WIKI DIARY pt.1

words and images by Fritz Haeg

I am trying to have my mid-life crisis while living in rome this year. In italian and french they actually refer to the age of 40 (crise des 40 ans) for this reckoning, so it seems I am a year behind schedule. After a long period of increasing activity, obligations and travel related to my work, I have decided to put on the brakes. While away from my Los Angeles home base of the last 11 years and in residence for a year at the American Academy in Rome I am suspending all non-urgent activity.

I want my crisis to be like a year-long deep breath, like making a vacuum that will need to be filled by something you haven’t intended, like getting lost, like a Situationist derive, like waking up every day confused about what you are doing, like questioning everything that you have been assuming, like welcoming that nagging restless feeling when nothing seems right, like knocking everything down to see what is worth rebuilding, like setting everything on fire to see what grows back.

I think Italy in general and Rome in particular is a good place for my existential crisis, this city of time and layers constantly referring back and forth to each other, while carefully and recklessly both destroying and preserving. Living in Venice from the age of 20 to 21, and in a Tuscan farmhouse from 23 to 24, this country has served as the site for some of my previous revelatory periods of doubt and crisis that proved to be pivotal for later directions in my life and work.

It was the uniquely Italian celebration of quotidian life, rather than the spectacle of the great monuments of architecture and art, that I was turned on to. This attention to daily life is what continues to concern my work, and what I am returning for. On January 1st, 2010 I made a New Year’s resolution to start my first real daily dairy. Here I have been marking each day with an image and related sentence. Now almost a year into my diary and three months into my ‘Roman Crisis,’ I would like to share a few of my days with you...


On December 14th, 2010,
SMOKE OVER ROMAN PROTESTS…


...is what I am seeing out my window now, (while watching live video from Corriere della Sera of the dramatic scene on the streets below) as it was just announced that Silvio Berlusconi won the vote of confidence in the lower house, just three votes away from the collapse of his government, while 1,500 police are trying to control an estimated 100,000 now marching in the Roman center calling on Berlusconi to step down – and though it seems impossible to believe that this person is still in power, not knowing any Italian who can stand him, we did talk to a cab driver the other day who thought Silvio was just great – but when asked why he was good for Italy he just shrugged and starting rambling about taxes on taxis.


On December 11th, 2010,
ESPOSIZIONE UNIVERSALE ROMA…


…or EUR, the vast development south of Rome is where we went today in search of some adventures in Fascist Roman architecture – which first fascinated me (to the horror of my Italian classmates and teaching assistants) while working on my thesis project for Aldo Rossi at the IUAV from 1990-91 – and today I was struck by how much the buildings reminded me of Aldo Rossi‘s greatest & earliest works such as the Cataldo Cemetery in Modena (1971) and the more relentlessly austere designs of Giorgio Grassi – but today I was left feeling uncomfortable with our ability to have a purely aesthetic experience with an architecture generated to promote brutal inhuman activity – but hey, we really love that Colosseum built by slaves where hundreds of thousands died torturous deaths to the cheering of an entertained public!


On December 10th, 2010,
LIVE PAUL RUDY MUSIC WITH YOGA…


…today and almost every day at 5pm in my studio has been a revelation (having previously always needed a daily lead yoga class, too bored or distracted to be able to do it on my own, and enjoying the non-verbal community and energy of a group) – as we gather in a circle, starting out together, with basic breathing and stretching exercises, then moving into our own practice, each doing his or her own thing, at times riffing off each other, all the while accompanied and inspired by the rich acoustic environment of Paul’s vocals and handmade sound experiments created by a modest collection of instruments surrounding him on the floor: the pouring of water, the dragging of a drum across the floor, the breathing of a toy accordion…


On December 7th, 2010,
PLASTIC BOTTLE SEED-STARTER COLD-HOUSE WATER-CATCHMENT…


…is a simple little system I have going on the Roman rooftop garden (also known as Edible Estate #9: Rome, Italy) which involves collecting unwanted empty containers (from American Academy residents, who also happen to write their names on their bottles when they leave them in the communal kitchens, which adds a really cute personal kindergarten-like detail to the garden) – and then (a) they are cut in half (b) the cap is placed inside the bottom of the neck to keep the soil in place (c) the ‘top’ half is then filled with soil and planted with seeds (d) the ‘bottom’ is then either used as a cold-cover or base to catch water depending on the weather.



On November 27th, 2010,
JOAN JONAS TALKS AT MAXXI…


…which is the dramatic new Zaha Hadid designed ‘Museum of 21st Century Art’ (surrounded by an unfortunate expanse of endless shadeless tree-free unwelcoming concrete which seems to function mainly as a place from which to view the building) has done much to catalyze the contemporary art scene in Rome despite the structure’s hostility to most of the artistic activities it seeks to present.


