ad aprire un locale nei pressi di Fiumicino). Questo crea una situazione di richiesta che fa delle poche licenze disponibili un bene economico. Una licenza normale costa a Roma più di un appartamento, quindi dopo aver comprato la licenza, affittato uno spazio costosissimo, pagato il notaio e gli avvocati, ti ritrovi ad aprire le porte che sei già in debito per una cifra che si aggira tra i 500.000 ed un milione di euro.

A questo punto realizzi di aver appena investito tutti i risparmi della tua intera vita e ti assale il panico al pensiero che ti ci vorranno almeno quindici anni, se sei fortunato, per recuperarli (se mai). Tre sono le cose che cominciano a girarti per la testa: 1) comprare gli ingredienti meno costosi, 2) assumere meno personale possibile a costo basso e 3) entrare in un’ottica di lobby, per assicurarti che il sistema delle licenze non si apra mai, cosi che in futuro potrai vendere la tua, nella speranza che non perda di valore. I ristoratori sono diventati speculatori delle proprie licenze, invece che persone con una passione per il cibo da condividere con il pubblico.

Un altro problema è la paura irrazionale degli stranieri e delle loro tradizioni, unita alla cieca assunzione che tutto quello che è Made in Italy sia di qualità superiore. Tutto questo ha portato al ristagno collettivo di motivazione, modernizzazione, o curiosità personale. Trovo sorprendente che l’attuale governo tendente alla destra non accolga i principi elementari del mercato libero. Ma che al contrario lascia passare leggi che limitano l’apertura di ristoranti etnici nel centro di alcune cittadine. Al di là del fatto che questo fenomeno affligge solo alcune aree estreme, si ricollega ed alimenta la corrente di paura e confusione in un paese al crocevia fondamentale della propria storia, tra il divenire pienamente parte dello spirito della Comunità Europea o il naufragare e trasformarsi in un paese del terzo mondo.

In ogni caso, la polenta, la pasta, il riso, i pomodori e le patate che l'Italia rivendica orgogliosamente come propri, sono in realtà acquisizioni relativamente recenti da altre parti del mondo. E senza sorpresa, ciascuna regione ritiene di saper trattare questi ingredienti di gran lunga meglio della regione accanto, nonostante non vi siano sostanziali differenze.

È questa la radice del problema che tiene fermo questo magnifico e splendido paese: la guerra civile e culturale che si scatena su linee invisibili tracciate su una mappa. Queste divisioni vanno messe da parte una volta per tutte.

Nella lunga ed importante storia dell’Italia, i suoi beni ed i suoi grandi contributi culturali hanno sempre fatto luce nei momenti di bisogno, per sorpassare un ostacolo o raggiungere un fine comune, che sia stato allo scopo di conquistare o in nome dell’arte, della religione, della filosofia, della scienza o del cibo.

Tuttavia l’Italia è caduta in momenti di paura, sete di potere, eccesso, compiacimento, e sfortunatamente durante gli ultimi trent’anni è stato questo il trend della nazione (e non solo il suo). Ma come ha fatto l’Italia ad allontanarsi così tanto dal periodo d’oro dei tardi anni sessanta, quando il design e la moda erano l’invidia del mondo intero e la RAI era progressista e brillante?

L'ironia in tutto questo è che la fierezza e, mi permetto di dire, la cocciutaggine di questo popolo rispetto al cambiamento sono la cosa che ha tenuto intatta la sua storia culturale nei secoli. E’ uno dei pochi paesi occidentali a non essere stato sopraffatto dai centri commerciali e ad aver in generale protetto la propria industria e i propri prodotti dagli interessi e dall’influenza del mercato globale. Ad ogni modo, i mercati realmente aperti a tutti, senza favoritismi, alzano il tasso di creatività, qualità e crescita economica, permettendo il successo o il crollo di un prodotto in base alla richiesta del pubblico, in grado di scegliere tra una grande varietà di opzioni anziché accontentarsi tra la scelta ristretta di un paio. Più scelta implica più competizione, più reclutamento di forze lavoro ed in conclusione più profitto in tasse per lo Stato.

Si potrebbe discutere senza fine sui beni ed i mali ed il giusto e l’erroneo di questo paese, ma una cosa è certa, le differenti regioni, le differenti classi, i differenti colori devono unirsi e trovare il modo di incorporare questo “protezionismo culturale” in un obbiettivo nuovo, a lungo termine, che permetta all’Italia ed al suo popolo di crescere e prosperare di nuovo.

Viva la revolucion! (sto solo scherzando… forse)