Doomsday Vault?

the_seed_vault1

Di bunker antinucleare o post apocalisse se ne sente parlare spesso. Soprattutto ultimamente con la diffusione di una febbre paranoide, a metà strada tra scienza e seghe mentali, per la quale la fine del mondo dovrebbe coincidere con l’anno 2012. Insomma, uno cerca sempre di stare con i piedi per terra, di evitare cose alla “Uomo Falena”, però se si è un minimo fantasiosi con certe robe ci si va a ruota. Il Svalband Global Seed Vault è un bunker lungo 130 mt costruito tra il polo Nord e la Norvegia all’interno di una montagna sperduta nell’Oceano Artico. Custodisce una banca di milioni di semi vegetali a temperature bassissime con lo scopo di preservare la biodiversità. Un tesoro organico in grado di sopravvivere, tra le altre cose, a guerre, catastrofi naturali e estinzione per 10.000 anni. Il bunker è costato 9,4 milioni di dollari e tra i finanziatori dell’intero progetto figurano persino Rockefeller Foundation e Bill Gates Foundation. Non è necessario pensare all’apocalisse per giustificare l’esistenza di questa iniziativa. Però certo se un asteroide si dovesse schiantare sulla terra speriamo non cada in Norvegia. Per vedere il video clicca qui. Per approfondire qui. (lmg)

The Road – il film

the-road-poster1

Quando furono definitivamente assediati dalle tenebre la morsa del freddo li strinse; il bambino ormai era scosso dai brividi. Oltre l’oscurità non si alzò nessuna luna, e non c’era nessun posto dove andare. Nello zaino avevano una sola coperta, l’uomo la tirò fuori e ci avvolse il bambino, poi se lo strinse al petto sotto il giaccone aperto. Rimasero lì sdraiati per un sacco di tempo, ma stavano congelando e alla fine lui si mise a sedere. Dobbiamo muoverci, disse. Non possiamo starcene stesi qui. Si guardò intorno ma non c’era nulla da vedere. Parlava rivolto a un’oscurità che non aveva profondità né dimensioni.  

da “La strada” di Cormac McCarthy, Einuadi, 2007

Per saperne di più cliccate qui.
Sito ufficiale del film. (lmg)