On November 22nd, 2010,
LA BELLISSIMA TELEGIORNALISTA ELENA GUARNIERI…


…of TG5 (the flagship news program of the Mediaset empire owned by the ridiculous Silvio Berlusconi who first ascended to the throne of Italian Prime Minister in March 1994 while I was living in a rural Tuscan farmhouse as my exasperated Italian friends were freaking out and agonizing over the future of Italy – though now his days seem numbered?) stars in a 50 second remixed music video by DJ Giorgio Prezioso which I am strangely obsessed with today and can’t stop watching – perhaps due to the mixture of fascination and nostalgia that Italian TV news induces, since I started watching it the first time I moved here 20 years ago to help with my language skills.



On November 19th, 2010,
A RAINBOW OVER THE ROMAN ROOFTOP GARDEN…


…this morning is a welcome punctuation to endless days of November Roman rain.


On November 15th, 2010,
ROME FROM ABOVE…


…is the view that I am enjoying as we prepare to land at the remote Roman airport of Ciampino this morning, especially a view of the suburb Centocelle which developed around the site of the first Italian airport – where Charles Lindbergh payed a visit, Wilbur Wright gave a flying demonstration in 1909, and Hitler met Mussolini in 1938.


On November 10th, 2010,
CORVIALE…


…is a massive Corbusian housing block designed by a team of Italian architects and built in 1972 in the southwestern outskirts of Rome – and I have recently become fascinated by stories of how residents have been gradually customizing and occupying it in unexpected ways – but departing from Fiumicino today I actually flew right over and managed to get a shot – more reports to come as I visit in person in a few weeks.


On November 8th, 2010,
A VENETIAN FRUIT VENDOR…


…in the Venice sestiere of Cannaregio where I lived from 1990-91, was the highlight of my day, involving a visit back to my old street, Calle Riello, only to find that the lady who sold us fruits and vegetables around the corner was still there selling fruits and vegetables – so of course I introduced myself, and of course she didn’t remember me, but she was gracious about it, and even posed for this picture with her friend.


On November 6th, 2010,
A TUSCAN FARMHOUSE…


…at least 500 years old, southeast of Florence, just up the hills of Bagno a Ripoli, right after the tiny village La Fonte is where I lived from 1993-94, and it is where I went today with my old Italian friend who I first met there, Katia, with her energetic six year old son Ottavio in tow, on a pilgrimage of curiosity to see what happened to the place that I think of often, which had such an effect on me, where I lived for a whole year on a few thousand dollars, and took hikes through the fields and farms and groves and meadows eating figs, grapes, and pears picked along the way, and where empty bottles were brought to the farmers downstairs for the fresh and out-the-window-local olive oil and wine we enjoyed, and where we looked down over the olive groves to see the Duomo in the distance over morning espressos while sitting in the window inhaling the first morning smoke of long days of making fires to stay warm – it was a year like a deep breath, or bubble in time, before starting my life of obligations.


On November 5th, 2010,
LETTUCE IN CARTONS…


…is beginning to pop up – obviously enjoying the alternating sunny and rainy weather we have been having – and creating brilliant contrasts between the raw wood crates containing the colorful graphic wrapped cartons with their shiny silver interiors holding the bright spring green shoots.


On November 4th, 2010,
POTATOES GROWING IN BURLAP COFFEE BEAN BAGS IN WOOD FRUIT CRATES…


…is the cute, rustic, and homespun exception to my otherwise ‘trashy’ (in the best sense) garden of exclusively found, salvaged, and recycled goods with all of the plants growing in the random empty containers I have gathered around the Academy – but those potatoes are really looking classy.


On November 3rd, 2010,
WORM COMPOSTING…


…also known as ‘vermicoltura’ around here, is going well up on the Roman rooftop and the little red worms are reproducing quickly, eating their daily kitchen scraps, turning it into fertile worm castings, and all the while smelling just great – ‘che bel profumo!’ we say as we stick our noses in – and their luxury accommodations and deliciously local fresh organic meals have inspired some to identify the bin as the Worm Academy in Rome with hand-picked squirmy fellows in residence for the year.


On November 1st, 2010,
ITALIAN TRAIN STATION GRAFFITI…


…and their welcome colors are something I am admiring on the rails from Chiusi to Roma Trastevere this rainy afternoon.


On October 26th, 2010,
DINNER WITH ALICE WATERS…


...at the American Academy in Rome tonight (over the delightful food prepared in the kitchen she revolutionized, and presided over by the indomitable indefatigable Mona Talbott) was a highlight of autumnal Rome for me, as we sat for 3 hours absorbed in conversation about food, art, gardens, and culture occasionally interrupted by animated stories of people we both love and admire like the brilliant Peter Sellars – who she had to drop everything for in the middle of the meal to have a picture of the two of us taken by her assistant Verun with her iPhone to immediately send to Peter and let him know we were both thinking of him – and at some point in the future I might get my hands on that photo of us smiling in the Academy dining room and post it here, but in the meantime I share with you the image of the plastic row covers installed over the new seedlings in the kitchen garden this morning as the night time temperatures drop towards 45 degrees – but I like the way they look – as if you mean business, like mini radical 1970’s counter-cultural architecture.


