THE DOR

robert-smithson-001-229x3001

During the opening week of the 53rd Venice Biennial in June 2009, THE DOR set up a temporary office at the Istituto Svizzero di Venezia. The office was used for reproducing books and editing the reproductions. The artists Piero Golia and Fabian Marti involved all the staff of the institute and a couple of artist friends. THE DOR scanned, archived and reprinted books that were brought by international visitors, creating a meeting point dedicated to the sharing of rare books such as “Four Basic Kinds of Straight Lines” by Sol LeWitt from 1969, or catalogues as the one of “Documenta 5″ by Harald Szeemann from 1972. We were there and we enjoyed the idea of promoting a creative act, both theoretical and practical, and making it accessible to the public. Of course we also enjoyed the possibility of getting books that were impossible to find elsewhere.

Today THE DOR is still an open project looking for collaborations and more books from collectors, artists, curators and friends in order to expand the digital archive which is still available at:http://blog.the-dor.org/ where you can find and download many interesting books. THE DOR  has also been presented by Kunsthalle Zurich in Summer 2009 and at the Swiss Institute New York in the Winter of 2010.

Strictly formal

strictly-formal

Visiting artists websites can be mind blasting. By looking at Cory Archangel’s web pages one can pass from a short extract from a Robbie Williams live to intense reflections on art. We strongly recommend you the brilliant conversation with Mary Helimann published on Cory’s new blog, dedicated to interviews with interesting people and their day 2 day grind of making stuff.

thisiswhyyourefat

thisiswhyyourefat1
Avevo appena saziato il mio appetito e un solo sguardo a queste schifezze(capolavori) mi ha fatto rivenire fame. Se si è a corto di idee per una cena, thisiswhyyourefat.com è il sito ideale: c’è il martini fatto col gelato e le crocchette di pollo, la pizza con l’hamburger e, udite udite, la nave di carne: commovente. I colori dominanti sono il marrone, il rosso e il giallo acceso del formaggio fuso: uno dei migliori esempi al mondo di porno-gastronomia, da vedere/consultare prima che diventi illegale. (mdc)

Scimmie

classic-bw2

 

E’ da poco on line il nuovo blog di Michele Manfellotto, Scimmie. Si chiama come la sua rubrica che pubblichiamo su Nero, ma non è che sia più di tanto attinente. Oppure sì, visto che in qualche modo descrive quello che  ci sta prima, ma soprattutto dopo. Vale veramente la pena di andarci, raccoglie immagini e musica,  di livello. (vm)

Apparizioni

 

Quando vi capiterà di camminare su un pavimento di marmo vi consiglio di osservarlo per un po’, perchè ad un certo punto vi sembrerà che le venature formino un viso. Questo si può fare anche con le rocce, con le nuvole e con tutto quello che volete. Vi sarà già successo ma quello che non sapevate è che in realtà i visi e le forme che vedete sono manifestazioni del Signore. Su Apparizioni.com sono pubblicate molte foto che vedono il divino manifestarsi nei posti più disparati, forse anche sotto forme diverse perchè c’è una sezione con gli animali che pero’ non mi è ben chiara. Le foto sono affascinanti ma vi consiglio di visitare anche le altre sezioni, avanti per i contenuti e soprattutto per la scelta dei nomi, per esempio “Natuzza Evolo” (una santa che aveva il dono dell’ubiquità e da qui “Natuzza in bilocazione”, con interessanti foto delle sue emografie) o “Pizzo Misteriosa” (dove gli occhi del signore appaiono su un disco dei Sepultura) e il mio preferito ” Volti del Burrone”. Insomma se ad un certo punto vi sembrerà di vedere due occhi che vi osservano, invece di buttarvi giu’ pensando alla schizofrenia, fategli una foto e speditela al sito. (cb)

Monstermania by Russ Jones

L’etichetta “banned by google” ha già tanto da dire. Diciamo che a partire da queste pagine web avrete modo di perdervi nell’universo di Russ Jones, scrittore, illustratore, ed editore, noto ai più come il fondatore di Creepy, un horror-comics magazine di culto negli anni ’60. Solo per darvi un’idea: vintage comics, sex, pop fiction, future city, indie horror, xxx gallery di ogni tipo, weird fashion, virtual pets, adult games e molte altre curiosità. Insomma una matrioska virtuale piena di stronzate divertenti con le quali passare del tempo. Attenzione: inghiotte. Clicca qui. (lmg)