My idea of rock music

Masonna si presenta sul palco da solo, con un microfono e qualche effetto, di solito vestito completamente di nero o di rosso. Inizia ad agitarsi e rilascia un’ onda densissima di distorsione e feedback, dentro la quale urla improperi e lancia oggetti. Poi si lancia lui stesso, dal punto più alto che trova. Di solito i suoi concerti non durano più di 10 minuti. Il risultato è parecchio psichedelico, un cono nero profondissimo che risucchia dentro di sè l’intero spettro solare. Ovvio che è facile alzare il volume a 11 e distorcere tutto. Difficile è farlo con criterio, e comunicare qualcosa. Per questo ci piace Masonna (che viene da Masochist+Madonna). Estremismo zen e saturazione. Lo vedemmo dal vivo una volta nel 1999, e ci venne a tutti la febbre.(mdc)

Images du monde visionnaire

Film documentario (dir. Eric Duvivier, 1964, 38 min) a scopo educativo che indaga sugli effetti di droghe come hashish e mescalina.  Prodotto dalla compagnia farmaceutica svizzera Sandoz (gli stessi che nel 1938 sintetizzarono l’LSD), il film si basa sui diari di Henri Michaux, artista/scrittore belga che teneva una documentazione dettagliata dei suoi esperimenti allucinogeni. Le immagini, che potrebbero appartenere a un’opera d’avanguardia, vengono utilizzate a scopo medico/scientifico. Un po’ come faceva Aldous Huxley, e altri intellettuali appartenenti a una categoria ormai estinta. (mdc)

(scoperto via TTT)