On October 24th, 2010,
ROMAN ROOFTOP HOMESTEAD ARRANGEMENT…


…is at version 3.0 with small revisions every day, and now my worm compost bin is outside too, so the worms can get a little fresh air.


On October 17th, 2010,
A ROMAN ROOFTOP HOMESTEAD…


…is what I’ll be gradually making for myself this year, including a kitchen garden, bat and bee estates, worm compost bins, laundry lines, a garden of plants for textile dyes, etc. – but only with materials, containers, seeds, plants, dirt that are found or scavenged – and here is a little preview…


On October 10th,
A WALK ALONG THE ROMAN AQUEDUCTS…


…starting near the storied Cinacittà complex at Anagnina (the last stop of the Metro A Line) and ending near Termini – was a day-long urban hike across some of the more dramatic and unlikely landscapes of the city where ancient Roman ruins rub up against modern housing blocks – and the event was organized in part (by some of the folks from the urban activist collective Stalker) to advocate urban housing rights while memorializing the communities of displaced peoples who had lived within the ancient structures of the aqueducts.


On October 8th, 2010,
VILLA BORGHESE LIGHT SHOW…


…is a mystical presence on the Roman skyline as seen from my window tonight.


On October 7th, 2010,
JOHANN WOLFGANG VON GOETHE’S ITALIAN JOURNEY…


…an account of his hastily planned 1786-87 trip south to escape his humdrum daily obligations in Germany and luxuriate in the Italian culture he had been dreaming about – is what I had the pleasure of reading while making a much speedier trip south yesterday, flying from Schiphol to Fiumicino in about 2 hours, where we saw a mysterious bonfire by the tarmac after a sunset touchdown.


On September 27th, 2010,
DROGHERIA INNOCENZI…


…(aka F.lli Innocenzi Giancarlo e Giovanni S.N.C.) just down the hill at 66 Piazza San Cosimato in Trastevere, has been around and almost unchanged since 1948 and is one of my new favorite stores of all time, having just stumbled in this morning, feeling like I could spend forever just looking around, immediately overwhelmed by the exciting combination of old-school classic Italian goods (coffees, spices, candies, oils, grains…), very new and progressive ‘biologico’ gluten-free goods (spelt, local jams, breads…), and exotic imports (syrup, sushi goods, peanut butter…), all beautifully presented in hand-made mom and pop fashion – and I haven’t even mentioned the beautiful ‘drogheria’ smocks that the gracious staff wear.


On September 26th, 2010,
PIAZZA SANT’IGNAZIO…


…formed by a Baroque confection of buildings designed by Filippo Raguzzini from 1727-1728, is one of my favorite outdoor spaces in Rome – and my best experiences of it are always unplanned surprises, where I just happen upon it – which is what happened today.


On September 25th, 2010,
DAILY COMMUNAL LUNCH AT THE ACADEMY…


…is the biggest pleasure of the day (next to dinner), where everyone lines up at a serving table laden with the local, seasonal, organic, gorgeous creations by the Rome Sustainable Food Project kitchen at the Academy, and then sit down at one endless table in the cortile for conversation over some of the best meals I have ever had – featuring lots of Roman beans, vegetables, and fruits that are even satisfying this vegan.


On September 21st, 2010, OH,
JUST ANOTHER SUNRISE OVER ROME…


…as viewed from my studio window overlooking the city this morning – and I think it’s hard not to be fired up for the day with a spectacle like this greeting you.


On September 19th, 2010,
GIOVANNI BERNABEI…


…is the farmer just outside of Rome – who supplies most of the fresh, local, seasonal, and organic produce to chef Mona Talbott at the American Academy in Rome (they have a picture of him up on the wall in the kitchen) – and this morning Mona introduced me to him at his stand at the first market of the season in Testaccio – and I hear that he will take me in as part of the family when I start to go up there and spend time on his farm.


On September 18th, 2010,
STUDIO 309…


…on the top floor of the main building (designed by one of the primary founders of the Academy, Charles Follen McKim of McKim Mead and White) of the American Academy in Rome is where I have been fortunately placed for the year, with a big terrace to the side, and panoramic view of Rome from our vantage point above Trastevere and on top of the Gianicolo – and I’m just getting settled – while thinking about starting a Roman homestead up here.


