RAINFOREST#14: SALEM/Tanlines – 7 inch split

1

2

3

41

FADER/Southern Comfort, 2009

Babydaddy by Salem

S.A.W. by Tanlines

(fdf)

Cemetery Gates: Andrew Bird

Il natale, la vicinanza al cimitero, il fegato appesantito, le vetrate delle chiese mi fanno credere di più alla reincarnazione. In questa clip estratta da pitchforkTv Andrew Bird sembra e suona come Arthur Russell. Ed è tutt’altro che un’imitazione. (lmg)

tumblr

Devendra Banhart has cut his beard! Los Angeles.

Photo Aya Tanizaki (via Purple Diary)

Netmage compie 10 anni

Il 21 Gennaio si celebra un compleanno importante. Netmage, uno dei più sofisticati festival di live-media, compie 10 anni. Ma il festeggiamento non sarà autocelebrativo. Nessuna compilation dei migliori delle passate edizioni, ma un voler guardare al futuro con la volontà di esporre un processo e non un risultato. Ecco la lista degli invitati: Rachida Ziani/Dewi de Vree (NL/F), Francesco Cavaliere/Marcel Türkowsky (I/D), Harappian Night Recordings (UK), The Hunter Gracchus (UK), Lee Hangjun/Hong Chulki (KR), My Cat Is An Alien (I), Ectoplasm Girls (S), The Magic State (S), Be Maledetto Now (I), Richard Lainhart (USA), Cluster (D), Canedicoda (I), Nassa (Nadow Assor/Surabhi Saraf) (USA), Andrê Gonçalves (P), Es (Fin), Margareth Kammerer/Andrea Belfi/Stefano Pilia/Daniela Cattivelli/Michaela Grill (I/D/A), Carlos Casas (E), Vincent Dupont (F), Nana April Jun (S), Aaron Dilloway (USA).

L’immagine coordinata, quest’anno, è di Carlos Casas. In anteprima vi presentiamo un estratto dal suo nuovo lavoro.

Krautrock – The Rebirth of Germany

Dopo il meraviglioso Synth Britannia, la BBC sforna un altro documentario imperdibile: Krautrock – The Rebirth of Germany.
C’è poco da dire. Il livello qualitativo è così alto che prodotti del genere nella televisione italiana non li vedi nemmeno sotto gli effetti degli acidi. E’ come paragonare Herzog a Minoli. (llp)

Beam Drop

Questo video documenta la realizzazione dell’installazione che Chris Burden ha prodotto all’Inothim Institute a Burmadinho, Brasile, nel 2008. In questo caso viene proposta in una location unica, sulla cima di una collina in mezzo a un parco di 45 ettari che comprende, oltre al museo e a dei resti archeologici, una collezione di piante tropicali rare della foresta Atlantica. Dei pilastri giganti si conficcano come lame nella terra. E’ bellissimo e non c’è altro da dire. (lmg)