On September 16th, 2010,
THE FRENCH ACADEMY’S VILLA MEDICI…


…is one of my favorite places in Rome – where I’m lucky to have some French friends of friends in residence who I can go visit – and today I was treated to a tour of the gardens by one of the French fellows, a landscape historian who took us to the 20m high artificial mound known as Mt. Parnassus, and then deep underground into the chambers beneath it – an academic interpretation of which was provided in great detail – in French – so I left with only a general sense of his insights, which was fine & a bit more mysterious.


On September 9th, 2010,
THE AMERICAN ACADEMY IN ROME VEGETABLE BEDS…


…were established as part of the new Rome Sustainable Food Project spearheaded by Alice Waters (in beds originally created for cut flowers in the Bass Garden behind the Academy) have been on my mind since I first found out that I would be coming here a few months ago – and I am finally here and looking forward to helping out the gardeners on Wednesday mornings to learn what I can about growing food in this climate – but we will be starting by pulling out the summer crops, spreading some compost, and planting seeds for the Fall and Summer.


On September 7th, 2010,
AMERICAN ACADEMY IN ROME…


…is where I have finally arrived in a daze – showing up at the doorstep at 8am from Fiumicino, being handed an envelope with my keys and basic information by Luca at the front gate, getting some help with my two modest suitcases up to see my apartment and studio on the 4th floor, and then to the window…and though I’m not yet sure what I will be doing here for the next year – I want to give myself the space and freedom to do what I need to do – but I think I’ll start by doing lots of walking, and reading, and gardening, and talking to lots of Romans about their city, and history, and gardens, and streets, and food.


On September 6th, 2010,
ON MY WAY TO ROME…


….through that horrible place known as ATL and can’t wait to get to the other side.




____________________________________________________________________________
Fritz Haeg (1969) was trained as an architect, but his current work spans a range of disciplines and media including gardens, dance, performance, design, installation, ecology and architecture, most of which is commissioned and presented by art museums and institutions. His work often involves collaboration with other individuals and site specific projects that respond to particular places.







Sto cercando di attraversare la mia crisi di mezz’età nel corso di quest’anno, vivendo a Roma. Di fatto, in italiano e in francese, ci si riferisce all’età di quaranta anni (crise des 40 ans) per questo conteggio, sembra quindi che io sia indietro di un anno. Dopo un lungo periodo di attività crescente, di obblighi e viaggi di lavoro, ho deciso di frenare un attimo. Lontano da Los Angeles, la base in cui sono stato negli ultimi undici anni, ho deciso di sospendere tutte le attività non urgenti per la durata della mia residenza di un anno all’Accademia Americana di Roma.

Voglio che questa mia crisi sia un respiro profondo lungo un anno, quasi a creare un vuoto che chiederà poi d’essere riempito con qualcosa che non era previsto, un po’ come perdersi, come una deriva situazionista, come svegliarsi ogni giorno senza avere chiaro ciò che si sta facendo, come mettere in questione tutto ciò in cui ho creduto, come dare il benvenuto a quel sentimento d’ansia e spavento di quando niente sembra andare per il verso giusto, come distruggere tutto, per vedere cosa vale la pena di ricostruire, come dare fuoco a tutto e vedere cosa ricresce.

Penso che l’Italia in generale, e Roma in particolare, sia un buon luogo per la mia crisi esistenziale; questa città del tempo e degli strati che fanno costantemente riferimento uno all’altro, avanti e indietro, che distruggono e conservano con attenzione ed imprudenza. Avendo vissuto a Venezia dai venti fino ai ventuno anni, e poi in un casale toscano dai ventitré ai ventiquattro, questo paese è stato il luogo in cui ho vissuto alcuni periodi pieni di dubbi e crisi, poi successivamente rivelatisi cruciali nell’indirizzare la mia vita ed il mio lavoro.

Più che lo spettacolo dato dai grandi monumenti architettonici ed artistici, a farmi effetto era l’unicità della celebrazione della vita quotidiana. Questa attenzione alla vita d’ogni giorno è cio che continua ad interessare il mio lavoro, ed è il motivo che mi porta a tornare qui di continuo. Il primo gennaio 2010 mi sono promesso che, per l’anno nuovo, avrei cominciato il mio primo vero diario. Ho riempito ogni pagina con un’immagine e una relativa frase. Ora, quasi ad un anno dall’esordio del mio diario, e a tre mesi di ‘crisi romana’, vorrei condividere con voi alcune delle mie giornate...

14 dicembre 2010,
IL FUMO DELLE PROTESTE ROMANE…


...è ciò che vedo fuori dalla mia finestra in questo momento, (mentre guardo, sul sito del Corriere della Sera, il video delle drammatiche scene nelle strade qui sotto) è appena giunta la notizia che Silvio Berlusconi ha ottenuto il voto di fiducia in Parlamento, a soli tre voti dal collasso del suo governo; 1,500 poliziotti cercano di controllare circa centomila persone in marcia che chiedono a Berlusconi di dimettersi – l’altro giorno, anche se sembra impossibile credere che sia ancora in carica visto che non conosco nessun italiano che lo sopporti, ho parlato con un tassista che considerava Silvio un grande – ma alla domanda sul perché fosse una cosa buona per l’Italia, ha scrollato le spalle e ha cominciato a divagare, mormorando qualcosa sulle tasse sui taxi.

11 dicembre 2010,
ESPOSIZIONE UNIVERSALE ROMA…


...o EUR, la vasta area urbana a sud di Roma, è il posto in cui ci siamo avventurati oggi in cerca dell’architettura romana fascista – che mi colpì molto la prima volta, quando lavoravo al mio progetto di tesi su Aldo Rossi allo IUAV nel 1990-91 (destando in questo modo l’orrore dei miei colleghi italiani e degli assistenti dei professori) – e oggi mi sono reso conto di quanti palazzi ricordano le prime e più grandi opere di Aldo Rossi, come il Cimitero Cataldo a Modena (1971), o i disegni più inesorabili e austeri di Giorgio Grassi – ma questa volta ho avuto anche dei dubbi sulla possibilità di avere un’esperienza puramente estetica rispetto ad un’architettura creata per promuovere attività disumane e brutali – però dai, amiamo tanto quel Colosseo costruito dagli schiavi, in cui centinaia di migliaia di persone sono morte in agonia, con il pubblico che urlava divertito.

10 dicembre 2010,

LIVE MUSICALE DI PAUL RUDY CON LEZIONE DI YOGA…


...oggi, come quasi ogni giorno alle ore 17, c’è stata una rivelazione nel mio studio (ho sempre avuto bisogno della lezione di yoga quotidiana, ma sono troppo annoiato o distratto per farla da solo, e amo la comunicazione non-verbale e l’energia che si crea nel gruppo) – ci mettiamo in cerchio, cominciamo insieme con gli esercizi di base di respiro e stretching, poi passiamo alle pratiche personali, facendo ognuno la sua cosa, a volte copiando l’uno dall’altro, accompagnati e ispirati dal ricco ambiente acustico disegnato dalla voce di Paul e dai suoi esperimenti sonori fatti in casa, tirati fuori da una piccola collezione di strumenti che lo circondano sul pavimento: versare dell’acqua, trascinare un tamburo sul pavimento, il suono di una fisarmonica-giocattolo...

7 dicembre 2010,
BOTTIGLIE IN PLASTICA RACCOGLI-ACQUA E PROTEGGI-FREDDO PER GERMOGLI…


... è un sistemino semplice che uso sulla mia terrazza a Roma (noto anche come Immobile Commestibile #9: Roma, Italia), basato sulla collezione di contenitori vuoti (presi dai rifiuti dei residenti dell’Accademia Americana, che di solito scrivono i propri nomi sulle bottiglie nelle cucine comuni, il ché aggiunge al giardino un simpatico dettaglio personale da asilo nido) – e poi: (a) vengono tagliate a metà (b) il coperchio viene collocato dentro il fondo della bottiglia per tenere ferma la terra (c) il ‘sopra’ viene riempito con della terra e piantato con semi (d) il ‘sotto’ viene utilizzato come copertura dal freddo o come base per raccogliere acqua, a seconda del tempo.

27 novembre 2010,
JOAN JONAS PARLA AL MAXXI…


...che è il nuovo, drammatico “Museo Nazionale delle Arti del Ventunesimo Secolo” di Zaha Hadid (circondato da una sfortunata estensione di cemento ostile, senza ombra e senza alberi, che sembra avere fondamentalmente la funzione di luogo dal quale guardare l’edificio) che ha agito come catalizzatore per la scena d’arte contemporanea a Roma, nonostante l’ostilità della struttura nei confronti di gran parte delle attività artistiche che cerca di presentare.

22 novembre 2010,
LA BELLISSIMA TELEGIORNALISTA ELENA GUARNIERI…


...del TG5 (il telegiornale fiore all’occhiello dell’impero Mediaset, appartenente al ridicolo Silvio Berlusconi, salito per la prima volta sul trono di Primo Ministro nel 1994, proprio mentre vivevo in un casale rurale toscano con i miei amici italiani che, esasperati, andavano su tutte le furie, facendo previsioni catastrofiche sul futuro dell’Italia – anche se ora come ora i suoi giorni sembrerebbero contati) è la protagonista del nuovo video-remix musicale da 50 secondi di DJ Giorgio Prezioso, che oggi mi ha stranamente ossessionato, non riesco a smettere di guardarlo – forse per via della combinazione di fascino e nostalgia che il telegiornale italiano ha su di me, visto che lo guardavo spesso quando avevo vent’anni, per migliorare il mio italiano.

19 novembre 2010,
UN ARCOBALENO SOPRA IL GIARDINO DELLA TERRAZZA ROMANA…


...questa mattina è un segno d’interpunzione agli infiniti giorni di pioggia di novembre.

15 novembre 2010,
ROMA DA SOPRA…


...è il panorama che mi godo mentre ci prepariamo per atterrare all’aeroporto di Ciampino, in particolare la vista del sobborgo di Centocelle, sviluppato intorno al sito del primo aeroporto italiano – dove Charles Lindbergh fece visita, Wilbur Wright diede una dimostrazione aerea nel 1909, e dove Hitler incontrò Mussolini nel 1938.

10 novembre 2010,
CORVIALE…


...è un immenso edificio abitativo corbusiano, progettato da un gruppo d’architetti italiani e costruito nel 1972 nella periferia a sud-ovest di Roma – recentemente ho saputo di storie molto affascinanti legate agli abitanti che, gradualmente, lo stanno occupando e personalizzando in modi inaspettati – partendo da Fiumicino oggi l’ho sorvolato e sono riuscito a scattargli una foto – maggiori approfondimenti quando lo avrò visitato di persona tra qualche settimana.

8 novembre 2010,
IL FRUTTIVENDOLO
VENEZIANO…


...nel sestiere veneziano di Cannareggio, dove ho vissuto dal 1990 al 1991, è stato il punto saliente della mia giornata, durante la quale ho fatto anche una visita alla via in cui, Calle Riello, dove con mio grande stupore ho visto che la signora che ci vendeva la frutta e la verdura era ancora lì dietro l’angolo, a vendere frutta e verdura – quindi mi sono presentato, ovviamente lei non si ricordava di me, ma è stata molto cortese, e si è messa perfino in posa con la sua amica per questa foto.

6 novembre 2010,
UN CASALE TOSCANO…


...vecchio almeno di cinquecento anni, a sud-est di Firenze, proprio sopra la collina di Bagno a Ripoli, appena dopo il minuscolo villaggio La Fonte, è il luogo in cui ho vissuto dal ’93 al ’94, ed è dove sono stato oggi con la mia storica amica italiana, Katia, che ho conosciuto qui per la prima volta, insieme al suo energico figlio Ottavio, in un pellegrinaggio dovuto alla curiosità di sapere cos’era successo a quel posto a cui penso spesso; un posto che ebbe su di me un effetto fortissimo, dove ho vissuto per un anno intero con qualche migliaio di dollari, facendo escursioni nei campi, nelle fattorie, nei boschetti e nei prati, mangiando fichi, uva e pere raccolti strada facendo, dove le bottiglie vuote venivano portate al fattore al piano di sotto per l’olio d’oliva fresco e per il vino novello che ci godevamo; dal quale guardavamo oltre gli ulivi per vedere il Duomo a distanza, mentre prendevamo il nostro caffè mattutino, seduti alla finestra, aspirando il fumo della prima sigaretta di lunghe giornate, durante le quali usavamo il fuoco per scaldarci – è stato un anno simile ad un lungo respiro. Come una bollicina nel tempo, prima di cominciare la mia vita fatta di obblighi.

5 novembre 2010,
LA LATTUGA NEI CARTONI…


...comincia a spuntare – grazie al tempo che ultimamente si alterna tra sole e pioggia – e crea brillanti contrasti tra le casse di legno grezzo, contenenti i cartoni avvolti da grafiche colorate, e la parte interiore argentata con i germogli di un verde vivace.

4 novembre 2010,
LE PATATE CHE CRESCONO NELLE BUSTE DI IUTA DA CAFFÈ E DENTRO I CASSONI DI LEGNO DA FRUTTA…


...sono la simpatica, rustica e semplice eccezione nel mio giardino ‘trashy’ (nel senso migliore del termine), costituito esclusivamente di materiale trovato, recuperato e riciclato, con tutte le piante che crescono a casaccio nei contenitori vuoti raccolti in giro per l’Accademia – quelle patate però sembrano veramente chic.

3 novembre 2010,
IL COMPOST DI VERMI…


...noto anche come ‘vermicoltura’, sta andando bene sul mio terrazzo romano, e i vermicelli rossi si stanno riproducendo velocemente, mangiando i quotidiani rimasugli della cucina, trasformandoli in letame; nonostante tutto continuano ad avere un fantastico profumo – ‘che buon odore!’ diciamo mentre ci ficchiamo i nasi dentro. I loro alloggi lussuosi e i loro freschi pasti organici hanno portato qualcuno a definire il cestino l’Accademia dei Vermi di Roma, con dei tizietti striscianti come residenti.

1 novembre 2010,
I GRAFFITI NELLE STAZIONI FERROVIARIE ITALIANE…


...e i loro colori che accolgono il mio arrivo, li ammiro sui binari tornando da Chiusi a Roma Trastevere, in questo pomeriggio di pioggia.

26 ottobre 2010,
LA CENA CON ALICE WATERS…


...all’Accademia Americana di Roma, stasera (con il cibo delizioso preparato nella cucina che lei stessa ha rivoluzionato, presieduta dall’indomabile e infaticabile Mona Talbott) è stato per me uno dei momenti salienti di questo autunno romano, siamo stati seduti per tre ore assorti in conversazioni sul cibo, sull’arte, sui giardini e sulla cultura, occasionalmente interrotte da storie su persone che entrambi amiamo e ammiriamo, come ad esempio il brillante Peter Sellars – per il quale ha dovuto mollare tutto nel bel mezzo della cena, chiedendo all’assistente Verun di farci una foto per mandarla subito a Peter e fargli capire che entrambi stavamo pensando a lui – può darsi che ad un certo punto nel futuro mi capiterà tra le mani questa foto che ci ritrae sorridenti nel salotto dell’Accademia, e in tal caso la metterò qui, nel frattempo però condivido con voi l’immagine delle file di coperture di plastica istallate stamattina sui semi nel giardino della cucina, visto che le temperature di notte scendono intorno ai 7 gradi – mi piace il loro aspetto – sembra roba seria, tipo mini architettura radicale della controcultura anni sessanta.

24 ottobre 2010,
LA SISTEMAZIONE DEL PICCOLO PODERE SULLA TERRAZZA ROMANA…


...è alla versione 3.0, con piccoli ritocchi quotidiani, e ora il mio cestino col compost di vermi è stato messo all’esterno, per far prendere una boccata d’aria ai vermi.

17 ottobre 2010,
UN PICCOLO PODERE SULLA TERRAZZA ROMANA…


...è ciò che costruirò gradualmente quest’anno, incluso un giardino da cucina, degli alloggi per pipistrelli e api, dei cestini per il compost di vermi, i cavi per il bucato, un giardino di piante per tinte da tessuti, etc. – ma solo con materie, contenitori, semi, piante, sporcizia che avrò trovato tra i rifiuti – ecco una piccola anteprima...

10 ottobre 2010,
UNA PASSEGGIATA LUNGO GLI ACQUEDOTTI ROMANI…


...partendo dallo storico complesso di Cinecittà ad Anagnina (l’ultima fermata della Linea Metro A) e finendo nei pressi di Termini – è stata una lunga giornata d’escursione urbana attraverso alcuni dei più drammatici ed insoliti paesaggi della città, dove le rovine della Roma antica si mischiano a gruppi di alloggiamenti contadini – e l’evento (organizzato da alcuni elementi del collettivo di attivisti urbani Stalker) era in parte a sostegno dei diritti di alloggiamento urbano e in parte una commemorazione delle comunità di sfollati che vivevano nelle antiche strutture degli acquedotti.

8 ottobre 2010,
LO SPETTACOLO DI LUCI A VILLA BORGHESE…


...visto dalla mia finestra stasera è una presenza mistica sull’orizzonte romano.

7 ottobre 2010,
IL VIAGGIO IN ITALIA DI JOHANN WOLFGANG VON GOETHE…


...un resoconto del suo viaggio verso sud, pianificato frettolosamente nel 1786-87 per sfuggire dalla monotonia dei suoi obblighi quotidiani in Germania e vivere ed assaporare la cultura italiana che tanto aveva sognato – è ciò che ho avuto il piacere di leggere ieri mentre ero in viaggio verso sud, volando da Schilphol a Fiumicino in due ore, dal quale ho avvistato un misterioso falò vicino alla pista dopo un atterraggio al tramonto.

27 settembre 2010,
LA DROGHERIA INNOCENZI…


...(aka F.lli Innocenzi Giancarlo e Giovanni S.N.C.) appena sotto la collina, al numero civico 66 a Piazza San Cosimato a Trastevere. Fondata nel 1948 e rimasta praticamente immutata, è una delle mie botteghe preferite di sempre. Mi ci sono imbattuto stamattina e so che potrei passarci dentro il resto della mia vita guardandomi intorno, mi sono immediatamente commosso per l’emozionante combinazione di prodotti italiani classici old-school (caffè, spezie, dolcetti, olio, cereali...), nuovissimi prodotti biologici “progressive” senza glutine (farro, marmellate locali, pane...), e merce esotica importata (sciroppi, prodotti per il sushi, burro di arachidi...) tutto presentato meravigliosamente, tra il fatto-in-casa dalla mamma e il pop fashion – e non ho ancora accennato al bellissimo grembiule che porta il gradevole personale.

26 settembre 2010,
PIAZZA SANT’IGNAZIO…


...formata da un insieme di palazzi concepiti da Filippo Raguzzini tra il 1727 e il 1728, è uno dei miei luoghi preferiti a Roma – di solito le mie esperienze migliori sono delle sorprese, semplicemente ci capito – che è quello che mi è accaduto anche oggi.

25 settembre 2010,
IL QUOTIDIANO PRANZO COLLETTIVO ALL’ACCADEMIA…


...è il più grande piacere della giornata (insieme alla cena), fanno tutti la fila al tavolo del buffet, pieno di meravigliose creazioni stagionali ed organiche ad opera della cucina Rome Sustainable Food Project all’Accademia, e poi siedono tutti di fronte ad un unico immenso tavolo, nel cortile, per chiacchierare davanti ai pasti, alcuni dei quali sono tra i migliori che io abbia mai provato – protagonisti sono i legumi, le verdure a la frutta, tutto romano, e soddisfano persino il sottoscritto vegano.

21 settembre 2010,
OH, SOLO UN’ALTRA ALBA SOPRA ROMA…


...vista questa mattina dalla finestra del mio studio – e credo sia impossibile non rimanere pieni di entusiasmo per il resto della giornata quando, come primo buongiorno, si ha di fronte uno spettacolo del genere.

19 settembre 2010,
GIOVANNI BERNABEI…


...è il contadino che vive appena fuori Roma – fornisce la maggior parte dei prodotti locali, stagionali ed organici, alla chef Mona Talbott dell’Accademia Americana a Roma (hanno una foto del contadino sul muro della cucina) – e questa mattina Mona me l’ha presentato davanti alla sua bancarella durante il primo mercato stagionale a Testaccio – dice che quando deciderò di andare da lui a passare del tempo in fattoria, mi accoglierà come un membro della famiglia.

18 settembre 2010,
LO STUDIO 309…


...all’ultimo piano del palazzo centrale dell’Accademia Americana a Roma (progettato da uno dei membri fondatori dell’Accademia, Charles Follen McKim di McKim and White) è il luogo dove sono stato felicemente collocato per quest’anno, ha una grande terrazza sul lato e la vista panoramica su Roma, dal privilegiato punto di vista che svetta sopra Trastevere e il Gianicolo – mi sto appena cominciando a sistemare – mentre penso all’eventualità di costruirmi un piccolo podere romano qui sopra.

16 settembre 2010,
VILLA MEDICI DELL’ACCADEMIA FRANCESE…


...è uno dei miei posti preferiti a Roma – ho la fortuna di avere alcuni amici di amici francesi in residenza – e oggi uno di loro, uno storico del paesaggio, mi ha portato a fare un tour dei giardini, sul monte artificiale di 20 metri noto come Mt. Parnassus, e poi giù in fondo fino alle camere sotterranee – la sua interpretazione accademica è stata molto dettalgiata, ma in francese – per cui sono andato via solo con una generica impressione della sua visione, il che andava pure bene, ha anzi creato un certo senso di mistero.

9 settembre 2010,
GLI ORTI DELL’ACCADEMIA AMERICANA DI ROMA …


…sono stati creati come parte del Rome Sustainable Food Project, guidato da Alice Waters (in letti originariamente creati per fiori da taglio nel Bass Garden dietro l’Accademia); ce l’ho in mente da quando qualche mese fa ho deciso di venire – e ora mi ritrovo qui, impaziente di aiutare i giardinieri il mercoledì mattina per imparare il più possibile su come si crescono gli ortaggi in questo clima – ma credo che inizieremo tirando via gli sterpi dell’estate, spargendo del compost e piantando semi per l’autunno e l’estate.

7 settembre 2010,
L’ACCADEMIA AMERICANA DI ROMA…


...è il posto dove sono arrivato stordito, alle 8:00 del mattino, da Fiumicino, con in mano una busta con le chiavi e alcune informazioni di base ricevute da Luca, il guardiano all’entrata – che mi ha dato anche una mano a portare su le mie due modeste valigie – per poi vedere il mio appartamento e il mio studio al quarto piano, e poi la finestra... e nonostante non sia ancora sicuro di ciò che farò per il resto dell’anno – voglio concedermi lo spazio e la libertà di fare ciò che ho bisogno di fare – penso che comincerò con molte camminate, e letture, e giardinaggio, e parlando con molti romani della loro città, della loro storia, dei loro giardini, del loro cibo.

6 settembre 2010,
SULLA VIA PER ROMA…


...attraverso quel luogo orribile che porta il nome di ATL (Hartsfield-Jackson Atlanta International Airport), non vedo l’ora di arrivare dall’altra parte.



____________________________________________________________________________
Fritz Haeg (1969) ha studiato come architetto, ma il suo lavoro si muove oggi attraverso varie discipline e diversi media, tra cui il giardinaggio, la danza, la performance, il design, le installazioni, l’ecologia e l’architettura. La maggior parte dei suoi progetti è commissionata e presentata da musei ed istituzioni d’arte. Il suo lavoro prevede spesso la partecipazione di altre persone in progetti che si adattano a luoghi e situazioni particolari.


(01/31)